Assedio di Barcellona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assedio di Barcellona
Sitio-barcelona-11-septiembre-1714.jpg

Data 9 luglio, 1713 - 12 settembre, 1714
Luogo Barcellona, Catalogna
Esito Decisiva vittoria di Filippo V di Spagna
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
40.000 regolari 2.000 regolari
4.700 della milizia di Coronela
Perdite
14.000 uccisi o feriti 7.000 uccisi o feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'assedio di Barcellona fu una delle ultime operazioni militari che ebbe luogo tra il 9 luglio del 1713 e il 12 settembre del 1714, nel corso della guerra di successione spagnola, e che vide protagonisti i difensori della città di Barcellona composti dalla Coronela, l'esercito regolare catalano e i soldati di altri territori che appoggiavano Carlo VI d'Asburgo, conosciuto in Spagna come Carlos III. Di numero fortemente inferiore, e completamente circondati dall'esercito borbonico, i catalani scelsero la resistenza fino alla morte.

Filippo V di Spagna approfittò della resistenza di Barcellona e degli altri territori della Corona d'Aragona per distruggere le mura delle città che si erano opposte all'avanzata borbonica e per stabilire una durissima repressione che culminò con la messa a ferro e fuoco delle città, l'abolizione delle leggi e delle istituzioni territoriali, la carcerazione e l'uccisione di molti cittadini e l'imposizione delle leggi della Corona di Castiglia. Nel 1716, con i Decreti di Nueva Planta, si creò lo Stato spagnolo con capitale Madrid.

L'11 settembre di ogni anno viene celebrata la Diada Nacional de Catalunya in memoria della resistenza del popolo catalano in difesa del paese e della caduta di Barcellona nelle mani borboniche dopo 14 mesi di assedio.

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

In Europa, la prima metà del tumultuoso e bellicoso XVIII secolo fu caratterizzata da alleanze e patti necessari a equilibrare i poteri dei vari stati. Interminabili lotte dinastiche e guerre imposero egemonie, imperi e nuove rotte commerciali. Il Regno di Francia, che dal Trattato dei Pirenei aveva eclissato il potere internazionale dei regni ispanici, ed il Regno d'Inghilterra lottavano per il dominio del mondo occidentale.

Il XVIII secolo cominciò con la morte senza eredi di Carlo II d'Asburgo. Due mesi prima di morire, su pressione di Luigi XIV di Francia e di alcuni cortigiani, redasse il suo testamento in cui divideva i domini degli asburgo e nominava Filippo, nipote di Luigi XIV, come erede dei regni ispanici. Questa decisione provocò immediatamente una guerra tra le potenze europee ed una larga guerra civile tra i regni ispanici.

La Guerra di Successione Spagnola (1705-1713)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra di successione spagnola.

Trattato di Utrecht (1713)[modifica | modifica sorgente]

La Guerra della Catalogna (1713-1714)[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Domenico Carutti, Storia del Regno di Vittorio Amedeo II, Firenze, LE Monnier, 1859. ISBN non esistente
  • (EN) Linda Frey, The Treaties of the War of the Spanish Succession, Westport, Greenwood Press, 1995. ISBN 0313278849
  • Guido Gerosa, Il Re Sole. Vita privata e pubblica di Luigi XIV, Mondadori, 1999. ISBN 9788804471813
  • (EN) John Hattendorf, England in the War of the Spanish Succession, New York, Garland Pub, 1987. ISBN 0824078136
  • Franz Herre, Eugenio di Savoia, Milano, Garzanti Editore, 2001. ISBN 88-11-69311-X
  • (EN) John Lynn, The Wars of Louis XIV, 1667–1714, Longman, 1999. ISBN 0-582-05629-2
  • (FR) J.J. Pelet, F.E. De Vault, Mémoires militaires relatifs à la guerre de succession d’Espagne sous Louis XIV, Parigi, 1835. ISBN non esistente
  • Franco Verdoglia, La guerra di successione spagnola (1701-1715), Chillemi, 2009. ISBN 978-8896522141

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra