Audrey Mestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Audrey Mestre (Saint-Denis, 11 agosto 1974La Romana, 12 ottobre 2002) è stata un'apneista francese detentrice di diversi primati mondiali.

I suoi interessi accademici per la biologia marina la portano a incontrare nel 1996 il grande esponente dell'apnea Francisco "Pipín" Ferreras, il quale diventerà suo marito tre anni dopo. Al fianco di Pipin, Audrey Mestre si avvicina all'apnea agonistica diventando in breve tempo un'atleta di livello mondiale.

Nel 2000 scende a -125 metri stabilendo il primato femminile della sua specialità, per poi scendere un anno dopo a -130 metri migliorandosi ulteriormente. Nell'ottobre del 2002, sotto la supervisione di un team guidato dal marito, Audrey Mestre si prepara a superare i primati maschili della specialità. Il 4 ottobre scende a -166 metri. Otto giorni più tardi tenta la discesa a -171 metri, ma un problema al pallone di risalita le impedisce un corretto ritorno in superficie. La sua permanenza in acqua si prolunga fino a otto minuti e mezzo (in apnea) e a nulla valgono i tentativi estremi dei sub di soccorso e dello stesso Pipin. Audrey Mestre viene recuperata priva di sensi e dichiarata deceduta poco dopo in ospedale.

Molte accuse saranno mosse all'organizzazione del tentativo di discesa e in particolare a Pipin, ritenuto da alcuni colpevole di aver spinto la moglie verso limiti estremi. Le cause e circostanze della disgrazia non verranno comunque mai completamente chiarite.

La storia di Pipin e Audrey Mestre, della loro vita insieme nell'amore per il mare sino al tragico evento è raccontata nel libro Nel blu profondo: una storia di amore e ossessione edito da Mondadori nel 2005 (ISBN 88-0453-013-8).

Recentemente il tragico evento è stato ripreso da Carlos Serra, ex socio e amico di Pipin, in una ricostruzione minuziosa dei fatti, in verità molto diversa da quelli descritti da Pipin, nel libro The Last Attempt pubblicato da XLIBRIS nel 2007 (ISBN 1-4257-3839-7) al momento disponibile solo in lingua Inglese.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14164681