Auguste Blanqui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Louis-Auguste Blanqui

Louis-Auguste Blanqui (Puget-Théniers, 8 febbraio 1805Parigi, 1º gennaio 1881) è stato un rivoluzionario, attivista e politico francese, considerato uno degli esponenti di spicco del socialismo utopistico, orientato verso tendenze comuniste.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una famiglia benestante (il padre Jean-Dominique era il sotto-prefetto di Puget-Théniers) che gli diede l'opportunità di studiare legge e medicina. Fervente repubblicano, contribuì alla cacciata del re Carlo X di Francia nel 1830, durante la Rivoluzione di luglio; aderì poi alla Carboneria francese fondando gli Amis du peuple (1831) poi la Société des droits de l'homme (1833) e in seguito la Société des familles nella quale fu trovata polvere pirica durante un'ispezione e Blanqui fu condannato a due anni di carcere.

Era diventato nel frattempo socialista. Con l'amnistia del 1836 riuscì a tornare in attività e fondò la Société des saisons con la quale, nel maggio del 1839, partecipò all'organizzazione di un'insurrezione che gli costò la condanna a morte, commutata in ergastolo, da cui però fu graziato nel 1847. Partecipò ai moti del 1848 in cui tentò un nuovo colpo di stato contro il re Luigi Filippo. Aderì con Armand Barbès alla Société républicaine, ma fu nuovamente arrestato e condannato alla deportazione in Africa, da dove tornò con l'amnistia del 1859 per essere nuovamente arrestato nel 1861.

Stavolta riuscì a sottrarsi alla legge andando in esilio in terra belga dove continuò incessantemente la propria azione di propaganda politica, fondando i periodici "Candide" e "La patrie en danger". Rientrato in Francia nel 1870, dopo la caduta di Napoleone III e la sconfitta francese nella guerra franco-prussiana, diresse per pochi giorni un governo provvisorio. Membro della Comune di Parigi (elogiata anche da Karl Marx), nel 1872 il presidente Adolphe Thiers lo fece ancora arrestare e condannare nel 1872 nuovamente all'ergastolo.

Fu amnistiato nel 1879 ormai vecchio e malato, a soli due anni dalla scomparsa.

Dopo la sua ultima carcerazione, durata otto anni, Blanqui pubblicò, nel biennio 1880-1881, il giornale "Ni Dieu ni maître", potente organo di estrema sinistra, dal titolo esplicitamente programmatico ("Né Dio né padrone") tanto da diventare un motto di alcuni comunisti. La sua visione politica avrebbe influenzato fortemente il pensiero operaio, quello socialista e quello comunista dell'Ottocento, al cui interno si sarebbe sviluppata una vera e propria corrente ispirata al pensiero di Blanqui (ossia il blanquismo).

Uomo d'azione più che elaboratore di teorie, egli era convinto che il proletariato potesse creare una società di liberi e di uguali solo mediante un'insurrezione armata guidata da una piccola minoranza ben organizzata e decisa ad imporre la propria dittatura. Blanqui dedicò la sua intera esistenza a questa causa, senza lasciarsi scoraggiare né dall'esilio né dalle pene carcerarie cui fu ripetutamente condannato.

Blanqui fu stimato anche dal giovane Mussolini, allora socialista rivoluzionario, che usò un detto del pensatore francese come motto per le prime edizioni del Popolo d'Italia: "Chi ha del ferro ha del pane"[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'Eternité par les astres[modifica | modifica wikitesto]

I temi e gli aspetti filosofici[modifica | modifica wikitesto]

Nell'opera L'Eternité par les astres Blanqui analizza la possibilità dell'esistenza di dimensioni parallele infinite che necessariamente portano all'idea di infiniti nostri doppi che ripeteranno o varieranno i nostri gesti. Questi temi, che saranno cari a Borges, o a Escher, per certi versi appartengono anche agli aspetti più teorici della fantascienza. Lo stesso tipo di riflessione però considerato nella diacronia e non nella sincronia porta verso i concetti di eterno ritorno di Nietzsche.

« Ogni astro, qualunque astro esiste un numero infinito di volte nel tempo e nello spazio, non in una soltanto delle sue forme, ma così com' è in ognuno dei momenti della sua esistenza, dalla nascita alla morte. E tutti gli esseri sparsi sulla sua superficie, grandi e piccoli, vivi o inanimati, condividono il privilegio di questa perennità. La terra è uno degli astri. Ogni essere umano è dunque eterno, in ognuno dei momenti della sua esistenza. Quello che io ho scritto in questo momento nella mia cella, l' ho scritto e lo scriverò per l' eternità, sullo stesso tavolo, con la stessa penna, vestito degli stessi abiti, in circostanze uguali. Tutte queste terre sprofondano, una dopo l' altra, nelle fiamme che le rinnovano, per rinascere e sprofondare ancora, scorrimento monotono di una clessidra che si gira e si svuota eternamente da sola[2]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Non si dimentichi che quando Mussolini fonda, sulla fine del 1914, il nuovo quotidiano Il Popolo d'Italia lo fonda come quotidiano socialista, e cioè come giornale competitivo - da sinistra - dell'Avanti!, inalberante un motto di quel Blanqui che era stato caro a Mussolini fin dall'interno del PSI [...]. Il motto barricadero figurante in testa al Popolo d'Italia era "Chi ha del ferro ha del pane", accompagnato dal motto napoleonico "La rivoluzione è un'idea che ha trovato le baionette". (Aurelio Macchioro, Studi di storia del pensiero economico italiano, FrancoAngeli, 2006 ISBN 978-88-464-7360-8, p. 341)
  2. ^ Da L'eternité par les astres, come citato in Giovanni Mariotti, Un Visionario dell'Eternità in Corriere della Sera, 5 dicembre 2005.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Tomba di Auguste Blanqui
  • (FR) La patrie en danger (1871)
  • L'Eternité par les astres (o L'Immortalité par les astres) (1872), trad. di Daria Pozzi, L'eternità attraverso gli astri, introduzione e cura di Fabrizio Desideri, Roma: Theoria, 1983, 93 pagine; tr. Giulia Alfieri, a cura di Fabrizio Desideri, Milano: SE, 2005 ISBN 88-7710-626-3
  • (FR) La critique sociale (1886)
  • (FR) Gustave Geffroy, L'Enfermé (1897, biografia su di lui)
  • (EN) Neil Stewart, Blanqui, London: V. Gollancz, 1939
  • (EN) Alan Barrie Spitzer, The revolutionary theories of Louis Auguste Blanqui, New York: Columbia U.P., 1957, 208 pagine
  • Maurice Dommanget, Auguste Blanqui. Des origines à la Révolution de 1848 (Premiers combats et premières prisons), Éd. Mouton, Paris 1969, 352 pagine, trad. di Paolo Casciola, Louis-Auguste Blanqui, introduzione e cura di Gustave Danvier, Roma: Erre emme, 1990 ISBN 88-85378-10-2
  • Socialismo e azione rivoluzionaria, introduzione di Gian Mario Bravo, Roma: Editori riuniti, 1969, 264 pagine.
  • (EN) Samuel Bernstein, Auguste Blanqui and the art of insurrection, London: Lawrence & Wishart, 1971
  • Gabriele Parenti, Il pensiero politico di Blanqui, Pisa: Ets, 1976, 93 pagine.
  • (FR) Maurice Paz, Un revolutionnaire professionnel, Blanqui, Paris: Fayard, 1984, 315 pagine.
  • Scritti e materiali, a cura di Gustave Danvier, vol. 1: 1830-1848, Este (Padova): Isonomia, 1988 ISBN 88-85944-00-0
  • Autodifesa di un rivoluzionario, introdotto da Oreste Scalzone, Roma: Manifestolibri (collana "I grandi discorsi"), 1995, pagine 62. ISBN 88-7285-088-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 31993144 LCCN: n79144718