Atletica leggera ai Giochi della XIX Olimpiade - Salto in alto femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Salto in alto femminile
Città del Messico 1968
Informazioni generali
Luogo Stadio Olimpico Universitario
Periodo 16 e 17 ottobre 1968
Partecipanti 24
Podio
Medaglia d'oro Miloslava Rezkova Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Medaglia d'argento Antonina Okorokova URSS URSS
Medaglia di bronzo Valentina Kosyr URSS URSS
Edizione precedente e successiva
Tokyo 1964 Monaco di Baviera 1972
Atletica leggera ai
Giochi di Città del Messico 1968
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini
5000 metri uomini
10000 metri uomini
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/80 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini
Prove su strada
Maratona uomini
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Tiro del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Pentathlon donne

Il Salto in alto ha fatto parte del programma femminile di atletica leggera ai Giochi della XIX Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 16-17 ottobre 1968 allo Stadio Olimpico Universitario di Città del Messico.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica sorgente]

Primatista mondiale 1,91 1961 Romania Iolanda Balaș Ritirata 1966
Campionessa olimpica 1964 1,90 Romania Iolanda Balaș Ritirata 1966
Campionessa europea 1966 1,75 URSS Taisia Chenchik Assente
Primatista stagionale 1,87 Germania Est Rita Schmidt Presente

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Turno eliminatorio[modifica | modifica sorgente]

Qualificazione
1,74 m

Quattordici atlete ottengono la misura richiesta.

Finale[modifica | modifica sorgente]

È la prima finale dopo il "regno" di Iolanda Balaș. Il livello si è abbassato di netto.
La gara procede senza sorprese fino a 1,78. Già a questa misura c'è un atleta che ha fatto il suo personale: è la cecoslovacca Rezková, che prima dei Giochi aveva un mediocre 1,70. A 1,80 la Rezková stupisce tutti valicando l'asticella alla prima prova. Con lei rimangono solo le sovietiche Okorokova e Kozir (quest'ultima però passa la misura alla terza prova).
Ad 1,82 ci si aspetta il lampo vincente delle russe, invece la ceca è l'unica che passa la misura e si aggiudica un meritato oro. Giunge quinta con 1,78 la primatista stagionale Rita Schmidt.

Pos. Paese e Atleta 1,60 1,65 1,68 1,71 1,76 1,78 1,80 1,82 1,84 Misura Note
Gold medal.svg Cecoslovacchia Miloslava Rezková O - XO XO XO O O XXO 1,82
Silver medal.svg URSS Antonina Okorokova O - O - XO O XXX 1,80
Bronze medal.svg URSS Valentina Kozir O O O O O XO XXO XXX 1,80
4 Cecoslovacchia Jaroslava Valentová O - O - XO O XXX 1,78
5 Germania Est Rita Schmidt O - O XXO O XO XXX 1,78
6 Cecoslovacchia Mária Faithová XO - O XO O XXO XXX 1,78
7 Germania Est Karin Schulze O - XO O O XXX 1,76
8 Austria Ilona Gusenbauer O XO O XO XXX 1,76
9 Ungheria Magdolna Csábiné O O O XXX 1,71
ex æquo Francia Ghislaine Barnay O O O XXX 1,81
11 Brasile Maria Cypriano O O O XXO XXX 1,71
12 URSS Vera Grushkina O XO XXO XXX 1,71
13 Regno Unito Barbara Inkpen O O XXX 1,68
14 Jugoslavia Snezana Hrepevnik XO XO XXX 1,68

La gara segna un dominio delle atlete dell'est. Tra sovietiche, ceche, tedesche Est, la prima atleta occidentale è l'austriaca Gusenbauer che giunge ottava.