Atletica leggera ai Giochi della XXVI Olimpiade - 400 metri ostacoli femminili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Atletica leggera
400 metri ostacoli femminili
Atlanta 1996
Informazioni generali
Luogo Centennial Olympic Stadium di Atlanta
Periodo 28-31 luglio 1996
Partecipanti 30
Podio
Medaglia d'oro Deon Hemmings Giamaica Giamaica
Medaglia d'argento Kim Batten Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo Tonja Buford Stati Uniti Stati Uniti
Edizione precedente e successiva
Barcellona 1992 Sydney 2000
Atletica leggera ai
Giochi di Atlanta 1996
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
5000 metri uomini donne
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 10 km donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Tiro del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

I 400 metri piani hanno fatto parte del programma femminile di atletica leggera ai Giochi della XXVI Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 28-31 luglio 1996 allo Stadio Olimpico del Centenario di Atlanta.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica sorgente]

Campionessa olimpica 1992 53"23 Regno Unito Sally Gunnell Presente
Campionessa europea 1994 53"33 Regno Unito Sally Gunnell Presente
Campionessa mondiale 1995 52"61 Record mondiale Stati Uniti Kim Batten Presente
Primatista stagionale 53"53, 28 giugno Stati Uniti Tonja Buford-Bailey Presente

La gara[modifica | modifica sorgente]

Nella prima semifinale Deon Hemmings batte il record olimpico con 52"99 (RN). Nella seconda serie, appannaggio di Kim Batten con 53"65, danno addio alla finale le prime due medagliate di Barcellona, Sally Gunnell per un infortunio muscolare, e Sandra Farmer-Patrick, che giunge quinta ad un solo centesimo dal quarto posto.
In finale, Deon Hemmings riesce a migliorarsi ulteriormente; sulla retta finale è già prima ma spinge fino in fondo e segna una grande prestazione. Il suo 52"82 è il quinto crono di tutti i tempi.
Per la prima volta tutte le otto finaliste corrono sotto i 55 secondi.

Quello che non era riuscito alla grande Merlene Ottey è riuscito a Deon Hemmings, che diventa la prima giamaicana a vincere l'oro olimpico in atletica.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Turni eliminatori[modifica | modifica sorgente]

4 Batterie 28 luglio 30 partenti Si qualificano le prime 3
+ i 4 migliori tempi.
2 Semifinali 29 luglio 8 + 8 Si qualificano le prime 4.
Finale 31 luglio 8 concorrenti

Finale[modifica | modifica sorgente]

Pos Paese Atleta Tempo
Gold medal.svg Giamaica Giamaica Deon Hemmings 52"82 Record olimpico
Silver medal.svg Stati Uniti Stati Uniti Kim Batten 53"08
Bronze medal.svg Stati Uniti Stati Uniti Tonja Buford 53"22
4 Giamaica Giamaica Debbie Parris 53"97
5 Germania Germania Heike Meissner 54"03
6 Canada Canada Rosey Edeh 54"39
7 Romania Romania Ionela Târlea 54"40
8 Germania Germania Silvia Rieger 54"47