Augusto Castrucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Augusto Castrucci

Augusto Castrucci (Pisa, 1º gennaio 1872Milano, 27 febbraio 1952) è stato un sindacalista italiano e un macchinista ferroviario.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si avvicina da giovane alle idee anarchiche e nel 1893 entra in ferrovia. Nel 1897 aderisce alla Lega Ferrovieri, il primo organismo sindacale di categoria. Dopo la fondazione del Sindacato Ferrovieri Italiani, è fondatore del giornale IN MARCIA!, nel 1908, bandiera dei macchinisti nelle dure lotte di inizio secolo fino all'avvento del fascismo, di cui diventa direttore. Le lotte portate avanti da Castrucci e dal giornale diedero spessore organizzativo e politico alla categoria dei macchinisti.

A Pisa nel 1922 i fascisti gli bruciano la casa e lo minacciano di morte. Costretto a trasferirsi a Milano l'anno successivo viene esonerato dal servizio. Mantiene comunque la direzione di "In Marcia!" fino a che gli verrà imposto, nel 1926, di cessarne la pubblicazione. Durante il fascismo subisce denunce, fermi, arresti, persecuzioni.

Caduto il fascismo riprese il proprio posto nel sindacato di categoria, diventandone poi Segretario generale onorario e ricostruendo il suo giornale "IN MARCIA!".

Muore a Milano all’età di 80 anni.

Oggi c'è un'associazione chiamata "Augusto Castrucci Onlus" di cui il presidente è Ezio Gallori

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie