Astorre I Manfredi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Astorre I (o Astorgio) Manfredi (Faenza, 1345 circa – Faenza, 28 novembre 1405) è stato un condottiero e capitano di ventura italiano, signore di Faenza, Fusignano, Brisighella, Savignano sul Panaro, Solarolo, Granarolo, Russi e Rocca San Casciano..

Stemma della famiglia Manfredi

Manfredi-1.jpg


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio secondogenito del condottiero e signore di Faenza, Giovanni Manfredi e di Ginevra di Mongardin. Sposò Leta Da Polenta, da cui nacque un solo figlio, Giovanni Galeazzo.

Visse molti anni da rifugiato a Pistoia, poiché suo padre aveva perso i suoi possedimenti in Emilia-Romagna, nelle battaglie contro i pontifici. Ma nel 1375, riuscì a recuperare il castello di Granarolo.

Nel 1377, riuscì a riconquistare la città di Faenza, che venne tolta agli Estensi, con l'aiuto del fratello Francesco e gli Ordelaffi di Forlì. Divenuto signore della sua città, nel 1379, creò una propria compagnia di ventura, la Compagnia della Stella. In seguito, passò agli stipendi di Bernabò Visconti che gli ordinò di attaccare Genova. Nella guerra contro i genovesi, inizialmente si ritirò, dopo che il signore della città gli offrì un compenso di 19.000 fiorini. Ma poi tornato agli ordini del Visconti, attaccò nuovamente la città, ma stavolta le truppe liguri sconfissero la compagnia del Manfredi, che vide la cattura di tutti i suoi venturieri, ad eccezione del suo capitano che invece riuscì a fuggire, poiché salvato da un contadino del posto a cui promise in cambio un compenso in denaro.

Tornò a Faenza nel 1380, e qui venne fatto prigioniero nel castello di Solarolo dal fratello Francesco che voleva spodestare Astorre dal suo ruolo di signore della città. Venne poi liberato. Nel 1381 si scontrò con la Compagnia Bianca di Giovanni Acuto, poi con gli Ordelaffi e con i Polentani.

Nel 1390, passò al servizio di Firenze (le cui milizie erano guidate dall'Acuto) e Bologna contro i Visconti e gli Estensi. Molti furono i successi riscossi nella battaglia, tanto che i bolognesi gli donarono la bastia del ponte di San Procolo e un palazzo della città. In seguito raggiunse la pace con il marchese di Ferrara.

Nel febbraio 1395, venne nominato capitano generale dal marchese Niccolò d'Este e dai suoi alleati. Il 16 aprile dello stesso anno, si svolse la battaglia di Portomaggiore, in cui affrontò e sconfisse i ribelli guidati da Azzo d'Este.

Nel 1400, Faenza venne attaccata dai bolognesi guidati da Alberico da Barbiano, che voleva vendicare la morte del fratello Giovanni con i suoi figli, giustiziati dallo stesso Manfredi, un anno prima. Dopo una serie di lunghe e difficili battaglie, l'anno dopo venne raggiunta la pace.

Nel 1404, Bologna passò sotto il controllo dello Stato della Chiesa, alla quale cercò di affittare Faenza, ma poiché i patti non vennero rispettati, fu ceduta, e Astorre fu costretto a lasciarla. Nel settembre 1405, cercò organizzare la resistenza contro il legato pontificio bolognese Baldassarre Cossa, il quale venuto a sapere delle intenzioni del Manfredi, lo convocò e lo fece arrestare. Due mesi dopo, il Cossa, che ordinò la sua condanna, lo fece condurre a Faenza, dove fu decapitato nella piazza principale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]