Assassin's Creed: Revelations

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assassin's Creed: Revelations
Assassin's Creed Revelations logo.svg
Sviluppo Ubisoft Montreal, Ubisoft Annecy, Ubisoft Massive, Ubisoft Quebec, Ubisoft Singapore, Ubisoft Bucharest
Pubblicazione Ubisoft
Serie Assassin's Creed
Data di pubblicazione PlayStation 3 e Xbox 360:
Giappone 1º dicembre 2011
ColoredBlankMap-World-10E.svg 15 novembre 2011

Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 29 novembre 2011
Flag of Europe.svg 2 dicembre 2011
Flag of the United Kingdom.svg 7 dicembre 2011
Australia 1º dicembre 2011

Genere Avventura dinamica, stealth
Tema Costantinopoli[1]
Modalità di gioco Giocatore singolo e multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3
Motore grafico Anvil Engine
Supporto Blu-ray Disc, DVD-ROM
Fascia di età ACB: MA15+
BBFC: 15
CERO: Z
ESRB: M
PEGI: 18
USK: 16
Periferiche di input Tastiera, Mouse, Sixaxis o DualShock 3, Gamepad
Preceduto da Assassin's Creed: Brotherhood
Seguito da Assassin's Creed III

Assassin's Creed: Revelations è il quarto episodio della saga di Assassin's Creed. Il gioco è stato sviluppato da Ubisoft Montreal, Ubisoft Annecy, Ubisoft Massive, Ubisoft Quebec, Ubisoft Singapore e da Ubisoft Bucharest. È stato rilasciato il 15 novembre 2011 per Xbox 360 e PlayStation 3 e il 29 novembre per Microsoft Windows.

Il videogioco, che relaziona Altaïr ed Ezio, i due antenati di Desmond Miles, costituisce il capitolo finale della trilogia incentrata sulla vita di Ezio Auditore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le vicende di Revelations hanno inizio poco dopo la fine dei fatti di Assassin's Creed: Brotherhood. Gli Assassini, sollevati per aver recuperato la Mela nascosta sotto il Colosseo, sono comunque sconvolti dall'inspiegabile uccisione di Lucy per mano di Desmond. Dopo averla pugnalata contro la propria volontà, mosso probabilmente dall'entità della Prima Civilizzazione nota come Giunone, il giovane crolla a terra svenuto.

Convinti che la sua attuale condizione dipenda dall'effetto osmosi, i compagni Assassini di Desmond lo inseriscono in un programma speciale dell'Animus per contrastare, o almeno rallentare, il deterioramento dei suoi processi cognitivi. Mentre viene trasportato da Shaun, Rebecca e William dall'Italia ad una località per il momento sconosciuta, Desmond si risveglia su una strana isola. Qui incontra il Soggetto 16, incarnato in un corpo virtuale, che rivela a Desmond che ora si trova nel programma di base dell'Animus: la sua mente, infatti, è stata frammentata dalle esperienze vissute nei panni di Ezio ed Altaïr, che hanno mescolato la sua personalità con quelle dei suoi due illustri antenati. Per salvarsi e tornare nel mondo reale, Desmond dovrà creare un "giunto sincronico", ovvero rivivere alcuni momenti chiave dei suoi antenati non ancora recuperati, in modo da "completare" le loro vite: in questo modo l'Animus sarà in grado di separare le esistenze di Ezio ed Altair da quella di Desmond, permettendo al ragazzo di risvegliarsi dal coma. Si scopre inoltre che il Soggetto 16, alias Clay Kaczmarek, ha vissuto un'analoga esperienza a quella di Desmond, ma a differenza di questi il suo corpo reale non è più in vita: pertanto Clay è rimasto prigioniero dell'Animus.

Desmond riprende così ad esplorare i ricordi di Ezio Auditore. Scopriamo che, nel corso degli anni, il Maestro Assassino non è riuscito a placare il suo animo dopo la pace seguita ai fatti di Brotherhood. Inquieto per le enigmatiche rivelazioni di cui è stato testimone, in particolar modo per esser stato il tramite involontario fra Minerva ed un misterioso uomo chiamato "Desmond", nel 1510 Ezio scopre una lettera scritta da suo padre che accenna ad una biblioteca nascosta a Masyaf (patria di Altair), e colma di una saggezza inestimabile: dopo dieci lunghi mesi di viaggio, il Mentore giunge finalmente all'antica cittadella. Ma al suo arrivo Masyaf, che non ospita più gli Assassini da secoli, si trova invece in mano dei Templari: anch'essi sono alla ricerca della biblioteca di Altair, la cui saggezza avrebbe dovuto condurli ad un misterioso "Grande Tempio". Ezio viene catturato dai Templari, ma riesce a liberarsi e ad uccidere il loro capo Leandros, sottraendogli il diario di Niccolò Polo. Dal diario Ezio apprende delle "cinque chiavi" necessarie per aprire la biblioteca, nascoste da Polo stesso a Costantinopoli quasi 300 anni prima.

Ezio si reca quindi a Costantinopoli, detta Istanbul dagli abitanti del luogo. Qui incontra Yusuf Tazim, Gran Maestro degli Assassini di Istanbul, il quale è alle prese con i Templari bizantini, che combattono per restituire il trono di Bisanzio, caduto nelle mani degli Ottomani, al legittimo erede dell'imperatore Costantino. A tutto ciò fa da sfondo la guerra per il trono ottomano fra il sultano Bayezid e suo figlio Selim, poiché il sultano ha designato come suo erede l'altro figlio, il principe Ahmet. Con l'aiuto della libraia veneziana Sofia Sartor, con cui instaura ben presto un legame, Ezio riesce a trovare quattro delle cinque chiavi di Masyaf (una era già stata trovata dai Templari sotto il Palazzo Topkapı), insieme a molti libri che si credevano perduti da secoli. Inoltre scopre che le chiavi, forgiate probabilmente con lo stesso materiale della Mela dell'Eden, contengono memorie della vita del leggendario Altair. In seguito l'Assassino, dopo aver salvato da un attentato dei Templari il giovane principe Solimano, figlio di Selim, stringe un'alleanza con quest'ultimo.

Ezio e Solimano sono erroneamente indotti a pensare che Tarik Barleti, capo dei Giannizzeri (le guardie personali del sultano), sia in combutta con i Templari, e che stiano tramando insieme di attaccare Bisanzio. Uccidendolo, però, scopre che in realtà Barleti stava tendendo un tranello ai Templari per sconfiggerli definitivamente, e grazie alle sue informazioni parte per la Cappadocia, dove Manuele Paleologo, l'ultimo erede di Costantino, sta radunando un esercito templare per riconquistare la corona bizantina. Giunto in Cappadocia, Ezio uccide Paleologo, che possedeva anche la quinta chiave di Masyaf. Ma dopo aver recuperato l'ultima chiave, scopre che dietro il complotto dei Templari non c'è altri che il principe Ahmet, fratello di Selim e zio di Solimano, che gli propone uno scambio: le cinque chiavi di Masyaf per la vita di Sofia Sartor, che è stata catturata. Ezio accetta lo scambio, salva Sofia ed insegue Ahmet per recuperare le chiavi. Giunti ad una scogliera, Ezio, Sofia ed Ahmet incontrano Selim, che ha sconfitto in guerra il padre Bayezid: il nuovo sultano uccide Ahmet gettandolo da un dirupo e lascia vivere Ezio, in virtù della stima che il figlio Solimano nutre nei confronti del Maestro Assassino.

Una volta recuperate le cinque chiavi, Ezio e Sofia si incamminano insieme per Masyaf, e dopo aver aperto la biblioteca, scoprono che non v'è alcun libro: in realtà essa è una cripta contenente lo scheletro di Altair e la Mela dell'Eden. Nella mano di Altair, Ezio trova una sesta chiave che contiene l'ultimo ricordo del suo grande antenato, quello della sua morte, quando questi si chiuse dentro la cripta insieme alla Mela. Ezio trova anche il Frutto dell'Eden, ma decide di lasciarlo lì dove si trova, temendo del suo potere; il manufatto però prende vita. Ezio, parlando a Desmond attraverso i secoli, capisce ed accetta il suo destino di profeta: "Sono solo un tramite per un messaggio che elude la mia comprensione", afferma. Desmond, intanto, si trova al cospetto di Giove, terzo membro della triade della Prima Civilizzazione insieme a Minerva e Giunone. Questi racconta che la sua razza cercò di sfuggire senza successo alla catastrofe della tempesta solare, annunciata durante gli eventi di Assassin's Creed 2. Prima della fine, la triade della Prima Civilizzazione sigillò tutto il proprio sapere in una cripta (probabilmente il "Grande Tempio" che cercavano i Templari), situato a Turin, nell'odierno stato di New York.

A questo punto Desmond, che ha completato i momenti chiave delle vite dei suoi due grandi antenati, si risveglia dal coma e dice: "So che cosa dobbiamo fare".

Ricordi di Altaïr Ibn-La'Ahad[modifica | modifica wikitesto]

Il custode del Mentore (Altaïr a 24 anni): In questo ricordo Altair salva il suo maestro, Al Mualim, da un Assassino traditore, Haras.

La veglia del Mentore (Altaïr a 26 anni): In questo ricordo, situato cronologicamente appena dopo la morte di Al Mualim alla fine del primo capitolo, Altaïr salva Abbas, un suo parigrado, dalla Mela dell'Eden, che egli voleva usare per uccidere Altaïr, ma di cui ha perso il controllo.

Un nuovo regime (Altaïr a 63 anni): In questo ricordo, ambientato dopo molti anni rispetto ai precedenti, Altaïr torna a Masyaf insieme a sua moglie Maria, dopo un lungo viaggio in Mongolia che aveva come scopo l'assassinio di Gengis Khan, ma scopre che Abbas ha preso il controllo degli Assassini, ed è costretto a fuggire dopo aver visto Maria morire davanti ai suoi occhi per mano di un sottoposto di Abbas.

Il ritorno del Mentore (Altaïr a 82 anni): In questo ricordo, Altaïr torna nuovamente a Masyaf e scopre che Abbas ha corrotto l'Ordine: tale crimine è imperdonabile e Altaïr, dopo aver sollevato gli Assassini contro di lui, lo uccide con la sua nuova arma: la pistola celata.

Passaggio di testimone (Altaïr a 92 anni): In questo ricordo, Altaïr dona il suo Codice e i cinque sigilli dove ha inciso i suoi ricordi ai fratelli Polo, per poi accompagnarli alle porte di Masyaf, difendendoli dagli aggressori Mongoli con la Mela.

L'eredità perduta: Questo ricordo è rivissuto da Ezio quando egli entra nella Biblioteca di Altaïr, e scopre lo scheletro di Altaïr: infatti, come si scopre dall'ultimo sigillo che il corpo dell'Assassino tiene in mano, egli, dopo aver detto addio a suo figlio, si era chiuso nella sua biblioteca, insieme alla Mela, aspettando che giungesse la sua ora.

Il viaggio di Desmond[modifica | modifica wikitesto]

Parte 1: Dubbi (Raccogli 5 Frammenti dell'Animus): Nel primo portale situato sull'Isola dell'Animus, Desmond ricorda la prima parte della sua vita, quando egli era ancora un bambino e viveva nel covo degli Assassini denominato "La Fattoria" e si poneva i primi dubbi sugli Assassini e i Templari.

Parte 2: Addestramento (Raccogli 10 Frammenti dell'Animus): Nel secondo portale, Desmond ricorda l'estenuante addestramento che suo padre gli impartiva ogni giorno, senza fornirgli spiegazioni del perché lo facesse.

Parte 3: Fuga (Raccogli 15 Frammenti dell'Animus): Nel terzo portale, Desmond rammenta la sua fuga dalla Fattoria, causata dalla sua stanchezza della vita da Assassino, senza conoscenza o consapevolezza.

Parte 4: Metropoli (Raccogli 20 Frammenti dell'Animus): Nel quarto portale, Desmond ricorda il suo trasferimento a New York: il suo lavoro di barista, le ragazze che da lui erano corteggiate, le lunghe nottate in discoteca.

Parte 5: Rimpianto (Raccogli 30 Frammenti dell'Animus): L'aspetto della sequenza ambientata nel quinto portale è uguale a quello dell'ufficio dell'Abstergo dove egli era tenuto prigioniero in Assassin's Creed: Desmond ricorda infatti il suo rapimento, concludendo le sequenze con la frase: "Mi chiamo Desmond Miles, e sono un Assassino. Io sono un Assassino."

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco permette di utilizzare tutti e tre i protagonisti della saga, Altair, Ezio e Desmond. Le vicende di Ezio sono ambientate prevalentemente a Costantinopoli ed in Cappadocia, quelle di Altaïr a Masyaf e quelle di Desmond nel mondo virtuale dell'Animus. Ai fini del completamento del gioco, comunque, sono necessarie soltanto le missioni di Ezio e le poche di Altair: esse prevedono una modalità di gioco sostanzialmente simile a quelle di Assassin's Creed 2 ed Assassin's Creed: Brotherhood, basata principalmente sull'azione e sulle scene platform. Le fasi di combattimento sono persino più semplificate rispetto ai precedenti capitoli, anche grazie ai molti potenziamenti ottenibili durante il gioco, che rendono Ezio ancora più forte e letale. Alcune caratteristiche di Brotherhood sono state eliminate, ad esempio la possibilità di spostarsi a cavallo o i manifesti da strappare per ridurre l'allerta templare (che probabilmente sono stati tolti per il fatto che nel XVI secolo in Turchia la stampa, su cui si basa la creazione dei manifesti in serie, non era ancora diffusa, quindi metterli anche in questo capitolo sarebbe stato un errore storico).

In compenso, sono state introdotte alcune novità, tra cui la lama uncinata, che a differenza della lama celata permette di arrampicarsi in modo più efficiente e di eseguire nuove acrobazie molto spettacolari, tra cui lo scorrimento sulle funi tese per spostarsi rapidamente fra un tetto e l'altro. Un'altra novità importante è costituita dalle bombe degli Assassini turchi, molto variegate in termini di potenza ed effetti, che semplificano con la loro versatilità diversi momenti del gioco: lo stesso Ezio può fabbricarle, scegliendo involucro, polvere pirica ed effetto. Un'altra novità è la modalità Tower defence, in cui il giocatore deve difendere i covi degli Assassini mentre vengono assediati dai Templari, posizionando uomini e barricate al fine di respingere le diverse orde di nemici ed il carro armato finale.

Come per i precedenti capitoli, in aggiunta alla storia principale vi sono tutta una serie di missioni secondarie che permettono al giocatore di aumentare la longevità del gioco e di ottenere vari bonus. Tra queste troviamo le sfide delle gilde, il restauro della città, il reclutamento Assassini, le missioni di Piri Reis ed altre ancora. Si possono inviare i propri adepti Assassini in missione in varie città del Mediterraneo (difesa del Mediterraneo), traendo il duplice beneficio di renderli più potenti attraverso l'esperienza accumulata e di controllare i commerci di diverse città.

Per quanto riguarda i cinque ricordi di Desmond, del tutto opzionali, essi prevedono una modalità di gioco del tutto diversa da quella classica della serie: si tratta di cinque livelli giocati in prima persona in cui il giocatore, impersonando Desmond, attraversa le ampie sezioni virtuali dell'Animus, costruendo dei blocchi virtuali per attraversare vari ostacoli. I ricordi di Desmond servono per lo più a conoscere, attraverso le parole di Desmond stesso, alcune vicende della sua vita prima che iniziassero le sue avventure da Assassino, e che fanno luce sulle sue origini. Le missioni di Altair, ambientate a Masyaf, prevedono l'uso del Maestro Assassino negli ultimi anni della sua vita, e quindi un leggero cambiamento nel gameplay: infatti, dal ricordo in cui ha 82 anni, Altair ha perso la abilità nella corsa acrobatica in quanto si stancherà a correre, mantenendo però una discreta capacità di combattere. Tuttavia, nel ricordo in cui il Mentore ha 92 anni, perderà anche quella e potrà contare soltanto sulla Mela dell'Eden: dopo aver trascorso molti anni a studiarla, infatti, ha imparato come servirsene senza dover subire effetti collaterali.

Scena di combattimento in versione multiplayer

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Assassini[modifica | modifica wikitesto]

  • Desmond Miles: Discendente di Ezio e Altair. Entrato in coma si trova nella Stanza Nera dove cercherà di risvegliarsi dal coma.
  • William Miles: Assassino e padre di Desmond, è lui che ha deciso di mettere Desmond nell'Animus per salvarlo.
  • Rebecca Crane: Assassina e tecnico dell'Animus, monitorizza Desmond nell'Animus 2.03
  • Shaun Hastings: Assassino e storico ed era colui che forniva i dati a Desmond nell'Animus
  • Clay Kaczmarek: Conosciuto come "Soggetto 16". Quando era in vita una parte di se stesso è rimasta nell'Animus all'interno della Camera Nera. Nella Camera aiuta Desmond a risvegliarsi.
  • Altaïr Ibn-La'Ahad: Assassino Siriano e successivamente Mentore, autore di imprese leggendarie. È il primo antenato di cui Desmond rivive i ricordi, ma per riuscire a svegliarsi è costretto a trovare un Giunto Sincronico tra Altair, Ezio e lui stesso.
  • Ezio Auditore: Altro Assassino leggendario divenuto tale dopo aver liberato l'intera Europa dalla tirannia dei Borgia. Quando trovò una lettera di suo padre che accennava a una biblioteca di Masyaf si mise subito in viaggio.
  • Yusuf Tazim: Capo della gilda degli Assassini a Costantinopoli e principale alleato di Ezio durante la sua permanenza in città.
  • Piri Reis: Assassino della gilda ottomana ed è colui che accompagna Ezio in Cappadocia e gli insegna la costruzione delle bombe.

Altri[modifica | modifica wikitesto]

  • Sofia Sartor: Bibliotecaria di Costantinopoli. Aiuta Ezio nella ricerca delle chiavi e successivamente diventa sua moglie.
  • Solimano I: Prima persona che conosce Ezio una volta giunto a Costantinopoli. I Due stringono subito amicizia e Solimano aiuta Ezio nella ricerca delle chiavi.
  • Dilara: Spia ottomana che aiuta Ezio quando raggiunge la Cappadocia.

Templari[modifica | modifica wikitesto]

