Audace Cerignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USD Audace Cerignola
Calcio Football pictogram.svg
Logo Audace Cerignola.png
Gialloblu, Ofantini, Cicogne
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Solid yellow.pngSolid blue.png giallo-blu
Simboli Cicogna
Dati societari
Città Cerignola (FG)
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Prima Categoria
Fondazione 1912
Rifondazione 1999
Presidente Italia Nicola Grieco
Allenatore Italia Massimo Gallo
Stadio Domenico Monterisi
(circa 5.000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Dilettantistica Audace Cerignola, meglio nota come Cerignola, è una società calcistica italiana con sede nella città di Cerignola. Milita in Prima Categoria, la settima divisione del campionato italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalle origini agli anni venti[modifica | modifica wikitesto]

« E’ con immensa gioia e grande soddisfazione che annuncio la nascita ufficiale del Cerignola.

Audacia,impegno,sacrificio,attaccamento ai colori sociali devono essere i principi ai quali tutti gli atleti devono ispirarsi nelle competizioni sportive. A voi giovani atleti,l’augurio di splendide vittorie,con l’impegno di portare in alto il nome del Cerignola. »

(Parole del marchese De Torres y De Calbò durante il suo discorso del 1º giugno 1912, giorno della nascita dell'Unione Sportiva Cerignola.)

La prima società calcistica cerignolana fu costituita il 1º giugno del 1912 ad opera del marchese Francisco De Torres Y De Calbò che la sovvenzionò interamente a proprie spese.

Intorno alla fine degli anni venti il Cerignola cominciò a prendere parte ai campionati provinciali e regionali. La società, in questo periodo, era condotta a regime dilettantistico: i calciatori non percepivano affatto uno stipendio; il terreno di gioco era costituito dal campo di Villa Ducale.

Dagli anni trenta agli anni cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Formazione degli anni trenta.

Nonostante un terremoto che la sconvolse, nella stagione 1931/1932, Cerignola vide per la prima volta la partecipazione della propria squadra al campionato di III Divisione Pugliese, arrivando seconda solo dietro al Foggia. Seguirono anni bui in cui la società militò nei campionati minori. La svolta arrivò nel 1935, anno in cui la squadra partecipò al campionato di Nazionale di Serie C, in seguito ad ripescaggio in virtù del terzo posto della stagione precedente. Naturalmente questo avvenimento ridestò l'interesse dei cerignolani nei confronti del calcio e della propria squadra.

Nel momento in cui la squadra stava ottenendo ottimi risultati, il mondo fu sconvolto dalla seconda guerra mondiale. Il calcio veniva ancora praticato, anche se molti membri della squadra furono costretti a partire per i teatri di guerra. Fu in questo periodo che venne disputato l'ultimo campionato di Seconda Divisione prima del periodo buio che colpì il calcio cerignolano. Infatti gli strascichi del conflitto mondiale colpirono, naturalmente, anche lo sport. Non c'erano abbastanza fondi per poter mantenere una squadra di calcio. Questo finché nell'immediato dopo guerra, spinti dal sindaco Pasquale Specchio, una serie di volenterosi contribuirono alla creazione di una nuova società calcistica: l'"Unione Sportiva Audace Cerignola".

Dagli anni sessanta agli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Formazione degli anni sessanta.

Nella stagione 1967-1968, il Cerignola, dopo un periodo colmo di vicissitudini, venne ripescato in Serie D (successivamente alla ristrutturazione dei campionati minori), tra l'altro figurando ottimamente. Nel 1973 il Cerignola retrocesse in Promozione e nella stagione 1975-1976, a causa della crisi finanziaria che investì la società, l'Unione Sportiva Audace Cerignola cessò di esistere.

Formazione degli anni ottanta.

Per molto tempo, le società cittadine non si spingevano oltre la militanza nelle serie minori. Nonostante tutto, però, l'interesse di ridare nuova linfa alla situazione calcistica cerignolana era forte. L'interesse si concretizzò quando la G.S. Favalli e l'Associazione Sportiva Cerignola Cittadella (che partecipavano al campionato di Promozione) si riunirono in una società che vide l'ingresso di ulteriori soci. La squadra fu ammessa al campionato di Promozione, dopo ben tredici anni.

L'anno successivo però, a causa di alcune irregolarità nella presentazione della fideiussione da parte della società, il Cerignola fu estromesso dal campionato e solo grazie alla mediazione del sindaco Valentino la società fu riammessa al campionato di Promozione piuttosto che a quello di Terza Categoria.

Nel campionato 1986-1987 il Cerignola colse la promozione in Interregionale. Artefici di quel successo furono tra gli altri i cerignolani Colucci, Mastroserio, Dimmito e Stellardi.

Nel '90, dopo un biennio passato in Promozione, il Cerignola venne ripescato nella massima categoria dilettantistica dalla quale era stata estromessa precedentemente per aver tardato il perfezionamento dell'iscrizione al campionato. In Eccellenza, la squadra sfiorò più volte la promozione in Serie C2.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Formazione degli anni novanta.

Nella stagione 1999-2000 la Gioco Calcio Cerignola vide il susseguirsi di diversi allenatori nel corso della stagione, a conclusione della quale retrocesse nuovamente in Eccellenza.

La squadra retrocesse anche l'anno successivo, arrivando penultima in campionato. Nel frattempo, una nuova realtà calcistica stava prendendo piede: l’Ofantile Cerignola. Si optò allora per la fusione delle due società per formare l'Audace Cerignola, squadra che militerà in Promozione rischiando spesso la retrocessione.

Durante la stagione 2004-2005 la squadra viene affidata ad un suo ex, Mimmo Di Corato. In questa la squadra arriva seconda dietro al Barletta. Essendo arrivati secondi, gli ofantini non accedono alla promozione diretta in Eccellenza. Promozione che arriva in seguito a un ripescaggio. Nella stagione successiva l'Audace si ritroverà a metà classifica.

Nel 2006-2007 l'Audace Cerignola disputa un campionato (vinto dal Fasano) che gli ha permesso di accedere, e superare, i play-off, disputando così la fase Interregionale contro una squadra siciliana, il Carini: nella gara di andata l'Audace vince per 3-2, mentre nella gara di ritorno gli avversari si impongono, passando così il turno, con il risultato di 2-0. Qui termina il sogno della promozione in Serie D.

Alla fine della stagione 2006-2007, la smobilitazione: Antonio Daniello abbandona la carica di presidente della società, e il mister Mimmo Di Corato si accomoda sulla panchina del Bisceglie, portando con sé, tra l'altro, diversi elementi della rosa dell'Audace. L'anno calcistico comincia male, e si conclude anche peggio: dopo un campionato senza acuti, l'Audace, penultimo in classifica, è costretto a disputare i play-out per la permanenza in Eccellenza. Contro il Molfetta, i giallazzurri non vanno oltre il pareggio (1-1) nella gara di andata, disputata al "Monterisi". Servirebbe una vittoria nella gara di ritorno, ma a Molfetta finisce 1-0 per i biancorossi padroni di casa. Dopo aver sfiorato la serie D solo un anno prima, l'Audace Cerignola torna in Promozione.

Anche in virtù della retrocessione in Promozione, la stagione 2008-2009 non comincia sotto i migliori auspici. Città e tifoseria ripongono pochissime speranze nella squadra, nella dirigenza e nel nuovo allenatore: Girolamo Zinfollino. In realtà, quest'ultimo si dimostra la "chiave di volta" di una formazione che, settimana dopo settimana, riesce ad emergere e dominare il campionato, inanellando un risultato positivo dopo l'altro. Grazie all'ottima "striscia" positiva, l'Audace Cerignola riesce a distanziare le diverse aspiranti alla promozione diretta, arrivando a conquistare l'accesso al campionato di Eccellenza con quattro giornate di anticipo. La promozione è stata accolta in maniera entusiastica, soprattutto dalla tifoseria, perché l'ultimo salto diretto di categoria risaliva a 22 anni prima. A riprova dell'ottima stagione disputata dagli "ofantini" vi è un'unica sconfitta, in trasferta contro l'Atletico Vieste, ed i 73 punti in classifica che permettono alla squadra di superare il precedente record di 72 punti detenuto dal Barletta.

In virtù del primo posto nel girone A di Promozione pugliese, al termine del campionato la squadra ha disputato la finale per lo scudetto regionale di Promozione contro il Taurisano, vincente del girone B. I confronti sono terminati con i risultati di 3 a 3 (in trasferta) e 2 a 1 (in casa), con conseguente conquista del titolo da parte della squadra salentina.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

I mesi che seguono l'agognata promozione sul campo sono segnati da momenti molto critici, al punto che la squadra ha addirittura rischiato di non iscriversi al campionato di Eccellenza. Il presidente Dinisi aveva deciso ad abbandonare la dirigenza dell'Audace in mancanza di sussidi di tipo economico da parte di altri imprenditori; aiuti, a suo dire, in mancanza dei quali sarebbe stato impossibile proseguire con il campionato.

Fortunatamente l'appello del presidente non è rimasto inascoltato: durante una serie di incontri si sono poste le basi per un progetto quinquennale che vede affiancarsi all'attuale dirigenza una cordata di venticinque imprenditori locali interessati a sposare il progetto. Tra gli imprenditori interessati alle sorti della squadra ofantina spicca il nome di Pasquale Casillo, presidente del Foggia all'epoca di Zemanlandia. Alla squadra si unisce anche l'ex allenatore Zinfollino, autore della promozione in Eccellenza, che nel frattempo aveva firmato un precontratto con la Fortis Trani.

I nuovi assestamenti societari hanno rinfrancato tifoseria e città, che finalmente intravedevano un progetto a medio termine. In campionato la squadra non riesce a ottenere risultati positivi e occupa la parte bassa della classifica. A settembre la dirigenza gialloazzurra decide di esonerare Notariale; al suo posto viene chiamato Mimmo di Corato, con cui la squadra inanella, anche grazie ai nuovi arrivi natalizi, una serie di risultati utili consecutivi che hanno permesso una lenta risalita della classifica, culminata poi con lo spareggio nei tempi supplementari con il Martina per la promozione in Serie D, perso per 2-1. A questo punto la squadra affronterà i play-off regionali incontrando in semifinale il Victoria Locorotondo vincendo sia in trasferta (0-1) sia in casa (3-1) e può quindi giocare la finale contro il Bisceglie. La squadra perde in trasferta per 2-0 e in casa per 1-0. Di conseguenza il Bisceglie passerà ai play-off nazionali.

La nuova stagione degli Ofantini inizia nel dubbio, infatti, la società vedendo la mancata iscrizione della Fermana Football Club (vincitrice della coppa italia d'Eccellenza) ricorre contro la FIGC e la LND per la mancata iscrizione al campionato di Serie D 2013-2014 come avente di diritto. Nel frattempo la società inizialmente rinunciataria al campionato d'Eccellenza Pugliese 2013-2014 ha ricevuto in data 17/09/2013 il rigetto del ricorso presentato per l'ammissione in Serie D 2013-2014, rimanendo senza alcuna squadra calcistica rappresentante in città. Per la stagione 2014-2015, l'Audace Cerignola si iscrive in Prima Categoria grazie ai meriti sportivi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1 Coppa italia di eccellenza pugliese anno 2012-2013

Vittoria del campionato di Promozione pugliese anno 2008-2009

Cronistoria dell'Audace Cerignola
  • 1912: Viene fondata la Unione Sportiva di Cerignola.

  • 1931-32 - 3^ nel girone A della Terza Divisione Puglia. Promosso in Seconda Divisione.
  • 1932-33 - 5^ in Seconda Divisione Puglia.
  • 1933-34 - 1^ in Seconda Divisione Puglia. Promosso in Prima Divisione.
  • 1934-35 - 3^ nel girone G della Prima Divisione. Ammesso in Serie C.
  • 1935-36 - 12^ nel girone D della Serie C.
  • 1936-37 - 12^ nel girone E della Serie C. Retrocesso in Prima Divisione.
  • 1937-38 - 6^ in Prima Divisione Puglia.
  • 1938-39 - 11^ in Prima Divisione Puglia. Retrocesso in Seconda Divisione.
  • 1939-40 - in Seconda Divisione Puglia.
  • 1940-41 - si ritira alla 4ª giornata dalla Prima Divisione Puglia. Il campionato viene annullato.

  • 1947-48 - 7^ nel girone A della Prima Divisione Puglia. Promosso in Promozione.
  • 1948-49 - 13^ nel girone N della Promozione.
  • 1949-50 - 12^ nel girone N della Promozione.

  • 1950-51 - 6^ nel girone N della Promozione.
  • 1951-52 - 6^ nel girone N della Promozione. Retrocessa in Promozione.
  • 1952-53 - 1^ nella Promozione Pugliese. Promosso in IV Serie.
  • 1953-54 - 10^ nel girone G di IV Serie.
  • 1954-55 - 7^ nel girone G di IV Serie.
  • 1955-56 - 11^ nel girone G di IV Serie.
  • 1956-57 - 5^ nel girone G di IV Serie.
  • 1957-58 - 15^ nel girone G di I Categoria di IV Serie.
  • 1958-59 - 17^ nel girone G di IV Serie. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1959-60 - ?^ nel girone B della Prima Categoria Puglia

  • 1960-61 - ?^ nel girone A della Prima Categoria Puglia
  • 1961-62 - 6^ nel girone A della Prima Categoria Puglia
  • 1962-63 - 1^ nel girone A della Prima Categoria Puglia, perde lo spareggio promozione per la Serie D.
  • 1963-64 - 1^ nel girone A della Prima Categoria Puglia, perde lo spareggio promozione per la Serie D.
  • 1964-65 - ?^ nel girone A della Prima Categoria Puglia
  • 1965-66 - 2^ nel girone A della Prima Categoria Puglia
  • 1966-67 - 3^ nel girone A della Prima Categoria Puglia, Promosso per ripescaggio in Serie D.
  • 1967-68 - 7^ nel girone H di Serie D
  • 1968-69 - 2^ nel girone H di Serie D
  • 1969-70 - 15^ nel girone H di Serie D

  • 1970-71 - 2^ nel girone H di Serie D
  • 1971-72 - 13^ nel girone H di Serie D
  • 1972-73 - 18^ nel girone H di Serie D, Retrocessa in Promozione.
  • 1973-74 - 1^ nel girone A della Promozione Puglia, Promosso in Serie D.
  • 1974-75 - 18^ nel girone H di Serie D, Retrocessa in Promozione. - Fallimento societario.
  • 1975-1976 - Inattivo
  • 1976-1977 - Inattivo
  • 1977-1978 - Inattivo
  • 1978-1979 - Inattivo
  • 1979-1980 - Inattivo

  • 1980-1981 - Inattivo
  • 1981-82 - 2^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1982-83 - 4^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1983-84 - 3^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1984-85 - 4^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1985-86 - 2^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1986-87 - 1^ nel girone A della Promozione Puglia, Promosso in Interregionale.
  • 1987-88 - 8^ nel girone H del Campionato Interregionale. Esclusa per inadempienze finanziarie, ripartendo dalla Promozione Puglia
  • 1988-89 - 9^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 1989-90 - 3^ nel girone A della Promozione Puglia, Promosso in Interregionale per ripescaggio.

  • 1990-91 - 2^ nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1991-92 - 2^ nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1992-93 - 14^ nel girone G del C.N.D.
  • 1993-94 - 9^ nel girone G del C.N.D.
  • 1994-95 - 2^ nel girone H del C.N.D.
  • 1995-96 - 11^ nel girone G del C.N.D.
  • 1996-97 - 3^ nel girone G del C.N.D.
  • 1997-98 - 14^ nel girone H del C.N.D.
  • 1998-99 - 13^ nel girone G del C.N.D.
  • 1999-00 - 17^ nel girone H del C.N.D., Retrocesso in Eccellenza.

  • 2000-01 - 15^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, Retrocesso in Promozione.
  • 2001-02 - 8^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 2002-03 - 9^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 2003-04 - 12^ nel girone A della Promozione Puglia
  • 2004-05 - 2^ nel girone A della Promozione Puglia Promossa in Eccellenza dopo ripescaggio
  • 2005-06 - 10^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia
  • 2006-07 - 3^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, eliminata in semifinale play-off nazionale.
  • 2007-08 - 17^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, Retrocesso in Promozione dopo sconfitta semifinale play-out regionale.
  • 2008-09 - 1^ nel girone A della Promozione Puglia, Promossa in Eccellenza
  • 2009-10 - 11^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia

  • 2010-11 - 2^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, eliminata in finale play-off regionale.
  • 2011-12 - 3^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, eliminata in semifinale play-off nazionale.
  • 2012-13 - 4^ nel girone Unico dell'Eccellenza Puglia, perde la finale coppa italia nazionale dilettanti, eliminata in semifinale play-off regionale. Vincitrice Coppa Italia di Eccellenza Pugliese
  • 2013: Rinuncia all'iscrizione al campionato di Eccellenza Puglia 2013-2014.
  • 2013-14 - Inattivo
  • 2014 - La U.S.D. Audace Cerignola è ammessa al campionato di Prima Categoria Puglia per meriti sportivi.
  • 2014-15 - nel girone A della Prima Categoria Puglia.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Domenico Monterisi.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Il Cerignola nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La squadra ebbe una certa risonanza nazionale sul finire degli anni cinquanta grazie al film commedia del 1958 Gambe d'oro, nel quale veniva raccontato anche di un'ipotetica amichevole con la Nazionale Italiana, vinta nella pellicola proprio dal Cerignola. La notizia fu tenuta nascosta agli organi di stampa in quanto il match fu giocato a porte chiuse, ma non ai cerignolani dato che tutta la città era fuori dello stadio ad attendere notizie sull'andamento della gara.

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale

III

Prima Divisione 1 1934-1935 1934-1935 3
Serie C 2 1935-1936 1936-1937

IV

Seconda Divisione 2 1932-1933 1933-1934 23
Prima Divisione 4 1937-1938 1947-1948
Promozione 4 1948-1949 1951-1952
IV Serie 4 1953-1954 1956-1957
Campionato Interregionale 2 1957-1958 1958-1959
Serie D 7 1967-1968 1974-1975

V

Terza Divisione 1 1931-1932 1931-1932 23
Seconda Divisione 1 1939-1940 1939-1940
Promozione 2 1952-1953 1973-1974
Prima Categoria 8 1959-1960 1966-1967
Campionato Interregionale 3 1987-1988 1991-1992
Campionato Nazionale Dilettanti 8 1992-1993 1999-2000

VI

Promozione 8 1981-1982 1989-1990 16
Eccellenza 8 2000-2001 2012-2013

VII

Promozione 5 2001-2002 2008-2009 6
Prima Categoria 1 2014-2015 2014-2015


Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi
Amicizie
Rivalità

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]