Audiatur et altera pars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina audiatur et altera pars (si ascolti anche l'altra parte) o audi alteram partem (ascolta l'altra parte) racchiude un fondamentale principio dell'ordinamento giuridico, meglio noto come principio del contraddittorio, espressamente previsto dal codice di procedura civile all'art. 101 in virtù del quale "Il giudice, salvo che la legge disponga altrimenti, non può statuire sopra alcuna domanda, se la parte contro la quale è proposta non è stata regolarmente citata e non è comparsa".

Il principio del contraddittorio, in particolare nel processo penale, risponde all'esigenza di garantire il rispetto del diritto inviolabile alla difesa previsto dall'ex art. 24, comma 2°, Cost., e dei principi del "giusto processo" di cui all'art. 111, comma 2°, Cost., in base al quale ogni processo deve svolgersi nel contraddittorio tra le parti ed in condizioni di parità.

La locuzione corrisponde al modo di dire "sentire l'altra campana".[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guida Breve per l'Accesso al Gratuito Patrocinio in Creative Commons. URL consultato il 13 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]