Astropecten aranciacus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stella pettine maggiore
Astropecten aranciacus Sardegna09 28cm 5520.jpg

Astropecten aranciacus Naxos08 1775 dett.jpg
Dettaglio delle placche marginali dorsali

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Echinodermata
Subphylum Eleutherozoa
Superclasse Asterozoa
Classe Asteroidea
Ordine Paxillosida
Famiglia Astropectinidae
Genere Astropecten
Specie A. aranciacus
Nomenclatura binomiale
Astropecten aranciacus
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Asterias aranciaca Linnaeus, 1758
Asterias aurantiaca Tiedemann, 1816
Astropecten antarcticus Studer, 1876
Astropecten crenaster Dujardin & Hupé, 1862
Astropecten gruveli Koehler, 1912
Astropecten meridionalis Studer, 1876
Astropecten perarmatus Perrier, 1869

Astropecten aranciacus (Linnaeus, 1758) è una stella marina della famiglia Astropectinidae.

Habitat e distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Vive in Mar Mediterraneo e Oceano Atlantico su tutti i fondali mobili (sabbiosi, fangosi o ghiaiosi) a profondità comprese fra i 2 e i 100 m, specialmente in prossimità da praterie di Posidonia oceanica o di Cymodocea nodosa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questa stella ha le placche marginali dorsali munite da 1 a 3 aculei piuttosto corti e placche marginali ventrali con aculei lunghi, appuntiti, robusti, disposti con regolarità, di colore arancio alla base e giallastro o bianco verso la punta. L’aspetto è robusto e la forma nel complesso non presenta peculiarità, ha un disco centrale e braccia di dimensioni medie. Il colore del lato aborale è dato dal susseguirsi di passille con l’estremità superiore (che dall’alto hanno l’aspetto di punti rotondi) rosso-arancione variamente combinate a passille di colore grigio; mentre le placche marginali dorsali sono di norma grigie omogenee. È di gran lunga l’Astropecten mediterranea che raggiunge le maggiori dimensioni e infatti può avere un diametro di circa 55 cm.

È una stella che ha caratteristiche molto costanti e si può distinguere abbastanza facilmente dalle altre basandosi sulle varie caratteristiche tra cui le più evidenti sono il colore e la grandezza. Di rado viene confusa con Astropecten irregularis.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Questa specie di giorno rimane infossata nel sedimento, diventa attiva nel tardo pomeriggio e durante la notte quando si muove per andare a caccia.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre principalmente di molluschi bivalvi, ma anche di gasteropodi o di altri echinodermi.

Specie affini[modifica | modifica sorgente]

Nel Mediterraneo vivono altre cinque specie di Astropecten: Astropecten jonstoni, Astropecten irregularis, Astropecten bispinosus, Astropecten spinulosus, Astropecten platyacanthus.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Dettaglio del braccio
animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali