Atlas (Battles)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atlas
Battles, Atlas (Timothy Saccenti).png
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Battles
Tipo album Singolo
Pubblicazione 2 aprile 2007
Durata
  • 14 min: 13 s
  • 4 min: 08 s (radio edit)[1]
Album di provenienza Mirrored
Dischi 1
Tracce 2
Genere[2][3] Musica elettronica
Rock sperimentale
Indie rock
Math rock
Post-rock
Neoprogressive
Etichetta Warp Records
Formati 12", CD, download digitale
Battles - cronologia
Singolo precedente
(2004)
Singolo successivo
(2007)

Atlas è il primo singolo dei Battles estratto dal loro album di debutto Mirrored. È stato pubblicato il 2 aprile 2007 in Gran Bretagna dall'etichetta indipendente Warp Records nei formati 12", CD e digitale.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Atlas è l'unico brano non strumentale dell'album da cui è estratto. A causa degli effetti musicali utilizzati per la voce di Tyondai Braxton, che su Slant Magazine sono stati commentati con «sembra che gli Umpa Lumpa stiano cantando The Beautiful People di Marilyn Manson»,[4] il testo della canzone è stato frainteso in realtà gli unici versi che vengono cantati recitano: «People won't be people when they hear this sound/Glowing in the dark on the edge of town».[5]

Video[modifica | modifica sorgente]

Il video, reso disponibile anche su DVD, è stato diretto da Timothy Saccenti e prodotto da Marcia Mohiuddin con la fotografia di Ivan Abel, il montaggio e gli effetti visivi di Ryan McKenna, l'animazione di Seth Pomerantz e la direzione artistica del polistrumentista David Konopka.[6]

Nel video il gruppo si esibisce nel cubo di vetro raffigurato sulla copertina di Mirrored anch'essa curata da Konopka e Saccenti.[7]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Pitchfork Media ha inserito Atlas al 2º posto della classifica Top 100 Tracks of 2007[8] e al 42º posto della classifica The Top 500 Tracks of the 2000s[9] elogiando in particolare l'esecuzione del batterista John Stanier. Il New Musical Express ha invece inserito il brano al 54º posto della classifica "150 Best Tracks of the Past 15 Years".[5]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Testi e musiche di Battles.

  1. Atlas – 7:10
  2. Atlas (DJ Koze Remix) – 7:03

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Battles - Atlas (Radio Edit) (Cr) at Discogs, Discogs. URL consultato il 23 agosto 2012.
  2. ^ (EN) Battles - Atlas at Discogs, Discogs. URL consultato il 23 agosto 2012.
  3. ^ (EN) Atlas in Allmusic, All Media Network.
  4. ^ (EN) Jimmy Newlin, Battles: Mirrored, Slant Magazine, 21 maggio 2007. URL consultato il 23 agosto 2012.
  5. ^ a b (EN) 150 Best Tracks of the Past 15 Years, New Musical Express, ottobre 2011. URL consultato il 23 agosto 2012.
  6. ^ (EN) Battles - Atlas (DVDr) at Discogs, Discogs. URL consultato il 23 agosto 2012.
  7. ^ (EN) Battles - Atlas (Vinyl) at Discogs, Discogs. URL consultato il 23 agosto 2012.
  8. ^ (EN) Mark Richardson, Top 100 Tracks of 2007, Pitchfork Media, 17 dicembre 2007. URL consultato il 23 agosto 2012.
  9. ^ (EN) Ian Cohen, The Top 500 Tracks of the 2000s: 50-21, Pitchfork Media, 20 agosto 2009. URL consultato il 23 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock