Astrantia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Genere Astranzia
Astrantia major ENBLA08.jpg
Astranzia maggiore
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Genere Astrantia L. (1753)
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Specie
(Vedi testo)

Astranzia (nome scientifico Astrantia, L. 1753) è un genere di piante, erette, erbacee, perenni appartenente alla famiglia delle Apiaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Una mezza dozzina di specie appartengono a questo genere, alcune delle quali spontanee per l'Italia. La famiglia delle Apiaceae invece è molto numerosa: comprende circa 400 generi per un totale di 3000 specie.
Nelle classificazioni più vecchie la famiglia del genere Astrantia è chiamata Umbelliferae e/o Ombrelliferae.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere deriva dal greco ("Astrantia" = stella) con evidente riferimento agli involucri stellati delle sue infiorescenze.

Morfologia del genere[modifica | modifica sorgente]

La forma biologica del genere Astrantia è definita emicriptofita scaposa (H scap): sono piante perenni che si riproducono annualmente per mezzo di gemme al livello del suolo (emicriptofite); mentre la forma prevede un asse fiorale allungato, poco ramoso e con poche foglie (scaposa).

Radici[modifica | modifica sorgente]

Radici scure (normalmente secondarie da rizoma) e di sapore aromatico (spesso acre).

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Fusto glabro ed eretto, in media alto 50 cm (massimo 100 cm). La parte ipogea è di tipo rizoma.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

L'infiorescenza è a ombrella semplice contornata da una corona di brattee (da 10 a 20) bianche o rosee (anche rossicce), ovali - lanceolate. Patenti all'inizio della fioritura, in seguito erette. Alla base dell'ombrella si trovano dei verticilli di brattee.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

I fiori sono piccoli (pochi millimetri), ermafroditi, attinomorfi e pentameri con lungo peduncolo.

Si moltiplicano per semi.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I frutti sono allungati e sub-cilindrici di tipo achenio con superfici striate e rugose.

Specie del genere[modifica | modifica sorgente]

Per meglio comprendere ed individuare le varie specie del genere (solamente per le specie spontanee della nostra flora) l'elenco che segue utilizza il sistema delle chiavi analitiche.

  • Gruppo 1A : brattee dell'involucro con 3-5 nervi longitudinali collegati da nervi trasversali minori; sepali più lunghi che larghi a forma di lesina (ricurvi); i fiori fertili sono acuminati:
    Astrantia major L. - Astranzia maggiore
  • Gruppo 1B : brattee dell'involucro con 3 nervi longitudinali (nervi trasversali assenti); sepali ovali o lanceolati, ma meno lunghi del gruppo 1A:
    • Gruppo 2A : foglie basali profondamente divise fino in 9 segmenti strettamente lineari - lanceolati;
      • Gruppo 3A : brattee lunghe 4 - 6 mm, al massimo quanto i fiori; frutti di forma ellissoidale; i fiori fertili sono ottusi:
        Astrantia minor L. - Astranzia minore
      • Gruppo 3B : brattee lunghe 9 - 16 mm, più lunghe dei fiori; frutti di forma sub-cilindrica; presente solamente nell'Italia centrale:
        Astrantia pauciflora Bertol. - Astranzia degli Appennini
    • Gruppo 2B : foglie basali divise in 3 - 5 segmenti, parzialmente saldati, di forma ovata - lanceolata, meno stretti del gruppo 2A; specie presenti solamente all'estremo Nord-Est della nostra penisola:

Rimanenti specie non segnalate sul nostro territorio:

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il genere Astrantia è diffuso sia in Europa che in Asia occidentale, prevalentemente localizzate nelle aree montane. In Italia due sono le specie che si trovano più facilmente (spontaneamente) sia sulle Alpi che sugli Appennini: Astrantia major e Astrantia minor.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica sorgente]

Alcune radici hanno proprietà purgative.

Giardinaggio[modifica | modifica sorgente]

Il nostro genere facilmente viene coltivato per la decorazione di aiuole e giardini rocciosi. La specie più coltivata è l'Astrantia major della quale è nota una bella varietà a foglie screziate.

Galleria di foto[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume primo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 224.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag.172. ISBN 88-506-2449-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica