Atlanta Nights

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atlanta Nights
Autore Vari
1ª ed. originale 2004
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Atlanta Nights (in italiano Le notti di Atlanta) è un romanzo del 2004 scritto in collaborazione da un gruppo di scrittori di fantascienza e di fantasy statunitensi, con lo scopo dichiarato di produrre un'opera di qualità pessima, per verificare se la casa editrice a pagamento PublishAmerica l'avrebbe accettata lo stesso[1]: venne infatti accettata, ma, dopo che lo scherzo venne rivelato, l'editore ritirò l'offerta[2].

L'obiettivo principale dell'iniziativa era mettere alla prova l'affermazione della PublishAmerica di essere una "casa editrice tradizionale" che accetta solo manoscritti di alta qualità. I suoi critici invece da tempo sostenevano che PublishAmerica fosse in effetti una casa editrice a pagamento (in inglese vanity press), che non prestava particolare attenzione alle possibilità di vendere i libri pubblicati, poiché la maggior parte dei guadagni veniva dagli autori, piuttosto che dai lettori. La PublishAmerica, inoltre, aveva fatto delle osservazioni altamente denigratorie sugli autori di fantascienza e di fantasy, poiché molti dei suoi critici appartenevano infatti a quei gruppi; tali giudizi influenzarono la decisione di mettere alla prova pubblicamente in quel modo originale le dichiarazioni della PublishAmerica[3].

Origini[modifica | modifica sorgente]

La PublishAmerica si definisce una "casa editrice tradizionale", che accetta di pubblicare solo materiale di qualità: nel suo sito internet afferma di ricevere più di settanta manoscritti al giorno, e di cestinarne la maggior parte.

A un certo punto, la PublishAmerica pubblicò, sul suo sito AuthorsMarket, degli articoli che, fra le altre cose, dicevano:

(EN)
« [S]cience-fiction and fantasy writers have it easier. It's unfair, but such is life. As a rule of thumb, the quality bar for sci-fi and fantasy is a lot lower than for all other fiction. Therefore, beware of published authors who are self-crowned writing experts. When they tell you what to do and not to do in getting your book published, always first ask them what genre they write. If it's sci-fi or fantasy, run. They have no clue about what it is to write real-life stories, and how to find them a home. Unless you are a sci-fi or fantasy author yourself. »
(IT)
« Per gli autori di fantascienza e di fantasy è più facile. Non è giusto, ma così è la vita. In linea generale, il livello qualitativo dei romanzi di fantascienza e di fantasy è molto più basso di quello dei romanzi di altro genere. Perciò, guardatevi dagli autori pubblicati che si autoproclamano esperti di scrittura. Quando vi dicono cosa fare e cosa non fare per vedere pubblicato il proprio libro, chiedete sempre prima che cosa scrivono. Se è fantascienza o fantasy, scappate. Non hanno idea di che cosa voglia dire scrivere storie di vita reale, e come trovar loro una casa. A meno che voi stessi non siate scrittori di fantascienza o di fantasy[4]»
(Author's Market: Never Trust the "Experts")
(EN)
« But, alas, the SciFi and Fantasy genres have also attracted some of the lesser gods, writers who erroneously believe that SciFi, because it is set in a distant future, does not require believable storylines, or that Fantasy, because it is set in conditions that have never existed, does not need believable every-day characters. Obviously, and fortunately, there are not too many of them, but the ones who are indeed not ashamed to be seen as literary parasites and plagiarists, are usually the loudest, just like the proverbial wheel that needs the most grease. »
(IT)
« Ma, ahimè, i generi della fantascienza e del fantasy hanno anche attratto alcune delle divinità minori, scrittori che credono erroneamente che la fantascienza, poiché è ambientata in un lontano futuro, non richieda intrecci credibili, o che il fantasy, poiché è ambientato in scenari che non sono mai esistiti, non abbia bisogno di personaggi credibili. Ovviamente, e per fortuna, non ce ne sono poi molti, ma quelli che non hanno alcuna vergogna di mostrarsi come parassiti letterari e plagiari sono di solito i più rumorosi, proprio come la proverbiale ruota che ha più bisogno di essere oliata[5]»
(Author's Market: Only Trust Your Own Eyes)

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

In risposta a questi attacchi, un gruppo di scrittori di fantascienza e di fantasy, sotto la direzione di James D. Macdonald, ha collaborato a un lavoro di qualità deliberatamente bassa, pieno di palesi errori grammaticali, passaggi senza senso, e completamente privo di un intreccio coerente e logico. Lo sforzo fu parzialmente ispirato a un'altra burla letteraria frutto di una collaborazione, Naked Came the Stranger: infatti, il titolo provvisorio di Atlanta Nights era Naked Came the Badfic[6].

Tra i difetti più macroscopici di Atlanta Nights, differenti capitoli scritti da due autori diversi sullo stesso segmento di trama (13 e 15), un capitolo mancante (21), due capitoli identici parola per parola (4 e 17), due capitoli diversi con lo stesso numero (12 e 12) e un capitolo "scritto" da un software che generava testo in modo casuale basandosi sui pattern trovati nei capitoli precedenti (34). I personaggi cambiano di genere e di etnia, muoiono e poi ricompaiono senza alcuna spiegazione. L'ortografia e la grammatica sono errate e la formattazione è variabile. Le iniziali dei personaggi citati nel libro formano la frase "PublishAmerica is a vanity press"[7] ("la PublishAmerica è una casa editrice a pagamento").

Dietro il suggerimento di Macdonald, nel finale viene rivelato che tutti gli avvenimenti precedentemente narrati non sono altro che un sogno, ma poi il romanzo prosegue ancora per svariati capitoli.

Presentazione, accettazione, quindi rifiuto[modifica | modifica sorgente]

Il manoscritto ultimato venne offerto alla PublishAmerica da una persona rimasta anonima e accettato per la pubblicazione il 7 dicembre 2004[2].

Gli autori della beffa esaminarono il contratto con i loro legali, e decisero di non proseguire oltre la frode fino alla effettiva pubblicazione del libro: il 23 gennaio 2005 rivelarono tutto pubblicamente. Il giorno dopo, 24 gennaio, la PublishAmerica ritirò il suo assenso alla pubblicazione, affermando che, dopo "ulteriori esami", il romanzo non aveva raggiunto i loro requisiti minimi[8].

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

Gli autori pubblicarono allora il libro attraverso la casa editrice on demand Lulu.com, dietro lo pseudonimo di "Travis Tea"[1], devolvendo tutti i profitti allo Science Fiction and Fantasy Writers of America Emergency Medical Fund. La presentazione del romanzo redatta dalla Lulu.com recita: "Atlanta Nights è un libro che non potrebbe che essere stato prodotto da un autore molto ben versato nel concepire trame credibili, ambientato in condizioni attualissime, con personaggi perfettamente credibili. Accettato da una Casa Editrice Tradizionale, di sicuro farà scalpore fra il pubblico".

Autori[modifica | modifica sorgente]

Gli autori dei vari capitoli sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Travis Tea, Atlanta Nights, Lulu.com, 2005, ISBN 9781411622982.
  2. ^ a b Meg Phillips, PublishAmerica accepts Atlanta Nights manuscript in University of Denver, PublishAmerica, 7 dicembre 2004. URL consultato il 26 gennaio 2007.
  3. ^ Ah, Schadenfreud!
  4. ^ Author's Market: Never Trust the "Experts". URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2003).
  5. ^ Author's Market: Only Trust Your Own Eyes. URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2003).
  6. ^ Denise Howell, James D. Macdonald, Vanity Presses: Sound Policy with Denise Howell (Podcast), The Conversations Network, 15 novembre 2006. URL consultato il 24 luglio 2008.
  7. ^ Absolute Write Water Cooler: Is it a bird? Is it a plane? No, it's a TURKEY! in absolutewrite.com.
  8. ^ Science Fiction Authors Hoax Vanity Publisher, 28 gennaio 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura