Atsutane Hirata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hirata Atsutane02.jpg

Atsutane Hirata (Akita, 6 ottobre 17762 novembre 1843) è stato uno scrittore e filosofo giapponese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò con Yamazaki Ansai (1619-1682), fu discepolo di Motoori Norinaga e seguace degli insegnamenti dello Shintoismo. Fu inoltre in esponente di primo piano della scuola Kokugaku.

Gran conservatore, si oppose alla riapertura del Giappone dopo anni di Sakoku (1635-1854) poiché si dimostrò nel 1729 il più accanito sostenitore di un ritorno ai valori indigeni. Egli riteneva il Giappone l'unico paese sacro in quanto creato dai Kami dando così un'inclinazione xenofoba oltreché nazionalista alle sue teorie. Si favorì in questo modo la nascita di un movimento nazionalista che nel XX secolo avrebbe manifestato tratti razzisti e autoritari.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Fra i testi da lui scritti:

  • Koshi-den (Interpretazione della storia antica).
  • Kodō taii
  • Tama no mihashira

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37719205

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie