Audition

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il software di registrazione audio, vedi Adobe Audition.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Audition
Audition.JPG
Una scena del film
Titolo originale オーディション
Ōdishon
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Corea del Sud, Giappone
Anno 1999
Durata 115 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller, orrore
Regia Takashi Miike
Soggetto Ryū Murakami (dall'omonimo romanzo)
Sceneggiatura Daisuke Tengan
Produttore Satoshi Fukushima, Akemi Suyama
Fotografia Hideo Yamamoto
Montaggio Yasushi Shimamura
Musiche Kôji Endô
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
(JA)

« Kiri, kiri, kiri... »

(IT)

« Più giù, più giù, più giù... »

(Asami, mentre infila gli aghi nel corpo di Aoyama)

Audition (オーディション Ōdishon?) è un film del 1999, diretto da Takashi Miike. È basato sul romanzo omonimo di Ryū Murakami.

È considerato uno dei migliori film del regista giapponese, ed è il film che lo ha fatto conoscere definitivamente in tutto il mondo.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Shigeharu Aoyama è un uomo di mezza età rimasto vedovo dopo la morte per malattia della moglie. Suo figlio Shigeiko gli propone dopo tanti anni di incontrare nuovamente una donna e di risposarsi. Dopo un attimo di esitazione l'uomo si convince e si reca dall'amico produttore cinematografico Yasuhisa Yoshigawa, che organizza un'audizione per un film che non verrà mai realizzato, con il solo scopo di far incontrare più ragazze ad Aoyama, che sceglierà la sua sposa.

All'audizione si presentano varie ragazze, ma Aoyama rimane subito colpito dalla bellezza e dalla dolcezza di Asami, una ragazza che dichiara di essere stata una ballerina che dopo un grave incidente ha dovuto rinunciare ad una fortunata carriera. Yoshigawa ha però molti dubbi su Asami. Nel curriculum da lei complilato infatti non si possono contattare le sue referenze, poiché tutti gli indirizzi da lei scritti si rivelano falsi. Aoyama non crede a quello che dice il suo amico, e decide di telefonare e di incontrare Asami. Questa vive in uno squallido appartamento quasi vuoto, ad eccezione di un grande sacco e di un telefono, vicino al quale Asami sta seduta immobile per giorni e giorni, in attesa della telefonata di Aoyama. Quando finalmente il telefono squilla, il sacco inizia improvvisamente a muoversi, e Asami sfoggia un sorriso inquietante.

Aoyama e Asami iniziano così a frequentarsi, uscendo insieme, fino a quando l'uomo la invita in un hotel vicino al mare. Lì i due hanno un rapporto sessuale, prima del quale Asami rivela ad Aoyama delle cicatrici sulle gambe, dicendo di essersele auto-inflitte e gli chiede di amare esclusivamente lei. Aoyama accetta.

Il mattino seguente Aoyama si risveglia da solo. Di Asami infatti non vi è più traccia. Aoyama, disperato, inizia a cercarla, ma tutti gli indirizzi e i luoghi da lei citati si rivelano deserti. Aoyama si reca dal vecchio insegnante di danza di Asami, che si trova su una sedia a rotelle. Si scopre che l'uomo abusò di Asami e fu lui ad infliggerle le cicatrici sulle gambe con un ferro rovente quand'era una bambina.

Aoyama si reca al bar dove Asami lavorava, ma lo trova chiuso. Un uomo gli dice che il locale è chiuso da più di un anno, a causa di un orribile omicidio. La donna che gestiva il locale è stata infatti uccisa, e il suo corpo ridotto a brandelli. Quando la polizia è giunta sul luogo ha trovato alcuni particolari macabri: due lingue, tre orecchie e tredici dita. Aoyama fugge sconvolto.

Intanto Asami si reca a casa di Aoyama e inserisce del sedativo in un drink. Aoyama torna a casa e vi trova Asami. L'uomo beve il suo drink. A questo punto partono dei flashback che ricostruiscono gli incontri precedenti dei due, svelando alcuni particolari. Si scopre che nel sacco che si trova a casa di Asami vi è un uomo a cui mancano la lingua, i piedi, un orecchio e tre dita della mano. L'uomo si ciba del vomito di Asami.

Asami prende delle siringhe e immobilizza a terra Aoyama, che rimane cosciente. Asami inizia lentamente a torturare Aoyama, infilandogli degli aghi sul viso e negli occhi. Mentre lo tortura, dice all'uomo che lui è come tutti gli altri, che non è capace di amare esclusivamente lei, quindi gli taglia un piede. Mentre Asami sta per tagliare l'altro piede giunge nella casa Shigeiko. Asami si nasconde e il ragazzo trova il padre immobilizzato a terra, in un lago di sangue. Asami assale Shigeiko e gli spruzza dello spray corrosivo sulla faccia. Il ragazzo riesce a difendersi e la fa cadere dalle scale. Asami si rompe il collo. Aoyama dice al figlio di chiamare la polizia, ma Asami sembra ancora viva e il suo sguardo è diretto verso Aoyama.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Durante la proiezione del film al Rotterdam Film Festival del 2000, una donna si avvicinò a Takashi Miike e gridò: You're evil! («Lei è malvagio!»).[2] Miike dichiarò in seguito: «In qualche modo ho trovato piacevole essere etichettato in quel modo».[3] Durante la proiezione del film all'Irish Film Institute, a Dublino, alcuni spettatori erano in visibile stato di shock, e uno spettatore è svenuto.[2]

Marilyn Manson chiese a Takashi Miike di girare un remake statunitense del suo film e di dargli una parte come attore. Manson precisò che voleva il regista per un film, non per un videoclip: «il suo stile è un po' troppo estremo per un mio video». asserì il cantante. Miike dichiarò: «Per me fu un vero shock sentire che ero "troppo estremo" per Marilyn Manson». [senza fonte]

Collegamenti ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

  • Hostel di Eli Roth prende molti spunti da Audition:la struttura narrativa è quasi analoga. La differenza sta nel fatto che in Audition l'elemento cardine è la ricerca dell'amore, mentre per Hostel è la ricerca del sesso. Inoltre gli indumenti utilizzati dai torturatori di Hostel sono molto simili a quelli utilizzati da Asami durante la scena della tortura.
  • Nel film The Departed - Il bene e il male, diretto da Martin Scorsese nel 2006, una sequenza di Audition viene mostrata nella televisione di Matt Damon, quando questi parla con la sua fidanzata.
  • La struttura di Noriko's Dinner Table, diretto da Sion Sono nel 2005, presenta delle similitudini con Audition. Anche in questo film è infatti presente un flusso continuo di flashback, visioni e sogni.

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il videoclip dei My Chemical Romance, Honey, This Mirror Isn't Big Enough to the Two of Us, mostrato per la prima volta nel 2002, è basato su Audition. Il video è una ricostruzione totale basata sul film, della durata di tre minuti e cinquanta secondi.
  • Il primo episodio di Channel 101, nella serie del 2006 Phone Sexxers, è basato sulle torture mostrate in Audition.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autori vari, Dossier Nocturno n.38. Il fantasma della libertà. Il cinema estremo di Takashi Miike, Milano, Nocturno, settembre 2005.
  2. ^ a b Tom Mes, Agitator. The Cinema of Takashi Miike, Londra, Fab Press, 2003.
  3. ^ Dario Tomasi (a cura di), Anime perdute. Il cinema di Takashi Miike, Torino, Il Castoro/Museo Nazionale del Cinema, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema