Auric Goldfinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Auric Goldfinger
Auric goldfinger.jpg
Universo James Bond
Saga Film di James Bond
Soprannome Gold
Autore Ian Fleming
1ª app. in Agente 007 - Missione Goldfinger (1964)
Ultima app. in Agente 007 - Missione Goldfinger
Interpretato da Gert Fröbe
Voce italiana Giorgio Capecchi
Specie caucasica
Sesso maschile
Data di nascita 9 novembre 1912
Professione villain/contrabbandiere d'oro
Abilità tecnologia e ingegno applicati alla criminalità
Affiliazione SMERSH (nel romanzo) Cina comunista (nel film)

Auric Goldfinger è un villain antagonista del protagonista James Bond nel film Agente 007 - Missione Goldfinger (1964). Il personaggio, creato da Ian Fleming nel romanzo Missione Goldfinger (1959); deve il proprio nome al celebre architetto ungherese Ernő Goldfinger.

Piano criminoso[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo di Goldfinger (operazione Grande Slam) consiste nel rendere radioattiva l'intera riserva aurea degli Stati Uniti facendo esplodere all'interno del caveau di Fort Knox una bomba atomica, in questo modo la quotazione del suo oro si sarebbe moltiplicata (secondo le sue stime circa 10 volte).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come molti dei personaggi, Goldfinger ha due distinte biografie: nel libro viene descritto come un uomo coi capelli rossi e gli occhi azzurri di origini ebree che tiene molto alla sua abbronzatura. Ha circa 42 anni e, nel 1937, all'età di 20 anni, fuggì dalla Lettonia. È un uomo molto ricco, la cui fortuna è basata su lingotti d'oro, e lavora come tesoriere della SMERSH, l'organizzazione criminale nemesi di Bond. Nella vita normale, invece, lavora come gioielliere. Fa uso di una pistola d'oro con la quale uccide le sue vittime piantando una pallottola nel loro occhio destro. Goldfinger è ossessionato dall'oro: infatti vernicia le donne con cui va a letto con un colore simile a quello dell'oro potendo copulare col biondo metallo, inoltre ha un libro pornografico con foto di prostitute dipinte di oro. Altra passione di Auric è il golf anche se è noto come un baro. La morte del villain avviene in un aereo dove vuole portare Bond a Cuba per vendicarsi ma, in un incontro corpo a corpo, l'agente lo strangolerà a mani nude, uccidendolo.

Nel film, invece, ha i capelli biondi ed è descritto come un ultramilionario gioielliere internazionale e contrabbandiere di oro. La morte di Goldfinger è diversa dal romanzo: in un breve scontro corpo a corpo Bond, per caso, preme il grilletto della pistola del suo rivale e il colpo distrugge una delle finestre dell'aereo in cui si trovano e il risucchio creatosi trascina Auric che cade giù, morendo.

Nel libro, il piano criminoso prevede lo svaligiamento totale di Fort Knox. Nel film, invece, intende far detonare una bomba nucleare all'interno del deposito aureo, così da annichilirlo e far salire il valore dell'oro in proprio possesso. Il piano illustrato nel romanzo risentirebbe della lentezza del processo, immaginato dallo stesso James Bond in un dialogo del film.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 è stato posizionato al 46º posto tra i 50 più cattivi cinematografici degli ultimi 100 anni, battendo altri antagonisti di 007 come Dr. No, Max Zorin, Emilio Largo e Ernst Stavro Blofeld.

Henchmen importanti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Goldfinger non è l'unico avversario di 007 a possedere una pistola d'oro, infatti il sicario Francisco Scaramanga (antagonista del romanzo "l'uomo dalla pistola d'oro" e del suo omonimo film del 1974) ne utilizza una anche lui.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond