Atya gabonensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Atyopsis gabonensis)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gambero del Gabon
Atyagabonensis.jpg
Una coppia sul fondo di un acquario
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Metazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Superclasse Gnathostomata
Classe Malacostraca
Ordine Decapoda
Infraordine Caridea
Famiglia Atyidae
Genere Atya
Specie A. gabonensis
Nomenclatura binomiale
Atya gabonensis
Giebel, 1865
Nomi comuni

Gambero radar
Gambero blu del Gabon
Gambero ventaglio africano

Atya gabonensis Giebel, 1875 è un gambero d'acqua dolce appartenente alla famiglia Atyidae[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nelle acque dolci dell'Africa occidentale[2]. Specialmente diffusa nelle acque dolci di Gabon e Camerun[1].

Atyopsis gabonesis

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il carapace è robusto e tozzo. Gli occhi neri, la testa è munita di sei paia di antenne. Le prime quattro zampe (chelipedi) presentano una terminazione a pinza con estremità fornite di numerose setole, formanti un ventaglio. Questi ventagli vengono allargati in prossimità di una turbolenza nell'acqua e usati come raccoglitori per le particelle di cibo (infusori, naupli e altro). Quando l'animale sente la presenza di una preda sul ventaglio, lo chiude e lo porta alla bocca.[senza fonte] La livrea varia dall'azzurro acceso con riflessi rossi al bruno-grigiastro.
Le dimensioni si attestano sui 15 cm di lunghezza massima. La femmina presenta un carapace più tozzo di quello del maschio.

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Da qualche anno questo gambero è oggetto di allevamento e riproduzione negli acquari occidentali, forti dell'esperienza acquisita con il gambero Caridina japonica, appartenente alla stessa famiglia. L'allevamento avviene in condizioni d'acqua ideali (24 °C) e con pesci pacifici. Si è notato che l'A. gambonensis ricerca autonomamente il cibo, senza bisogno di essere nutrito come i pesci, piazzandosi vicino all'acqua di uscita del filtro oppure setacciando la sabbia con il suo apparato di ricerca del cibo, riesce comunque anche ad afferrare il mangime secco che affonda lentamente in acqua. È un animale prevalentemente notturno che trascorre buona parte del suo tempo sotto il getto di rientro dell'acqua del filtro. Bisogna ospitarlo in vasche da minimo di 50 litri. L'acquario può essere di qualsiasi tipologia purché provvisto di un buon filtraggio e con acqua sufficientemente mossa e ossigenata. Non gradisce la presenza di pesci aggressivi o turbolenti come Barbi e grossi Ciclidi che possono disturbarlo o ferirlo soprattutto durante il delicato periodo della muta. Richiede un arredamento simile a quello in natura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) De Grave, S. & Mantellato, F, Atya gabonensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Fransen, C. (2014), Atya gabonensis in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi