Astrochimica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'astrochimica è lo studio scientifico degli elementi chimici presenti nello spazio, tipicamente nelle nubi di gas molecolare, la loro formazione, accrescimento, interazione e distruzione. In pratica è una fusione tra l'astronomia e la chimica tradizionale. L'astrochimica richiede spesso l'uso di telescopi per effettuare misure su vari aspetti dei corpi celesti, come la loro temperatura o composizione chimica. Per determinare i tipi di molecole che si trovano nello spazio si utilizzano le tecniche della spettroscopia. Le caratteristiche dei composti sono deducibili dallo spettro che presentano; ogni atomo o molecola ha infatti un proprio spettro caratteristico, che è possibile analizzare in un laboratorio, mediante l'analisi della dispersione ottica della luce che arriva e passa in un prisma.

Vi sono tuttavia numerose difficoltà dovute ad interferenze elettromagnetiche e, soprattutto, alle diverse proprietà delle molecole. Ad esempio quella più comune, l'idrogeno molecolare H2, non presenta momento di dipolo, perciò non può essere individuata dai radiotelescopi. Per questo stesso motivo, si possono trovare facilmente le molecole di monossido di carbonio, CO. Fino ad ora sono stati osservati centinaia di tipi diversi di molecole, tra cui svariati composti organici come alcoli, acidi, aldeidi e chetoni. Sembra siano state trovate tracce di glicina, un amminoacido, tuttavia la scoperta è piuttosto controversa. Ci sono delle ricerche in corso relativamente alla formazione di tali molecole e le loro interazioni che daranno un impulso verso una migliore comprensione riguardo alla formazione della vita sulla Terra.

Le condizioni di basse temperature e densità dello spazio contribuiscono alla formazione di molecole che presentano stabilità relativa, ovvero che, sebbene permesse dalle leggi della chimica, sulla Terra non possono esistere. È il caso dello ione H3+.

L'astrochimica si sovrappone parzialmente all'astrofisica nello studio delle reazioni nucleari che avvengono nelle stelle, delle conseguenze dell'evoluzione stellare e della formazione degli elementi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]