Attilio Odero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Attilio Odero
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Genova
Data nascita 1 gennaio 1854
Luogo morte Genova
Data morte 11 maggio 1945
Titolo di studio Licenza tecnica
Professione Industriale
Data 2 marzo 1929
Pagina istituzionale

Attilio Odero (Genova, 1 gennaio 1854Genova, 11 maggio 1945) è stato un imprenditore italiano. Nato da Nicolò, importatore di carbone fossile e poi spedizioniere, e da Maria Cavezzari, dopo aver avuto la licenza a 18 anni entra nel cantiere navale di Sestri Ponente ex Westerman che suo padre aveva acquisito.

I cantieri navali presenti a Genova e Sestri Ponente furono gestiti dalla famiglia Odero fin dal 1871. Il cantiere era attrezzato per la costruzione di navi di piccolo e medio tonnellaggio. Le officine meccaniche che occupavano gran parte dello stabilimento costruivano apparati a vapore di qualsiasi tipo (e sino alle massime potenze) nonché motori a combustione interna tipo Sulzer e Fiat. Nel 1905 è stato tra i fondatori della San Giorgio. Fu inoltre presidente delle Acciaierie di Terni e della O.T.O. (Odero Terni Orlando).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 19 novembre 1905[1]
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 2 giugno 1889
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
— 23 aprile 1908
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 14 dicembre 1911
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 27 luglio 1913

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito Federazione nazionale Cavalieri del lavoro: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]