Astronomische Nachrichten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Astronomische Nachrichten
Stato Germania Germania
Lingua tedesco
Periodicità mensile
Genere rivista accademica di astronomia
Formato 29 cm
Fondazione 1821
Editore Wiley-VCH; Astrophysikalische Institut Potsdam
Direttore K. G. Strassmeier
ISSN ISSN: [http://worldcat.org/issn/0004-6337 0004-6337 ISSN: 0004-6337]
Sito web http://www.aip.de/AN/
 
Numero di Astronomische Nachrichten del 1823

Astronomische Nachrichten (traduzione in lingua italiana: Note Astronomiche) è una rivista scientifica tedesca di astronomia pubblicata ininterrottamente dal 1821.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È la più antica rivista scientifica di astronomia al mondo[1]. Attualmente (2010) sono pubblicati dieci numeri l'anno, con articoli e rassegne in lingua inglese riguardanti i vari aspetti dell'astronomia con particolare attenzione per i dati osservazionali e le ipotesi teoriche in astrofisica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista fu fondata nel 1821 dall'astronomo tedesco Heinrich Christian Schumacher grazie al contributo economico del ministro delle finanze danese Johan Sigismund von Mösting[2]. Schumacher dirigeva all'epoca l'osservatorio di Altona, nel Regno di Danimarca; la città divenne nel 1864 parte del Regno di Prussia, e dopo la seconda guerra mondiale fece parte della Repubblica Democratica Tedesca. Nel dopoguerra, dal 1974 in poi, la rivista era bilingue: lo stesso materiale era pubblicato in tedesco e in inglese. Nel 1990 è stata rilevata dalla Akademie-Verlag e poi Wiley-VCH[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Astronomische Nachrichten in Astrophysical Institute Potsdam.
    «[Astronomische Nachrichten] is the oldest astronomical journal of the world that is still being published».
  2. ^ Dreyer, J. L. E., The origin of the Astronomische Nachrichten, vol. 34, 1911, p. 162, Bibcode:1911Obs....34..162D. URL consultato il 10 aprile 2009.
  3. ^ Newsletter on serials pricing issues - Number 28 - October 25, 1990.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]