Aulonocara jacobfreibergi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aulonocara jacobfreibergi
Aulonocara jacobfreibergi RB3.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Cichlidae
Sottofamiglia Pseudocrenilabrinae
Genere Aulonocara
Specie A. jacobfreibergi
Nomenclatura binomiale
Aulonocara jacobfreibergi
(Johnson, 1974)

Aulonocara jacobfreibergi (Johnson, 1974) è un pesce d'acqua dolce, appartenente alla famiglia Cichlidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica del lago Malawi, vive in acque relativamente profonde, su fondali sabbiosi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo pesce raggiunge al massimo i 15 cm[2] e il dimorfismo sessuale è abbastanza marcato perché il maschio è più grande, colorato e ha le pinne più lunghe. È caratterizzato da fossette sensorie meno sviluppate rispetto alle altre specie del genere, e in natura vive in folti gruppi (anche 100 individui) composti esclusivamente da femmine e da un solo maschio adulto dominante, difendendo il proprio territorio all’interno delle piccole caverne dal fondo sabbioso dove generalmente vive.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Questi Ciclidi sono incubatori orali, quindi la femmina tiene le uova in bocca finché non si schiudono<. Questa specie non costruisce nidi di sabbia, preferendo, come sito di riproduzione, le fessure della roccia poste sulle pareti delle grotte o, semplicemente, il substrato delle medesime. La femmina depone fino a 50 uova[3].

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Viene classificato come "a rischio minimo" (LC) dalla lista rossa IUCN perché non è minacciato da particolari pericoli a parte la pesca che però non è così intensiva da mettere a rischio la specie[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Kazembe, J. & Makocho, P, Aulonocara jacobfreibergi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Aulonocara jacobfreibergi in FishBase. URL consultato il 9 giugno 2014.
  3. ^ Reproduction of Aulonocara jacobfreibergi in FishBase. URL consultato il 9 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Konings: “Malawi Cichlids in their natural habitat. 3th Edition “ (2001) – Cichlid Press, El Paso, USA
  • A. Konings: “Back to Nature guide to Malawi Cichlids” (1997) - Cichlid Press, El Paso, USA
  • P. V. Loiselle: « Butterflies and peacocks from Lake Malawi” (1985) - Freshwater and Marine Aquarium 3: 10-21
  • W. Staeck, H. Linke: “Ciclidi dell’Africa orientale” (1994) – Tetra-Werke, Melle, Germania
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci