Atto di precetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'atto di precetto è un istituto processuale del ramo civile del diritto italiano, previsto e disciplinato dall'art. 480 del c.p.c. notificato dalla parte con atto scritto. È un'intimazione volta a far adempiere un obbligo risultante da un titolo esecutivo. Tale atto costituisce la fase preliminare dell'esecuzione forzata.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

L'atto di precetto, ai sensi dell'art. 480 c.p.c. deve contenere a pena di nullità:

  • L'indicazione delle parti
  • La data di notificazione del titolo esecutivo (nel caso questi sia stato notificato precedentemente alla notifica dell'atto di precetto).
  • La trascrizione del titolo esecutivo (solo quando questa sia richiesta espressamente dalla legge, ad es. cambiali e assegni.)
  • La dichiarazione di residenza nel comune in cui ha sede il giudice competente a procedere ad esecuzione forzata. Tale elemento non è obbligatorio, in caso di assenza di tale informazione, le eventuali opposizioni al precetto verranno notificate presso la cancelleria del giudice stesso.
  • La sottoscrizione della parte

Notifica[modifica | modifica sorgente]

L'atto di precetto deve essere notificato nel domicilio del debitore, e contiene la formale intimazione ad adempiere entro un termine che non può essere minore a dieci giorni dal giorno della notifica stessa. In caso di mancato adempimento tale atto, assieme al titolo esecutivo, darà la possibilità al creditore di procedere alla fase esecutiva. L'atto di precetto, che è un titolo recettizio, può essere notificato assieme al titolo esecutivo, oppure successivamente.

Efficacia[modifica | modifica sorgente]

Ai sensi dell'art. 481 c.p.c. l'atto di precetto perde la propria efficacia se, trascorsi 90 giorni dalla notifica dello stesso, non è iniziata l'esecuzione forzata. Se, invece, è proposta opposizione contro il precetto, il termine rimane sospeso e riprende a decorrere a norma dell'art. 627 c.p.c. (art. 481 c.p.c.).

Riferimenti normativi[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Crisanto Mandrioli, Diritto Processuale Civile, Torino, Giappichelli Editore. ISBN 8834801016.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]