Assedio di Costantinopoli (717)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Secondo assedio di Costantinopoli
L'impero bizantino dopo l'assedio di Costantinopoli
L'impero bizantino dopo l'assedio di Costantinopoli
Data 717 - 718
Luogo Costantinopoli
Esito Vittoria decisiva bizantina
Schieramenti
Bizantini
(supportati da contingenti di Bulgari)
Califfato degli Omayyadi
Comandanti
Effettivi
Sconosciuti. 120.000 uomini[1]
2.560 navi[2]
Perdite
Ignote 130.000-170.000 uomini 2.555 navi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Il secondo assedio di Costantinopoli fu un'azione bellica messa in atto dagli arabi via terra e via mare tra il 717 e il 718 contro la capitale dell'Impero romano d'Oriente. La fanteria araba, comandata da Maslama b. ʿAbd al-Malik, fu sconfitta sulle mura apparentemente inespugnabili di Costantinopoli e dagli attacchi dei Bulgari, mentre la flotta fu sconfitta dal micidiale fuoco greco, subendo ulteriori perdite in un naufragio che coinvolse i sopravvissuti nella rotta verso casa. È stata spesso comparata con la più famosa battaglia di Poitiers: infatti il fallito assedio di Costantinopoli bloccò per i successivi 700 anni l'espansione musulmana nel sudest del continente europeo.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Quando nel 661 divenne califfo degli omayyadi Muʿāwiya b. Abī Sufyān, l'espansione islamica era già molto avanzata ma egli fu il primo a pensare seriamente alla conquista dell'impero bizantino: si diceva infatti che chiunque avesse partecipato all'assedio di Costantinopoli avrebbe ricevuto il perdono dei peccati.[3]

In seguito al primo assedio arabo di Costantinopoli (674–678), gli Arabi e i Bizantini poterono godere di un periodo di pace. Dopo il 680, il califfato omayyade fu sconvolto dalla seconda guerra civile musulmana, e i Bizantini ne approfittarono per espandere la loro influenza in Oriente e costringere il califfato omayyade con sede a Damasco a pagare un tributo a Bisanzio.[4] Nel 692, quando la guerra civile musulmana terminò con la vittoria del regime omayyade, l'imperatore Giustiniano II (685–695 e 705–711) riaprì le ostilità: il risultato, tuttavia, fu una serie di vittorie arabe che condussero alla perdita del controllo sull'Armenia e sui principati caucasici, come pure a nuove incursioni islamiche in territorio bizantino. Ogni anno, i generali del Califfato, in genere membri della dinastia omayyade, sferrarono incursioni in territorio bizantino, espugnando fortezze e città.[5] Dopo il 712, il sistema difensivo bizantino cominciò a mostrare segni di collasso: le incursioni arabe cominciarono a spingersi sempre più in profondità nell'Asia minore, le fortezze di confine vennero continuamente assaltate e saccheggiate, mentre la reazione bizantina si fece sempre più flebile.[6] In questi successi, gli Arabi vennero aiutati da un prolungato periodo di instabilità interna che colpì lo stato bizantino in seguito alla prima detronizzazione di Giustiniano II nel 695: in un periodo di poco più di vent'anni, sette imperatori si succedettero sul trono, tutti assumendo il potere con la violenza.[7] Nonostante ciò, come l'esperto di storia bizantina Warren Treadgold commenta, "gli attacchi arabi si sarebbero in ogni caso intensificati dopo la fine della loro guerra civile [...] Con molti più uomini, terre e ricchezze di Bisanzio, gli Arabi avevano cominciato a concentrare tutta la loro forza contro esso. Ora minacciavano di portare interamente all'estinzione l'Impero catturando la sua capitale."[8]

Fasi iniziali della campagna[modifica | modifica wikitesto]

Solidus in oro di Anastasio II (713–715), che preparò Costantinopoli per il futuro assalto arabo.

I successi arabi aprirono la via per un secondo assalto a Costantinopoli, i cui preparativi cominciarono sotto il califfo al-Walīd (705–715). Deceduto al-Walīd, suo fratello e successore Sulaymān (715–717) riprese il progetto del fratello con molto vigore, a causa di una profezia secondo la quale Costantinopoli sarebbe stata espugnata da un Califfo portante il nome di un profeta: Sulaymān (Salomone) era l'unico membro della famiglia omayyade a portare tale nome. Secondo fonti siriache, il nuovo Califfo giurò persino "di non smettere di combattere contro Costantinopoli fino a quando non abbia esaurito la nazione degli Arabi o abbia preso la città".[9] Le forze omayyadi cominciarono a radunarsi sulla pianura di Dabiq a nord di Aleppo, sotto la diretta supervisione del Califfo; poiché Sulayman era troppo malato per condurre lui stesso la campagna militare, affidò il comando della spedizione a suo fratello Maslama ibn Abd al-Malik.[10] L'operazione contro Costantinopoli giunse nel periodo in cui il califfato omayyade si stava espandendo contemporaneamente sia in Occidente che in Oriente, con armate musulmane che stavano avanzando in Transoxiana, India e Spagna.[11]

I preparativi arabi, tra cui vi era la costruzione di una grande flotta, non passarono inosservati ai preoccupati Bizantini. L'imperatore Anastasio II (713–715) inviò un'ambasceria a Damasco condotta dal patrizio e prefetto urbano Daniele di Sinope, ufficialmente per implorare la pace ma in realtà per spiare gli Arabi. Anastasio, a sua volta, iniziò a preparare la città a sostenere l'inevitabile e futuro assedio: le mura di Costantinopoli vennero riparate ed equipaggiate con macchine da guerra, furono fatte giungere nella città riserve di viveri e gli abitanti che non potevano accumulare abbastanza cibo da resistere più di tre anni all'assedio evacuarono la città.[12] Anastasio rinforzò inoltre la propria flotta e, all'inizio del 715, la inviò contro quella araba che si trovava lungo le coste della Licia a Phoenix[13] per raccogliere legname per le loro navi. A Rodi, tuttavia, la flotta bizantina, incoraggiata dai soldati del thema Opsiciano, si rivoltò, uccise il loro comandante Giovanni Diacono e si diresse verso nord in direzione di Adramyttium; qui elessero come imperatore Teodosio III, un ex esattore fiscale che sembra abbia accettato con riluttanza la carica.[14] Anastasio si diresse in Bitinia nel thema Opsiciano per scontrarsi con i ribelli, ma la flotta ribelle navigò fino a Chrysopolis e da lì lanciò diversi assalti contro Costantinopoli, fino a quando, nella tarda estate, alcuni simpatizzanti dentro la capitale aprirono le porte della città ai ribelli. Anastasio si rinserrò dentro Nicea per diversi mesi, fin quando non decise di abdicare e farsi monaco.[15] L'ascesa di Teodosio imposta dal thema degli Opsiciani provocò la reazione degli altri themi, specialmente gli Anatolici e gli Armeniaci, comandati dai loro rispettivi strategoi (generali) Leone l'Isauro e Artavasde.[16]

Mappa dell'Asia Minore e della Tracia bizantina, circa 740.

Con Bisanzio sull'orlo della guerra civile, gli Arabi cominciarono la loro avanzata preparata con cura. Nel settembre 715, l'avanguardia sotto il generale Sulaymān ibn Muʿādh marciò attraversando la Cilicia in Asia Minore, espugnando lungo la via la strategica fortezza di Loulon e svernando ad Afik, un'ubicazione non identificata presso l'uscita occidentale delle Porte Cilicie. All'inizio del 716 l'esercito di Sulaymān continuò la sua avanzata in Asia minore centrale; salpò anche la flotta omayyade comandata da ʿUmar b. Hubayra, che navigò lungo le coste della Cilicia, mentre Maslama b. ʿAbd al-Malik attendeva gli sviluppi con l'armata principale in Siria.[17] Gli Arabi facevano affidamento sulla disunione tra i Bizantini, sperando di riuscire ad approfittarne: Maslama aveva già stabilito un contatto con Leone l'Isaurico. Non sono chiare quali promesse Leone possa aver fatto a Maslama: lo studioso francese Rodolphe Guilland ha teorizzato che avesse offerto di diventare vassallo del Califfato, anche se il generale bizantino intendeva usare gli Arabi per i suoi propri scopi; in cambio, Maslama avrebbe sostenuto la rivolta di Leone sperando di spargere ulteriore anarchia nell'Impero e indebolirlo, rendendo così la presa di Costantinopoli più agevole.[18]

Come suo primo obiettivo, Sulaymān scelse la fortezza strategicamente importante di Amorio, che gli Arabi intendevano utilizzare come base l'inverno successivo. Amorio era stata lasciata senza difese per via delle guerre civili e sarebbe agevolmente caduta in mano alle truppe di Sulaymān, ma gli Arabi scelsero di utilizzare l'opportunità per rinforzare la posizione di Leone (e dividere ancora di più i bizantini) e offrirono alla città le condizioni di resa se in cambio essi avessero accettato Leone come imperatore; poco tempo dopo, Leone stesso arrivò nelle vicinanze con alcuni soldati e, dopo una serie di negoziazioni, riuscì ad insediare una guarnigione di 800 soldati nella città. L'esercito arabo, ostacolato nel suo obiettivo e con le scorte in via di esaurimento, si ritirò; Leone nel frattempo, con il sostegno di Artavasde, fu incoronato imperatore in estate e si decise a combattere gli invasori.[19][20]

Solidus in oro di Leone III

I successi di Leone furono un colpo di fortuna per Bisanzio, poiché Maslama con il principale esercito arabo aveva nel frattempo attraversato i Monti Tauri e si stava dirigendo verso Amorio; inoltre, non conoscendo il voltafaccia di Leone, non devastò i territori dei temi Armeniaci e Anatolici, perché li credeva ancora suoi alleati.[21] Dopo essersi incontrato con l'esercito in ritirata di Sulayman e aver appreso gli ultimi sviluppi, Maslama cambiò direzione: attaccò Akroinon e da lì marciò verso le coste occidentali per svernarvi; lungo la via, saccheggiò Sardis e Pergamo, mentre la flotta araba svernò in Cilicia.[22] Leone, nel frattempo, cominciò la sua marcia verso Costantinopoli: espugnò Nicomedia, dove trovò e catturò, tra gli altri ufficiali, il figlio di Teodosio, e poi marciò verso Chrysopolis. Nella primavera 717, dopo brevi negoziazioni, costrinse Teodosio ad abdicare e a riconoscerlo come imperatore, entrando nella capitale il 25 marzo; Teodosio e i suoi figli ottennero il permesso di ritirarsi in un monastero come monaci, mentre Artavasde fu premiato per il sostegno venendo promosso a kouropalates e ricevendo la mano della figlia di Leone, Anna.[23]

Forze in campo[modifica | modifica wikitesto]

La cronaca siriaca del tardo VIII secolo, la Cronaca Zuqnin, riporta che gli Arabi erano "innumerevoli", mentre il cronista siriaco del XII secolo Michele Siriaco sostiene che gli Arabi avessero a disposizione addirittura 200.000 uomini e 5.000 navi, una cifra certamente molto esagerata. Lo storico arabo del X secolo Masʿūdī menziona 120.000 truppe, mentre la cronaca bizantina del IX secolo di Teofane Confessore parla di 1.800 navi. Vennero portate dagli Arabi provviste bastanti per diversi anni, più macchine di assedio e materiali incendiari (nafta). Coloro incaricati di trasportare le provviste si dice che annoverassero a 12.000 uomini, 6.000 cammelli e 6.000 asini, mentre secondo lo storico del XIII secolo Bar Hebraeus le truppe comprendevano 30.000 volontari (mutawwīn) per il jihād.[24] Qualunque siano i veri numeri, gli assalitori erano in ogni modo di gran lunga più numerosi dei difensori; secondo Treadgold, l'esercito arabo che assediò la capitale doveva essere più numeroso dell'intero esercito bizantino.[1] Non esistono descrizioni in dettaglio sulla composizione dell'esercito arabo, a parte il fatto che consisteva per lo più di Siriani e mesopotamici della Jazīra. L'élite dell'Ahl al-Shām ("Esercito siriano"), costituiva il principale pilastro del regime omayyade ed era composto da veterani delle guerre contro Bisanzio.[25] Oltre a Maslama, anche ʿUmar b. Hubayra, Sulaymān b. Muʿādh, e Bakhtari b. al-Ḥasan sono menzionati come comandanti dell'esercito da Teofane e dallo storico del X secolo Agapio di Ierapoli, mentre l'anonimo dell'XI secolo autore del Kitab al-'Uyun sostituisce Bakhtari con Abd Allah al-Battal.[26] Anche se l'assedio consumò molte delle risorse del Califfato, esso era ancora in grado di lanciare incursioni contro la frontiera bizantina nell'Asia Minore orientale durante l'assedio: nel 717, il figlio del califfo Sulayman, Dawud, espugnò una fortezza nei pressi di Melitene e nel 718 ʿAmr ibn Qays saccheggiò le zone di frontiera.[27]

Per quanto riguarda i Bizantini, la consistenza delle loro forze è ignota. A parte i preparativi di Anastasio II (che potrebbero essere stati trascurati in seguito alla sua deposizione),[28] i Bizantini potevano contare sul sostegno dei Bulgari, con cui Leone aveva concluso un trattato nel 716 in base al quale potrebbe aver stabilito un'alleanza in funzione anti-araba.[29]

Assedio[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell'estate, Maslama ordinò alla sua flotta di salpare e raggiungerlo e con il suo esercito attraversò l'Ellesponto presso Abydos sbarcando in Tracia. Gli Arabi cominciarono quindi la loro marcia verso Costantinopoli devastando i dintorni, rifornendosi di provviste e saccheggiando le città che incontravano durante il tragitto.[30] A metà luglio o metà agosto,[31] l'armata araba raggiunse Costantinopoli e la isolò completamente per terra costruendo un doppio muro d'assedio di pietra, uno che si affacciava sulla città e uno sull'entroterra tracio, con il loro accampamento posizionato in mezzo ad essi. Secondo fonti arabe, a questo punto Leone offrì di pagare una moneta d'oro per ogni abitante della città se gli Arabi avessero tolto l'assedio, ma Maslama rispose che non ci poteva essere pace con i vinti, e che la futura guarnigione araba di Costantinopoli era già stata selezionata.[32]

Il fuoco greco in azione, miniatura dal Madrid Skylitzes.

La flotta araba condotta da Sulayman (spesso confuso con il Califfo stesso nelle fonti medievali) arrivò il 1º settembre, fissando l'ancora presso l'Hebdomon. Due giorni dopo, Sulayman portò la sua flotta nel Bosforo e i vari squadroni iniziarono a sostare nei sobborghi europei e asiatici della città: una parte salpò a sud di Calcedonia giungendo fino ai porti di Eutropio e Antemio per sorvegliare l'entrata meridionale del Bosforo, mentre il resto della flotta fu collocata nelle coste tra Galata e Kleidion, tagliando le comunicazioni della capitale bizantina con il Mar Nero. Mentre la retroguardia della flotta araba, venti navi pesanti con 2.000 marinai, stava sfilando davanti alla città, il vento meridionale dapprima si fermò e poi cambiò direzione, mandandoli alla deriva verso le mura della città, dove uno squadrone bizantino li attaccò con successo con il fuoco greco; la vittoria incoraggiò i Bizantini demoralizzando gli Arabi che, secondo Teofane, intendevano in origine cercare di scalare in quella stessa notte le mura marine della città. La stessa notte, Leone chiuse l'accesso al Corno d'Oro. La flotta araba divenne riluttante a scontrarsi con i Bizantini, e si ritirò nel porto sicuro di Sosthenion più a nord sulla costa europea del Bosforo.[33]

Il secondo assedio arabo di Costantinopoli, come dipinto nella traduzione bulgara del XIV secolo della Cronaca di Manasse.

L'esercito arabo era ben rifornito di provviste, ammucchiate in alti cumuli nel suo accampamento, e aveva persino portato grano da seminare e raccogliere l'anno successivo. Il fallimento del blocco navale della città da parte della flotta araba, tuttavia, significava che anche i Bizantini potevano contare sui rifornimenti; inoltre, l'esercito arabo aveva già devastato i dintorni della città in Tracia durante la marcia verso Costantinopoli, e non poteva più contare su queste terre per il foraggiamento. La flotta araba e il secondo esercito arabo, che operava nei sobborghi asiatici di Costantinopoli, erano in grado di rifornire l'esercito di Maslama di provviste limitate.[34] Mentre l'inverno stava per arrivare, furono avviate delle negoziazioni tra i due schieramenti, narrate in dettaglio dalle fonti arabe ma completamente ignorate dai cronisti bizantini; secondo le prime, Leone continuò a fingersi amico degli Arabi: stando ad un resoconto, ingannò Maslama al fine di sottrargli la maggior parte dei suoi rifornimenti di grano, mentre un altro sostiene che il generale arabo fu persuaso a bruciarli, per mostrare agli abitanti della città che essi avrebbero affrontato un assalto imminente e dunque indurli alla resa.[35] L'inverno del 718 fu estremamente freddo: la neve coprì il terreno per più di tre mesi e lo schieramento arabo fu colpito da una carestia che costrinse i soldati a mangiare i loro cavalli, i cammelli e altro, oltre alla corteccia, alle foglie e alle radici degli alberi; addirittura sarebbero stati costretti al cannibalismo e a nutrirsi dei propri escrementi. L'esercito arabo fu devastato anche da un'epidemia che, per lo storico dei Longobardi Paolo Diacono, falcidiò addirittura 300.000 suoi membri.[36]

La situazione sembrò migliorare in primavera quando il nuovo califfo, 'Umar II (717–720), inviò due flotte in sostegno agli assedianti: 400 navi provenienti dall'Egitto sotto un comandante di nome Sufyan e 360 navi dall'Africa sotto il comando di Yazid, tutte ben rifornite di provviste e armi; al contempo, un esercito di rinforzo fu inviato, attraversando l'Asia minore, in sostegno degli assedianti. Quando le nuove flotte arrivarono nel Mar di Marmara, esse si tennero a distanza dai Bizantini e dal loro fuoco greco e fissarono l'ancora sulla costa asiatica, gli Egiziani nel Golfo di Nicomedia presso la moderna Tuzla e gli Africani a sud di Calcedonia (a Satyros, Bryas e Kartalimen). La maggior parte dell'equipaggio delle navi arabe, tuttavia, era composto da cristiani egiziani, per cui, all'arrivo della flotta, disertarono in favore dei Bizantini; informato dagli Egiziani dell'arrivo e della disposizione dei rinforzi arabi, Leone lanciò la sua flotta in un attacco contro le nuove flotte arabe: indebolite dalla defezione dei loro equipaggi e senza speranza contro il fuoco greco, le navi arabe vennero o distrutte o catturate insieme alle armi e ai rifornimenti che trasportavano. Costantinopoli era ora al sicuro da un attacco dal mare.[37] I Bizantini, nel frattempo, ottennero un successo anche sulla terraferma: le loro truppe riuscirono a tendere un'imboscata ad un'armata araba condotta da un certo Mardasan e la annientarono sulle colline nei pressi di Sophon, a sud di Nicomedia.[38]

Costantinopoli poteva ora essere facilmente rifornita per mare e i pescatori della città ripresero le proprie attività, dato che la flotta araba non avrebbe mai più fissato le proprie ancore nei suoi pressi. Mentre soffrivano ancora per la fame e la pestilenza, gli Arabi subirono una sconfitta in una grande battaglia contro i Bulgari, che massacrarono, secondo Teofane, 22.000 uomini; non è ben chiaro, tuttavia, se i Bulgari attaccarono l'accampamento arabo per via del loro trattato con Leone o perché gli Arabi si inoltrarono in territorio bulgaro in cerca di provviste, come narrato nella siriaca Cronaca del 846. Michele Siriaco menziona che i Bulgari parteciparono all'assedio fin dall'inizio, con attacchi contro gli Arabi mentre attraversavano la Tracia, ma questa testimonianza non è confermata da altre fonti.[39]

L'operazione araba era chiaramente fallita, e al califfo Umar non restò che ordinare a Maslama di togliere l'assedio: dopo tredici mesi, il 15 agosto 718 gli Arabi si ritirarono. La data coincideva con la festa dell'Assunzione di Maria (la Theotokos), e fu a lei che i Bizantini attribuirono i meriti della loro vittoria. Gli Arabi non furono attaccati durante la ritirata, ma parte della loro flotta andò distrutta in una tempesta sul Mar di Marmara mentre altre navi vennero incendiate dall'eruzione del vulcano di Santorini, con alcuni dei superstiti catturati dai Bizantini; Teofane sostiene che solo cinque navi fecero ritorno in Siria.[40] Le fonti arabe sostengono che 150.000 musulmani perirono durante la campagna, cifra che, anche se chiaramente esagerata, rende l'idea delle enormi perdite subite dagli Arabi nel corso della battaglia.[41]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

A breve termine, il fallimento della spedizione indebolì lo Stato omayyade. Bernard Lewis osserva che "il suo fallimento costituì un momento grave per la potenza Umayyade. Il costo finanziario [...] della spedizione determinò un aggravamento dell'oppressione fiscale e finanziaria che aveva già suscitato pericolose opposizioni. La distruzione della flotta e dell'esercito di Siria presso le mura marittime di Costantinopoli privò il regime delle basi materiali principali della sua potenza".[42] Il fallimento dell'assedio arabo fu un grande colpo per il potente esercito del Califfato; la flotta musulmana fu annientata e, anche se l'esercito terrestre soffrì perdite minori rispetto a quelle della flotta, si narra che ʿUmar contemplò di rinunciare alle recenti conquiste di Spagna e Transoxiana, oltre ad ipotizzare una completa evacuazione della Cilicia e degli altri territori bizantini che gli Arabi avevano occupato negli anni precedenti. Anche se i suoi consiglieri gli sconsigliarono di intraprendere azioni così drastiche, la maggior parte delle guarnigioni arabe lasciarono le fortificazioni di frontiera bizantine: in Cilicia, solo Mopsuestia rimase in mani arabe come baluardo difensivo per proteggere Antiochia,[43] e i Bizantini recuperarono persino alcuni territori nell'Armenia occidentale per qualche tempo. Nel 719 la flotta bizantina saccheggiò la costa della Siria e incendiò il porto di Laodicea e, nel 720 o 721, i Bizantini attaccarono e saccheggiarono Tinnis in Egitto.[44] Leone recuperò inoltre il controllo della Sicilia, dove le notizie dell'assedio arabo di Costantinopoli e la convinzione nella caduta della città aveva spinto il governatore locale a nominare un imperatore, Basilio Onomagoulos; nello stesso periodo, tuttavia, Bisanzio perse ogni controllo effettivo sulla Sardegna e sulla Corsica.[45]

A parte ciò, i Bizantini fallirono a sfruttare i loro successi sferrando attacchi contro gli Arabi; nel 720, dopo una pausa di due anni, le incursioni arabe contro Bisanzio ripresero, anche se non più per conquista ma principalmente per fare bottino. Gli attacchi arabi si sarebbero di nuovo intensificati per i successivi due decenni, fino alla vittoria bizantina nella battaglia di Akroinon nel 740; dopo altre sconfitte militari e un'instabilità interna che culminò nella rivoluzione abbaside, l'età dell'espansione islamica giunse ormai alla fine.[46]

Valutazione storica e impatto[modifica | modifica wikitesto]

Mappa dell'espansione islamica e del mondo musulmano sotto i califfati Omayyade e Abbaside, VII-X secolo.

Il secondo assedio arabo di Costantinopoli fu di gran lunga più pericoloso per Bisanzio del primo, in quanto era un attacco diretto e ben preparato alla capitale bizantina: nel 717–718, gli Arabi provarono a tagliare fuori da ogni contatto la città, invece di limitarsi a un semplice blocco come nel 674–678.[27] Questo rappresentò un serio tentativo del Califfato di tagliare la testa dell'Impero bizantino: infatti, una volta caduta la capitale, le province rimanenti sarebbero state facili da conquistare.[47] Il fallimento arabo fu dovuto principalmente a problemi logistici, in quanto le armate stavano operando troppo lontano dalle loro basi in Siria; la superiorità della flotta bizantina e del fuoco greco, la forza delle fortificazioni di Costantinopoli e l'abilità diplomatica di Leone III furono altri importanti fattori.[48]

A lungo termine, il fallimento dell'assedio arabo portò a un cambiamento profondo nella natura dei conflitti tra Bisanzio e il Califfato. L'obbiettivo musulmano della conquista di Costantinopoli fu abbandonato e la frontiera tra i due imperi si stabilizzò lungo la linea del Tauro e dell'Anti-tauro, oltre i quali entrambi gli schieramenti lanciavano incursioni e controincursioni. In questa incessante guerra di frontiera, le città e le fortezze di confine cambiavano frequentemente possessore, ma la linea generale di frontiera rimase inalterata per più di due secoli, fino alle conquiste bizantine del X secolo.[49] Per quanto riguarda i Musulmani, le incursioni stesse assunsero in carattere rituale, a dimostrazione della continuazione della jihad, simbolo del ruolo del Califfo come leader della comunità musulmana.[50]

L'esito dell'assedio fu inoltre di considerevole importanza macrostorica. La sopravvivenza della capitale bizantina preservò l'Impero come baluardo contro l'espansione islamica in Europa fino al XV secolo, quando Costantinopoli cadde per opera degli Ottomani. La vittoriosa difesa di Costantinopoli è stata retoricamente correlata con la battaglia di Poitiers del 732 come scontro che fermò l'espansione musulmana in Europa, come scrive lo storico militare Paul K. Davis: "Respingendo l'invasione musulmana, l'Europa rimase in mani cristiane, e nessuna seria minaccia musulmana all'Europa esistette fino al XV secolo. Questa vittoria, coincidente con la vittoria dei Franchi a Tours (732), limitò l'espansione dell'Islam in Occidente al mondo mediterraneo meridionale."[51] Per la stessa ragione lo storico John B. Bury definisce il 718 "una data ecumenica", mentre lo storico greco Spyridon Lambros paragonò l'assedio alla battaglia di Maratona e Leone III a Milziade.[52] Conseguentemente, gli storici militari spesso includono l'assedio negli elenchi delle "battaglie decisive" nella storia universale.[53]

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli Arabi, l'assedio del 717–718 divenne la più famosa delle loro spedizioni condotte contro Bisanzio: diversi resoconti sopravvivono, ma molti di essi furono redatti in epoca tarda e contengono elementi semileggendari e contraddittori. Nelle tarde leggende arabe, la sconfitta fu trasformata in vittoria: Maslama si ritirò solo dopo essere entrato simbolicamente nella capitale bizantina sul suo cavallo accompagnato da trenta cavalieri, dove Leone lo ricevette con onore e lo condusse a Hagia Sophia; dopo che Leone rese omaggio a Maslama e promise di pagargli un tributo, Maslama e le sue truppe (30.000 delle originarie 80.000 che erano partite per Costantinopoli) fecero ritorno in Siria.[54] I resoconti sull'assedio influenzarono anche la letteratura epica araba: un assedio di Costantinopoli si trova nel racconto di ʿOmar bin al-Nuʿmān e dei suoi figli nelle Mille e una notte, mentre sia Maslama sia il Califfo Sulayman appaiono in un racconto delle Cento e una notte redatte nel Maghreb. Il comandante delle guardie del corpo di Maslama, ʿAbd Allāh al-Baṭṭāl, divenne una figura celebrata nelle opere epiche arabe e turche come "Sayyid Baṭṭāl" per i successi conseguiti lungo le frontiere nel corso delle incursioni arabe dei decenni successivi; in modo similare, anche il poema epico del X secolo Dhu l-Himma, connesso al ciclo di Sayyid Baṭṭāl, fornisce un resoconto con molti elementi fantasiosi dell'assedio del 717–718.[55]

Le tarde tradizioni musulmana e bizantina hanno anche attribuito la costruzione della prima moschea di Costantinopoli, presso il praetorium della città, a Maslama; in realtà, la moschea presso il praetorium fu probabilmente edificata intorno all'860, come risultato di un'ambasceria araba giunta nella capitale in quell'anno.[56] La tradizione ottomana attribuì sempre a Maslama l'edificazione della Moschea Arap (che si trova al di fuori di Istanbul, a Galata), anche se erroneamente datò questa edificazione al 686 circa, probabilmente confondendo gli attacchi di Maslama al primo assedio arabo degli anni 670.[57]

In seguito al fallimento dei loro ripetuti tentativi di conquistare Costantinopoli, e la continua resistenza dello stato bizantino, i musulmani cominciarono a proiettare la sua cattura in un futuro molto distante, al punto che la caduta della città venne considerata come uno dei segni dell'arrivo della fine dei tempi nell'escatologia islamica.[58]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Treadgold 1997, p. 346 .
  2. ^ Treadgold 1997, pp. 346–347 .
  3. ^
    « A quelli che tra i suoi seguaci che avrebbero invaso per primi la città di Cesare (Costantinopoli) sarebbe stata perdonata qualsiasi mancanza »
    (Ivi, n. 2924)
  4. ^ Lilie 1976, pp. 81–82, 97–106 .
  5. ^ Blankinship 1994, p. 31
    Haldon 1990, p. 72
    Lilie 1976, pp. 107–120
    .
  6. ^ Haldon 1990, p. 80
    Lilie 1976, pp. 120–122, 139–140
    .
  7. ^ Blankinship 1994, p. 31
    Lilie 1976, p. 140
    Treadgold 1997, pp. 345–346
    .
  8. ^ Treadgold 1997, p. 345 .
  9. ^ Brooks 1899, pp. 20–21
    El-Cheikh 2004, p. 65
    Guilland 1959, p. 110
    Lilie 1976, p. 122
    Treadgold 1997, p. 344
    .
  10. ^ Guilland 1959, pp. 110–111 .
  11. ^ Hawting 2000, p. 73 .
  12. ^ Mango & Scott 1997, p. 534
    Lilie 1976, pp. 122–123
    Treadgold 1997, pp. 343–344
    .
  13. ^ Questa potrebbe essere una confusione con la Fenicia (moderno Libano), nota per le sue foreste di cedro. Lilie 1976, p. 123 (Note #62) .
  14. ^ Haldon 1990, p. 80
    Mango & Scott 1997, pp. 535–536
    Lilie 1976, pp. 123–124
    Treadgold 1997, p. 344
    .
  15. ^ Haldon 1990, pp. 80, 82
    Mango & Scott 1997, p. 536
    Treadgold 1997, pp. 344–345
    .
  16. ^ Lilie 1976, p. 124
    Treadgold 1997, p. 345
    .
  17. ^ Guilland 1959, p. 111
    Mango & Scott 1997, p. 538
    Lilie 1976, pp. 123–125
    .
  18. ^ Guilland 1959, pp. 118–119
    Lilie 1976, p. 125
    .
  19. ^ Mango & Scott 1997, pp. 538–539
    Lilie 1976, pp. 125–126
    Treadgold 1997, p. 345
    .
  20. ^ Per un esame dettagliato delle negoziazioni di Leone con gli Arabi di fronte ad Amorio nelle fonti bizantine ed arabe, cf. Guilland 1959, pp. 112–113, 124–126 .
  21. ^ Guilland 1959, p. 125
    Mango & Scott 1997, pp. 539–540
    Lilie 1976, pp. 126–127
    .
  22. ^ Guilland 1959, pp. 113–114
    Mango & Scott 1997, pp. 540–541
    Lilie 1976, p. 127
    Treadgold 1997, p. 345
    .
  23. ^ Haldon 1990, pp. 82–83
    Mango & Scott 1997, pp. 540, 545
    Lilie 1976, pp. 127–128
    Treadgold 1997, p. 345
    .
  24. ^ Guilland 1959, p. 110
    Kaegi 2008, pp. 384–385
    Treadgold 1997, p. 938 (Note #1)
    .
  25. ^ Guilland 1959, p. 110
    Kennedy 2001, p. 47
    .
  26. ^ Canard 1926, pp. 91–92
    Guilland 1959, p. 111
    .
  27. ^ a b Lilie 1976, p. 132 .
  28. ^ Lilie 1976, p. 125 .
  29. ^ Treadgold 1997, p. 347 .
  30. ^ Brooks 1899, p. 23
    Mango & Scott 1997, p. 545
    Lilie 1976, p. 128
    Treadgold 1997, p. 347
    .
  31. ^ Teofane Confessore fornisce la data del 15 agosto, ma il Patriarca Niceforo I sostiene che l'assedio durò 13 mesi, implicando che cominciò il 15 luglio. È possibile che la data di Teofane sia quella di fine assedio. Mango & Scott 1997, p. 548 (Note #16)
    Guilland 1959, pp. 116–118
    .
  32. ^ Guilland 1959, p. 119
    Mango & Scott 1997, p. 545
    Lilie 1976, pp. 128–129
    Treadgold 1997, p. 347
    .
  33. ^ Guilland 1959, pp. 119–120
    Mango & Scott 1997, pp. 545–546
    Lilie 1976, p. 128
    Treadgold 1997, p. 347
    .
  34. ^ Lilie 1976, p. 129
    Treadgold 1997, p. 347
    .
  35. ^ Brooks 1899, pp. 26–28, 30
    Lilie 1976, p. 129
    .
  36. ^ Brooks 1899, pp. 28–29
    Guilland 1959, pp. 122–123
    Mango & Scott 1997, p. 546
    Lilie 1976, pp. 129–130
    Treadgold 1997, p. 347
    .
  37. ^ Guilland 1959, p. 121
    Mango & Scott 1997, pp. 546, 548
    Lilie 1976, p. 130
    Treadgold 1997, pp. 347–348
    .
  38. ^ Guilland 1959, p. 122
    Mango & Scott 1997, p. 546
    Lilie 1976, pp. 130–131
    Treadgold 1997, p. 348
    .
  39. ^ Canard 1926, pp. 90–91
    Guilland 1959, pp. 122, 123
    Mango & Scott 1997, p. 546
    Lilie 1976, p. 131
    .
  40. ^ Mango & Scott 1997, p. 550
    Treadgold 1997, p. 349
    .
  41. ^ Haldon 1990, p. 83 .
  42. ^ Lewis 2002, p. 79 .
  43. ^ Blankinship 1994, pp. 33–34
    Lilie 1976, pp. 132–133
    Treadgold 1997, p. 349
    .
  44. ^ Blankinship 1994, p. 287 (Note #133)
    Lilie 1976, p. 133
    Treadgold 1997, p. 349
    .
  45. ^ Treadgold 1997, pp. 347, 348 .
  46. ^ Blankinship 1994, pp. 34–35, 117–236
    Haldon 1990, p. 84
    Kaegi 2008, pp. 385–386
    Lilie 1976, pp. 143–144
    .
  47. ^ Lilie 1976, pp. 140–141 .
  48. ^ Blankinship 1994, p. 105
    Kaegi 2008, p. 385
    Lilie 1976, p. 141
    Treadgold 1997, p. 349
    .
  49. ^ Blankinship 1994, pp. 104–106
    Haldon 1990, pp. 83–84
    El-Cheikh 2004, pp. 83–84
    Toynbee 1973, pp. 107–109
    .
  50. ^ El-Cheikh 2004, pp. 83–84
    Kennedy 2001, pp. 105–106
    .
  51. ^ Davis 2001, p. 99 .
  52. ^ Guilland 1959, p. 129 .
  53. ^ Crompton 1997, pp. 27–28
    Davis 2001, pp. 99–102
    Fuller 1987, pp. 335ff.
    Regan 2002, pp. 44–45
    Tucker 2010, pp. 94–97
    .
  54. ^ Canard 1926, pp. 99–102
    El-Cheikh 2004, pp. 63–64
    Guilland 1959, pp. 130–131
    .
  55. ^ Canard 1926, pp. 112–121
    Guilland 1959, pp. 131–132
    .
  56. ^ Canard 1926, pp. 94–99
    El-Cheikh 2004, p. 64
    Guilland 1959, pp. 132–133
    Hasluck 1929, p. 720
    .
  57. ^ Canard 1926, p. 99
    Hasluck 1929, pp. 718–720
    .
  58. ^ Canard 1926, pp. 104–112
    El-Cheikh 2004, pp. 65–70
    Hawting 2000, p. 73
    .

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 3 novembre 2012vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue