Asterix e i Vichinghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asterix e i Vichinghi
Spaccaossix.jpg
Spaccaossix si presenta al villaggio gallico
Titolo originale Astérix et les Vikings
Paese di produzione Francia, Danimarca
Anno 2006
Durata 78 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, commedia
Regia Stefan Fjeldmark, Jesper Møller
Soggetto René Goscinny, Albert Uderzo
Sceneggiatura Jean-Luc Goossens
Produttore Thomas Valentin
Montaggio Anders Hoffmann, Martin Wichmann
Musiche Alexandre Azaria
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Asterix e i Vichinghi (Astérix et les Vikings) è un film d'animazione franco-danese del 2006, l'ottavo liberamente tratto dalla serie a fumetti di Asterix, più precisamente dall'albo Asterix e i Normanni del 1966 (da cui è stato tratto nel 2012 anche il film live action Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ad Asterix e Obelix viene affidato dal capo del loro villaggio Abraracourcix il difficile compito di educare Spaccaossix, il giovane e viziato nipote di Abraracourcix, per farne un vero e rude guerriero gallico. I due sottopongono dunque Spaccaossix a un duro addestramento. Il gracile ragazzo tuttavia si dimostra poco propenso a imparare a trasportare i pesantissimi menhir di Obelix e a cacciare cinghiali nella foresta, preferendo di gran lunga cantare ed esibirsi in pubblico come ballerino. Non si fida nemmeno di bere la pozione magica del druido Panoramix (che potrebbe alleviare le sue fatiche) e - con grande scorno di Obelix - si rifiuta persino di mangiare cinghiali durante i banchetti, dichiarandosi vegetariano.

Un giorno, spaventato dalla noncuranza con la quale i galli attaccano con violenza il solito accampamento dei rassegnati romani, Spaccaossix fugge fino alla riva di una spiaggia, dove scorge l'avvicinarsi di una nave vichinga impegnata in una incursione. Tornato da Asterix e Obelix per avvertirli del pericolo, scopre con sconcerto che i due gallici non sono affatto preoccupati della minaccia dei sanguinari invasori. Il giovane viene quindi rapito dai vichinghi, convinti nel frattempo dal loro malvagio druido Criptograf che il "campione di fifa" sappia anche volare e che possa insegnare loro quest'arte straordinaria. Criptograf sta tramando per far sposare il suo stupidissimo figlio con Abba, la figlia del capo vichingo Olaf Grandibaf, in modo che gli succeda come capo del villaggio.

Toccherà ai due amici Asterix e Obelix, assieme al loro fido cagnolino Idefix, partire per la lontana Scandinavia per riprendere il ragazzo, che nel frattempo ha stretto un'affettuosa amicizia con la giovane e ribelle Abba, mentendole sul fatto che sia in grado di volare.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Asterix
Obelix
Idefix
Spaccaossix
Abraracourcix
Oceanonix
Cacofonix
Panoramix
Olaf Grandibaf
Likéa
Abba
Criptograf
Mazzaf

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Nel doppiaggio italiano è presente la voce del doppiatore Tonino Accolla, che nel film doppia il bardo e il narratore. Lo stesso Accolla aveva doppiato proprio il personaggio di Asterix nel lungometraggio Asterix conquista l'America.

Differenze con il fumetto[modifica | modifica sorgente]

Come gli altri episodi filmici della serie di Asterix, il film presenta variazioni più o meno notevoli rispetto alla storia originale a fumetti. Il maggiore è l'inserimento del personaggio femminile di Abba, la giovane vichinga figlia del capotribù Olaf Grandibaf, che si innamora di Spaccaossix (Goudurix nell'originale, Menabotte nell'edizione italiana del fumetto).

Il bardo è chiamato Cacofonix invece di Assurancetourix come nel fumetto, per far risaltare ancora di più le caratteristiche del personaggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]