Aurelio Valerio Tulliano Simmaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Aurelio Valerio Tulliano Simmaco Fosforio (latino: Marcus Aurelius Valerius Tullianus Symmachus Phosphorius; fl. 319-330; 280 circa – ...) fu un politico dell'Impero romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 280 circa, Simmaco fu proconsole di Acaia nel 319 e console nel 330.

Il celeberrimo oratore Quinto Aurelio Simmaco era suo nipote, in quanto suo padre Lucio Aurelio Aviano Simmaco Fosforio era il figlio di Tulliano. È possibile che i suoi genitori fossero Aurelio Ermogene, gran sacerdote della provincia d'Asia, e Tullia Valeria, gran sacerdotessa.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lizzi Testa.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lizzi Testa, Rita, Senatori, popolo, papi: il governo di Roma al tempo dei Valentiniani, EDIPUGLIA, 2004, ISBN 8872283922, p. 382, 384.
  • McWilliam, Joanne, Augustine: From Rhetor to Theologian, Wilfrid Laurier University Press, 1992, ISBN 0889202036, p. 9.
Predecessore
Imperatore Cesare Flavio Valerio Costantino Augusto VIII,
Flavio Claudio Costantino Cesare IV
Console romano
330
con Flavio Gallicano
Successore
Giunio Annio Basso,
Flavio Ablabio
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma