Augusto Guglielmo di Prussia (1887-1949)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Prussia
Hohenzollern

Wappen Deutsches Reich - Königreich Preussen (Grosses).png

Il principe Augusto Guglielmo di Prussia

Augusto Guglielmo di Prussia, (nome completo August Wilhelm Heinrich Günther Viktor Prinz von Preußen[1]) (Potsdam, 29 gennaio 1887Stoccarda, 25 marzo 1949), membro della famiglia degli Hohenzollern, fu principe di Prussia.

Famiglia d'origine[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era l'imperatore Guglielmo II di Germania, figlio di Federico III di Germania e di Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha, nata principessa Reale del Regno Unito; sua madre era l'imperatrice Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg, figlia del principe Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg e della principessa Adelaide di Hohenlohe-Langenburg.

Studiò presso le università di Bonn, Berlino e Strasburgo. Ha conseguito il dottorato in scienze politiche nel 1907.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 22 ottobre del 1908, nella città di Berlino, Augusto Guglielmo sposò la prinicpessa Alessandra Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, figlia del duca Federico Ferdinando di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg e della principessa Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg.
La coppia ebbe un figlio:

Augusto Guglielmo con il figlio
  • Alessandro Ferdinando, principe di Prussia, nato il 26 dicembre 1912 e morto il 12 giugno 1985.

Essi divorziarono il 16 marzo del 1920 ottenendo la custodia del figlio.

[modifica | modifica sorgente]

Alla fine della seconda guerra mondiale, l'8 maggio 1945, Augusto Guglielmo venne arrestato dai soldati statunitensi e imprigionato nei locali della Flak-Kaserne Ludwigsburg, e fu condannato ai lavori forzati per due anni e mezzo. Subito dopo il suo rilascio, tuttavia, un nuovo procedimento fu avviato contro di lui. C'era un mandato di cattura nei suoi confronti da un tribunale di Potsdam, nella zona sovietica. Non venne mai stato arrestato, subito dopo, si ammalò gravemente e morì in un ospedale di Stoccarda all'età di 63. Augusto Guglielmo fu sepolto a Langenburg nel cimitero dei principi di Hohenlohe-Langenburg.

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Augusto Gulgielmo di Prussia Padre:
Guglielmo II di Germania
Nonno paterno:
Federico III di Germania
Bisnonno paterno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna paterna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna paterna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonno paterno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna paterna:
Marija Pavlovna di Russia
Nonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno paterno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna paterna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Madre:
Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Nonno materno:
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Bisnonno materno:
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonno materno:
Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
Trisnonna materna:
Luisa Augusta di Danimarca
Bisnonna materna:
Luisa di Danneskiold-Samsøe
Trisnonno materno:
Cristiano Corrado di Danneskiold-Samsøe
Trisnonna materna:
Giovanna Kaas di Mur
Nonna materna:
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg
Bisnonno materno:
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg
Trisnonna materna:
Amalia di Solms-Baruth
Bisnonna materna:
Feodora di Leiningen
Trisnonno materno:
Emilio Carlo di Leiningen
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Darryl Lundy, Genealogia del principe Augusto Guglialmo di Prussia, thePeerage.com, 1º luglio 2003. URL consultato il 6 giugno 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 266751850 LCCN: n2003125591