Attorney general

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'attorney general (scritto anche attorney-general) è un alto funzionario dello stato, presente nei sistemi di common law, la cui funzione principale è fornire consulenza giuridica al governo. In certi paesi ha anche la responsabilità della pubblica accusa nei processi penali e altre funzioni volte ad assicurare il rispetto delle leggi.

Ruolo e funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il titolo possa essere letteralmente tradotto in italiano con "procuratore generale", la traduzione rischia di essere fuorviante giacché le funzioni dell'attorney general e la sua posizione sono significativamente diverse da quelli dell'organo che in Italia e in altri paesi di civil law è così denominato. Infatti, mentre quest'ultimo svolge funzioni di pubblico ministero, l'attorney general, pur avendo in alcuni paesi anche la responsabilità della pubblica accusa, ha principalmente la funzione di consulente legale del governo, con un ruolo, quindi, per certi versi analogo all'Avvocatura dello Stato italiana.

Inoltre, mentre il procuratore generale italiano è un magistrato, l'attorney general è un funzionario del potere esecutivo. In certi paesi (ad esempio, Australia e Stati Uniti) è un politico membro del gabinetto ed ha, quindi, uno status equivalente a quello di un ministro, svolgendo parte delle funzioni altrove attribuite al ministro della giustizia (che in alcuni di questi ordinamenti, ad esempio quello statunitense, manca del tutto). In altri paesi (ad esempio, Gran Bretagna ed India) è invece un giurista, di solito un avvocato con una certa anzianità, di nomina governativa e, pur non facendo parte del gabinetto, viene comunque considerato componente del governo.

L'attorney general è a capo di un dicastero (che negli Stati Uniti è denominato Department of Justice, Dipartimento di Giustizia) e di solito è coadiuvato dal solicitor general (scritto anche solicitor-general) che lo può sostituire e che è quasi sempre un giurista, anche quando l'attorney general è un politico.

Ove sia stata attribuita all'attorney general la responsabilità della pubblica accusa, le funzioni di accusatore (prosecutor) sono concretamente esercitate da avvocati che in alcuni ordinamenti sono posti alle sue dipendenze e in molti altri (ad esempio quello britannico e quello australiano) alle dipendenze del director of public prosecutions il quale, a sua volta, risponde all'attorney general; l'azione penale per determinati reati può inoltre essere subordinata al consenso dell'attorney general.

Figure analoghe a livello subnazionale[modifica | modifica wikitesto]

Negli ordinamenti federali esiste un attorney general a livello di federazione e uno per ciascuno stato. Così è in Australia e negli Stati Uniti; peraltro nella maggioranza degli stati americani il general attorney non è nominato dal capo del governo, come avviene nel governo federale e negli altri ordinamenti di common law, ma eletto dal popolo (nei rimanenti stati è nominato dal governatore o, in qualche caso, dal parlamento o dalla corte suprema statale).

In Gran Bretagna accanto all'Attorney General for England and Wales, competente per l'Inghilterra e il Galles, esisteva un Lord Advocate, competente per la Scozia. Tuttavia, dopo la concessione dell'autonomia alla Scozia, il Lord Advocate fa parte del governo locale scozzese mentre nel governo nazionale è stata creata, in sua sostituzione, la carica di Advocate General for Scotland.

Il titolo di advocate general è usato anche in alcuni altri paesi di common law per designare funzionari con funzioni analoghe a quelle dell'attorney general in governi subcentrali; in India, ad esempio, ve n'è uno in ogni stato, omologo dell'attorney general a livello federale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]