August Ferdinand Möbius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
August Ferdinand Möbius

August Ferdinand Möbius (Bad Kösen, 17 novembre 1790Lipsia, 26 settembre 1868) è stato un matematico e astronomo tedesco, la cui notorietà è dovuta principalmente alla scoperta del nastro di Möbius, una superficie bidimensionale che, immersa in uno spazio tridimensionale euclideo, presenta una sola linea di bordo e una sola faccia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era discendente di Martin Lutero per parte di madre. Nel 1803 iniziò a frequentare la scuola secondaria di Bad Kösen dove iniziò a manifestare i suoi interessi per la matematica. Diplomatosi nel 1808, si iscrisse all'Università di Lipzig, all'inizio seguendo i corsi di legge secondo i desideri della famiglia, poi seguendo la sua inclinazione, frequentando corsi di matematica, astronomia e fisica. In questo periodo fu marcatamente influenzato dall'astronomo Karl Mollweide, il quale peraltro aveva forti interessi per la matematica, per la fisica e per l'astronomia.

Nel 1813 si trasferì a Gottinga per studiare astronomia con Gauss nel suo osservatorio e successivamente si recò ad Halle per studiare matematica con Johann Friedrich Pfaff. Nel 1815 Möbius scrisse la sua tesi dottorale sulla Occultazione delle stelle fisse e quindi la sua tesi di abilitazione sulle equazioni trigonometriche.

Nastro di Möbius

Nel 1816 divenne, molto giovane, professore straordinario su una cattedra di astronomia e meccanica superiore all'Università di Lipzig, ma, a causa della sua scarsa capacità di attrarre studenti, divenne ordinario su una cattedra di astronomia solo nel 1844.

Möbius fu il primo matematico ad introdurre le coordinate omogenee in geometria proiettiva. La trasformazione di Möbius, significativa nella geometria proiettiva, non deve essere confusa con la trasformata di Möbius relativa alla teoria dei numeri, che porta anch'essa il suo nome.

Möbius condusse infatti studi nel campo della teoria dei numeri, introducendo l'importante funzione di Möbius μ(n) e la formula di inversione di Möbius con il suo articolo dal titolo Über eine besondere Art von Umkehrung der Reihen.

Egli manifestò interesse per quelli che ora, seguendo Listing, chiamiamo problemi di topologia. Si era posto, prima di Francis Guthrie, il problema delle colorazioni delle mappe risolvendo il problema dei cinque colori, in effetti molto più semplice di quello dei quattro colori. Inoltre in una memoria presentata alla Académie des Sciences riguardante proprietà dei poliedri, aveva discusso le caratteristiche di quello che ora è noto come nastro di Möbius. Va però rilevato che questa superficie era stata scoperta in modo indipendente poco tempo prima da Johann Benedict Listing.

In suo onore l'asteroide 2000 DQ3 fu chiamato 28516 Möbius

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Opere

  • De Computandis Occultationibus Fixarum per Planetas (1815)
  • Der barycentrische Calcül: ein neues Hilfsmittel zur analytischen Behandlung der Geometrie, Leipzig (1827)
  • Die Hauptsätze der Astronomie (1836)
  • Lehrbuch der Statik, 2 Bde, Leipzig (1837)
  • Die Elemente der Mechanik des Himmels, Leipzig (1843)

Biografie

Altro

  • Möbius Aromaticity and Delocalization Chem. Rev., 105 (10), 3697 -3715, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27139308 LCCN: n87805795