Atsuko Maeda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Atsuko Maeda
Atsuko Maeda a Los Angeles nel 2010
Atsuko Maeda a Los Angeles nel 2010
Nazionalità Giappone Giappone
Genere J-pop
Periodo di attività 2005 – in attività
Etichetta King Records
Gruppo attuale -
Gruppi precedenti AKB48

Atsuko Maeda (前田 敦子 Maeda Atsuko?) (Ichikawa, 10 luglio 1991) è un'attrice e cantante giapponese. Ha fatto parte dal dicembre 2005 all'agosto 2012 del gruppo idol delle AKB48, delle quali è stata una delle componenti più rappresentative, avendo vinto per due volte le elezioni come membro più popolare tra i fan. Lasciato il gruppo per proseguire la carriera di attrice, i suoi ruoli più importanti sono nei film The Complex, Seventh Code e Moratoriamu Tamako, per il quale ha vinto il Japanese Professional Movie Award alla migliore attrice.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi con le AKB48[modifica | modifica wikitesto]

Atsuko Maeda entra a far parte del Team A del gruppo idol delle AKB48 all'età di 14 anni[1], rimanendovi sei anni. Durante questo periodo si afferma come una delle componenti più celebri conquistando, nelle elezioni che il gruppo tiene ogni anno tra i fan, il titolo di idol più popolare nelle edizioni 2009[2] e 2011[3], e piazzandosi seconda nel 2010[4].

Il 25 marzo 2012, durante il concerto delle AKB48 alla Saitama Super Arena, Maeda manifesta la volontà di lasciare il gruppo[5] in modo tale da potersi concentrare sulla carriera di attrice[6]. La notizia ottiene immediato risalto tra i media giapponesi, oltre a innescare voci sulla presunta morte di uno studente universitario che si sarebbe suicidato a causa dell'annuncio; voci che poi si rivelano essere infondate[7]. Maeda si esibisce per l'ultima volta insieme al gruppo durante la serie di concerti di tre giorni al Tokyo Dome, dal 24 al 26 agosto[8], caratterizzata da una richiesta di 229 096 biglietti per l'evento[9]. Il giorno seguente il gruppo tiene una cerimonia d'addio in suo onore all'AKB48 Theatre[10]: l'evento attira nelle strade di Akihabara (il quartiere di Tokyo dove è situato il teatro del gruppo) centinaia di fan. L'esibizione in teatro viene altresì trasmessa in diretta online su YouTube[11].

Carriera da solista[modifica | modifica wikitesto]

Al di fuori delle AKB48, Maeda intraprende la carriera da cantante solista all'indomani dell'handshake event tenutosi al Nagoya Dome il 23 aprile 2011, durante il quale ne viene data notizia ai fan[12]. Diventa così il secondo membro del gruppo a pubblicare un singolo dopo Tomomi Itano con Dear J. Il suo primo singolo, Flower, esce il 22 giugno seguente arrivando in prima posizione nella classifica Oricon[13]. Il secondo singolo, Kimi wa boku da, viene pubblicato il 20 giugno 2012.

Circa un anno dopo la sua "graduation" dalle AKB48, Maeda appare come special guest al concerto del gruppo al Sapporo Dome, il 31 luglio 2013, per annunciare l'uscita del terzo singolo Time machine nante iranai[14][15], utilizzato come colonna sonora del dorama della Fuji TV Yamada-kun to 7-nin no majo[16].

Carriera di attrice[modifica | modifica wikitesto]

Maeda debutta come attrice nel 2007 nel film Ashita no watashi no tsukurikata, diretto da Jun Ichikawa[17], mentre il suo primo ruolo da protagonista è nel film del 2011 Moshidora, di Makoto Tanaka[18]. Nel 2012 ottiene il ruolo di co-protagonista nel film di Nabuhiro Yamashita Kueki ressha[19], e un anno dopo quello di protagonista nel film horror The Complex, di Hideo Nakata[20]. Nel settembre 2012 partecipa alle riprese del film di Kiyoshi Kurosawa 1905, con protagonista l'attore originario di Hong Kong Tony Leung Chiu-Wai[21], ma il progetto viene cancellato a causa dell'inasprimento delle relazioni tra Cina e Giappone in seguito alla disputa per le isole Senkaku, oltre alla bancarotta della casa distributrice Phenom H[22].

Nel 2013 Maeda è protagonista di una serie di video-sketch introduttivi di trenta secondi per la Music On! TV dove interpreta Tamako, un laureata senza lavoro che passa le giornate a casa dormendo e mangiando. Il progetto viene trasposto successivamente in uno special televisivo e in un lungometraggio, Moratoriamu Tamako, uscito nella sale cinematografiche nel novembre dello stesso anno[23] e per il quale Maeda viene insignita del Japanese Professional Movie Award alla migliore attrice[24]. Sempre nel 2013 è la voce narrante nel corto anime Eevee e i suoi amici[25], e la protagonista nel film di Kiyoshi Kurosawa Seventh Code, vincitore all'8ª edizione del Festival internazionale del film di Roma del premio alla miglior regia e al mglior contributo tecnico[26].

Nel 2014 è protagonista nei film Eight Ranger 2 di Yukihiko Tsutsumi[27] e Sayonara Kabukichō di Ryūichi Hiroki[28].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con le AKB48[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia delle AKB48.

Singoli Indie[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Sakura no Hanabiratachi"
  2. "Skirt, Hirari"

Singoli Major[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Aitakatta"
  2. "Seifuku ga jama o suru"
  3. "Keibetsu shiteita aijō"
  4. "Bingo!"
  5. "Boku no taiyō"
  6. "Yūhi o miteiru ka?"
  7. "Romance, irane"
  8. "Sakura no hanabiratachi 2008"
  9. "Baby! Baby! Baby!"
  10. "Ōgoe diamond"
  11. "10nen zakura"
  12. "Namida surprise!"
  13. "Iiwake Maybe"
  14. "River"
  15. "Sakura no shiori"
  16. "Ponytail to shushu"
  17. "Heavy Rotation"
18. "Beginner"
19. "Chance no Junban"
20. "Sakura no ki ni narō"
21. "Everyday, Katyusha"
22. "Flying Get"
23. "Kaze wa fuiteiru"
24. Canzoni presenti in "Ue kara Mariko"
  • "Noël no yoru"
  • "Rinjin wa Kizutsukanai"
25. "Give Me Five!"
26. "Manatsu no Sounds Good!"
27 Canzoni presenti in "Gingham Check"
  • "Yume no kawa"

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Flower (2011)
  • Kimi wa boku da (2012)
  • Time machine nante iranai (2013)
  • Seventh Chord (2014)

Photobooks[modifica | modifica wikitesto]

  • Hai (2009)
  • Acchan in Hawaii (2010)
  • Maeda Atsuko in Tokyo (2010)
  • Atsuko in NY (2010)
  • Bukiyō (2012)
  • AKB48 Sotsugyou Kinen Photobook "Acchan" (2012)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Radhika Seth, AKB48’s Maeda Atsuko graduates and how! in Japan Daily Press, 28 agosto 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  2. ^ (JA) イベントレポート:AKB48、13thシングル選抜総選挙「神様に誓ってガチです」 in Livedoor News, 8 luglio 2009. URL consultato il 15 settembre 2014.
  3. ^ (JA) 110人分足してもかなわない 最強すぎるAKB2トップ in Sponichi Annex, 11 giugno 2011. URL consultato il 15 settembre 2014.
  4. ^ (JA) AKB48 選抜総選挙 結果 in AKB48 Official Blog, Ameblo.jp, 9 giugno 2010. URL consultato il 15 settembre 2014.
  5. ^ (JA) あっちゃん、AKB卒業へ…「私なりに頑張った6年半でした」 in Oricon, 25 marzo 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  6. ^ (EN) Mark Schilling, ‘Seventh Code’ in The Japan Times, 2 gennaio 2014. URL consultato il 13 settembre 2014 (archiviato l'8 gennaio 2014).
  7. ^ (EN) Philip Brasor, An idol ‘graduating’ should not be front-page news in The Japan Times, 15 aprile 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  8. ^ (JA) 前田敦子、AKB卒業後初のソロ公演決定 9月に東京&神戸で in Oricon, 30 maggio 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  9. ^ (JA) AKB前田卒業公演をGoogle+&YouTubeで完全生配信 ファンの投稿が公演の演出に! in Oricon, 21 agosto 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  10. ^ (JA) 板野友美、敦子との“再会”「うれしい」 in Oricon, 28 giugno 2013. URL consultato il 15 settembre 2014.
  11. ^ (EN) Maeda Atsuko makes a surprise appearance on the balcony in Tokyohive, 27 agosto 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  12. ^ (EN) AKB48's Maeda Atsuko will officially go solo in June in Tokyohive, 23 aprile 2011. URL consultato il 3 novembre 2014.
  13. ^ (EN) AKB48's Maeda Atsuko tops Oricon's Weekly Singles Chart! in Tokyohive, 28 giugno 2011. URL consultato il 3 novembre 2014.
  14. ^ (EN) Maeda Atsuko to release a new single + perform the song at AKB48's Sapporo Dome concert as a special guest in Tokyohive, 17 giugno 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  15. ^ (EN) Atsuko Maeda makes guest appearance at AKB48 concert in Japan Today, 2 agosto 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  16. ^ (EN) Former AKB48 Idol Atsuko Maeda Sings Yamada-kun to 7-nin no Majo Drama's Theme in Anime News Network, 6 agosto 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  17. ^ (EN) Mark Schilling, ‘Ashita no Watashi no Tsukurikata’ Teen movie that fits in perfectly in The Japan Times, 11 maggio 2007. URL consultato il 3 novembre 2014.
  18. ^ (EN) AKB48's Atsuko Maeda Stars in Moshidora Film Next June in Anime News Network, 13 dicembre 2010. URL consultato il 3 novembre 2014.
  19. ^ (EN) Mark Schilling, ‘Kueki Ressha (The Drudgery Train)’ Slacker comedy manages to keep it real in The Japan Times, 6 luglio 2012. URL consultato il 3 novembre 2014.
  20. ^ (EN) Ard Vijn, IFFR 2013 Review: THE COMPLEX Gives A Decent Fright, Twitch Film, 31 gennaio 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  21. ^ (EN) Tony Leung, Matsuda Shota, and Maeda Atsuko to star in Kurosawa Kiyoshi's new movie '1905' in Tokyohive, 10 settembre 2012. URL consultato il 3 novembre 2014.
  22. ^ (EN) Atsuko Maeda's film canceled after studio goes bust due to Senkaku dispute in Japan Today, 27 febbraio 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  23. ^ (JA) 前田敦子が“残念な実家依存娘”に!山下敦弘監督「もらとりあむタマ子」11月公開決定 in Eiga.com, 20 agosto 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  24. ^ (JA) 前田敦子、日プロ大賞で主演女優賞獲得!『苦役列車』の演技に対して in Cinema Today, 25 aprile 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  25. ^ (EN) 2013 Pokémon Trailer Reveals Ex-AKB48 Atsuko Maeda & New Mewtwo Form in Anime News Network, 17 aprile 2013. URL consultato il 3 novembre 2014.
  26. ^ (EN) Mark Schilling, ‘Seventh Code’ in The Japan Times, 2 gennaio 2014. URL consultato il 13 settembre 2014 (archiviato l'8 gennaio 2014).
  27. ^ (EN) Former AKB48 Idol Atsuko Maeda Joins Eight Ranger 2 Film Cast in Anime News Network, 4 febbraio 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  28. ^ (EN) Mark Schilling, Hot Japanese Stars Sometani Shota and Maeda Atsuko Say ‘Sayonara Kabukicho’ in Variety, 14 luglio 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]