  • Laetitia England: Dirigente della Divisione Operazioni dell'Abstergo Industries e membro della Inner Sanctum dell'Ordine dei Templari.
  • Warren Vidic: Insieme al suo assistente addestrerà le reclute dell'abstergo
  • Manuele Paleologo: Erede dell'ultimo imperatore bizantino e membro dei Templari. Viene ucciso da Ezio in Cappadocia.
  • Ahmet: Principale nemico di Ezio durante il suo soggiorno a Costantinopoli. Capo dei Templari Bizantini e farebbe di tutto pur di trovare le chiavi di Masyaf.
  • Leandros: Capitano Bizantino. Riuscì a catturare Ezio a Masyaf ma subito dopo quest'ultimo fugge e lo uccide.
  • Shahkulu: Guardia del corpo di Manuele. Si unì ai Templari subito dopo che gli Ottomani distrussero il loro villaggio. In Cappadocia riuscì a sopravvivere alla Lama Celata di Ezio ma successivamente viene ucciso.
  • Vali cel Tradat: Fu un nobile valacco. Membro degli Assassini, li tradì diventando un membro dell'Ordine dei Templari dopo la conquista della Valacchia da parte degli Ottomani.
  • Cirillo di Rodi: È stato un diacono della Chiesa ortodossa e un membro dell'Ordine dei Templari. Nel 1511 fu ucciso a Costantinopoli da Ezio Auditore da Firenze insieme a un suo apprendista.
  • Lisistrata: È stata un'attrice e membro dell'Ordine dei Templari, che era spesso invocata per il suo carisma seducente. Come una donna ricca bizantina, viveva una lussuosa vita disinvolta a Costantinopoli, dove fu istruita nelle arti dai Templari. In cambio del loro aiuto, Lisistrata ha usato il suo fascino suggestivo per scoprire i segreti degli ottomani, e donarli ai Templari. Nel 1511 venne uccisa da Ezio Auditore da Firenze insieme a un suo apprendista.
  • Mirela Djuric: È stata un'athingana, conosciuta come una ladra scaltra e indovina, ed è stata un membro dell'Ordine dei Templari. Nel 1511 venne uccisa da Ezio Auditore da Firenze, insieme a un suo apprendista a Costantinopoli.
  • Georgios Kostas: È stato un combattente con la reputazione di un incredibile forza e brutalità e membro dell'Ordine dei Templari. Nel 1511 venne sconfitto e ucciso da Ezio Auditore da Firenze insieme a un suo apprendista a Costantinopoli.
  • Damat Ali Pasha: Era un ex agente del sultano Bayezid II ed un membro dell'Ordine dei Templari. Ha servito con lealtà il Sultano Bayezid II, ma quando le ambizioni del Sultano di conquistare il mondo si erano placate, si unì ai Templari, nella speranza di portare l'ordine e la gloria a un mondo governato dal caos. Nel 1511 viene ucciso da Ezio Auditore da Firenze insieme a un suo apprendista a Costantinopoli.
  • Odai Dunqas: Era un cugino del primo sultano del Sultanato Sennar, e un membro dell'Ordine dei Templari. Nel 1512 venne ucciso da Ezio Auditore da Firenze insieme a un suo apprendista a Costantinopoli.
  • Vlad Tepes: Detto L'Impalatore per il modo in cui uccideva le sue vittime, era un principe della Valacchia. Segretamente, Vlad era un membro dell'Ordine dei Templari, che svolse un ruolo importante nella loro lotta contro l'Impero Ottomano. Vlad fu anche l'idolo segreto di Vali cel Tradat che, dopo la sua morte e la riconquista della Valacchia da parte degli Ottomani, divenne un Templare.
  • Haras: Fu un Apprendista Assassino, che tradì l'Ordine per la sua lenta progressione ad Assassino di alto rango e di conseguenza, si unì all'Ordine dei Templari.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

In questo capitolo le armi sono praticamente le stesse di quelli precedenti a cui però si aggiungono la lama uncinata e le bombe. Inoltre ora c'è una differenziazione tra armi primarie (lama celata, spada, balestra ecc...) e armi secondarie (pistola, pugnali da lancio, dardi avvelenati ecc...) che possono essere selezionate insieme e quindi con varie combinazioni.

Lama Celata
L'arma più importante di un assassino è ovviamente presente già all'inizio del gioco. La seconda lama verrà aggiunta con il progredire della storia.
Lama Uncinata
Novità di questo capitolo, essa permetterà una maggiore libertà di movimento facilitando le scalate e gli spostamenti tra i tetti. Premetterà inoltre una nuova mossa di atterramento contro gli avversari.
Lama e Dardi Avvelenati
La Lama Avvelenata è la stessa vista nei precedenti capitoli, mentre i dardi, presenti dall'inizio dell'avventura, permettono ad Ezio di sparare proiettili avvelenati, senza correre il rischio di allarmare il bersaglio.
Pistola Celata
Quest'arma è presente fin dall'inizio e permette, come nei precedenti capitoli, di uccidere dalla distanza con un colpo rapido e preciso ma tuttavia molto rumoroso.
Spade e Martelli
Le armi classiche della serie. I modelli sono quasi tutti nuovi ma con il servizio Uplay è possibile sbloccare vecchie armi dei capitoli precedenti.
Spada Corta
L'arma più veloce ed agile del gioco. Essa è in grado di eliminare un alto numero di nemici in poco tempo. Sono presenti molti modelli acquistabili presso i fabbri.
Balestra
Introdotta nel precedente capitolo, essa permette di uccidere silenziosamente i bersagli dalla lunga distanza. Non è presente all'inizio del gioco e andrà acquistata successivamente da un fabbro.
Pugnali da Lancio
Ormai un classico della serie, essi permettono di eliminare silenziosamente i nemici anche tre per volta.
Spade Lunghe/Asce
Come nel capitolo precedente sono acquistabili dai fabbri. Per utilizzarle bisogna però acquistare il fodero pesante dal Sarto.
Bombe
Insieme alla lama uncinata è la novità principale di questo capitolo. Le bombe sono di tre tipologie: letali, tattiche e diversive. Le prime serviranno per uccidere i bersagli, le seconde per confondere i nemici e le terze per passare inosservato creando un diversivo. Dovranno essere costruite (ci sono centinaia di combinazioni) utilizzando i componenti che si potranno trovare in città, depredando i cadaveri o acquistandoli. Le bombe si compongono di tre parti: l'involucro, la polvere pirica (che determina il raggio dell'esplosione) e l'effetto (che varia a seconda della tipologia di bomba).
Mela dell'Eden
Il manufatto ritorna utilizzabile anche in Revelations, ma soltanto durante un ricordo di Altair. Come nel capitolo precedente fa impazzire i nemici fino ad ucciderli, ma a differenza di come la usava Ezio non diminuisce la sincronizzazione, perché Altair avendo studiato fino in fondo il manufatto ha anche scoperto come usarlo senza effetti collaterali.
Armi sbloccabili particolarmente potenti
oltre a queste armi, già disponibili nelle botteghe dei fabbri o, se si parla di bombe, Piri Reis o nei punti vendita in cui agisce il mercato nero, esistono delle armi sbloccabili dopo aver superato una serie di sfide, lanciate dalla Gilda dei Ladri, dei Mercenari, degli Athingani o degli Assassini. Per visualizzare queste sfide, basta giungere in un covo ed esaminare la lavagnetta nera che reca scritte bianche di gesso. Queste armi, proprio perché difficile ottenerle, sono molto potenti, come il Kijil turco di Yusuf (la spada più potente del gioco) e lo stiletto degli athingani. Anche le bombe comunque possono essere potenziate dopo aver vinto una serie di sfide, esibite sulla lavagnetta nera alla voce :"Bombe".

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

Questi sono i profili dei nuovi personaggi del multigiocatore, personalizzabili in varie combinazioni, dall'aspetto fisico, all'abbigliamento, all'arma.

  • Personaggi Standard: le modifiche di questi personaggi sono sbloccabili tramite il sistema dei crediti Abstergo, ottenuti durante le sessioni di gioco.

La Sentinella – Nobile valacco di nascita ed ex Assassino, Vali cel Tradat cerca soddisfazione nella vendetta. Arma preferita: Katara lunga;

L'Avanguardia – Oksana Razin lavorava come spia dei Templari prima di unirsi al loro Ordine, scambiando la fedeltà per il denaro. Arma preferita: Ascia piccola;

Il Guardiano – Cugino ripudiato di un sultano, Odai Dunqas segue l'ideologia templare secondo cui la pace si ottiene solo con l'ordine e la stabilità. Arma preferita: Lancia;

Il Visir – Damat Ali Pasha si è unito ai Templari sperando di portare ordine e gloria in un mondo governato dal caos. Arma preferita: Spada;

La Truffatrice – Ladra astuta, l'indovina Mirela Djuric è il contatto dei Templari con un vasto sottobosco di attività criminose. Arma preferita: Pugnale;

Il Campione – Il guerriero di professione Georgios Kostas si è guadagnato la stima dei Templari e il diritto di combattere per la croce vermiglia. Arma preferita: Ascia piccola.

La Teatrante – I Templari spesso contano sul carisma seduttivo di Lisistrata per influenzare gli ufficiali ottomani e i monarchi in visita di stato. Arma preferita: Pugnale;

Il Diacono – Cirillo di Rodi sfrutta la sua posizione nella Chiesa per distruggerla dall'interno e favorire il dominio dei Templari. Arma preferita: Spada lunga;

Il Bombardiere – Kadir è una risorsa preziosa per i Templari. Fornisce loro armi e informazioni in cambio di denaro e potere. Arma preferita: Maglio;

Il Conte - "Vlad l'Impalatore" è un nobile valacco schieratosi sotto lo stendardo dei Templari a causa del suo odio per gli Ottomani. Arma preferita: Maglio;

Il Rinnegato - L'odio che Shahkulu prova per gli Ottomani è superato solo dal desiderio di schiacciare chiunque si opponga ai Templari. Arma preferita: Lancia;


  • Personaggi esclusivi, sbloccabili e personaggi di Brotherhood rivisitati in chiave ottomana:

Il Crociato - Il Crociato Haras ha raccolto abbastanza informazioni da sabotare l'Ordine degli Assassini dall'interno. Arma preferita: Spada lunga, le personalizzazioni di questo personaggio sono già sbloccate. Personaggio esclusivo riservato ai possessori di Collector e Animus Edition;

Il Buffone - Dulcamara si è rifugiato presso i Templari dopo che i suoi lazzi hanno causato la rovina di un visir molto amato dal sultano. Non personalizzabile. Personaggio di Brotherhood rivisitato in chiave ottomana. Esclusivo, riservato ai possessori di Collector e Animus Edition;

La Cortigiana - Esperta di intrighi Templari, Fabiola Cavazza si muove silenziosa come un gatto fra le ombre di Costantinopoli. Non personalizzabile. Personaggio di Brotherhood rivisitato in chiave ottomana, sbloccabile per i giocatori che hanno raggiunto il livello 50 in Brotherhood e il livello 40 in Revelations;

Il Cavaliere - Scevola Spina segue ciecamente gli ordini dei Templari e opera per plasmare il mondo secondo la loro ideologia. Non personalizzabile. Personaggio di Brotherhood rivisitato in chiave ottomana, sbloccabile con 40 punti Uplay;

Il Medico Ottomano. Personaggio di Brotherhood rivisitato in chiave ottomana. Esclusivo, riservato ai possessori della Special Edition Americana.


  • Personaggi del DLC Pacchetto Antenati: Questo pacchetto è stato reso disponibile per tutte le piattaforme il 13 dicembre dalla Ubisoft ed è acquistabile sull'Ubishop, lo store Xbox Live e il PlayStation Store.

La Corsara - Eveline Guerra è il terrore dei mari: devia i tesori rubati verso le casse dei Templari. Arma preferita: Spada, le personalizzazioni di questo personaggio sono già sbloccate;

La Brigantessa - Samila Khadim commercia in reperti e segreti, arricchendosi al soldo dei Templari. Arma preferita: Lancia, le personalizzazioni di questo personaggio sono già sbloccate;

Il Filibustiere - Blaise Legros crede solo nel denaro: serve tanto i Templari quanto gli Assassini, purché lo paghino. Arma preferita: Spada lunga, le personalizzazioni di questo personaggio sono già sbloccate;

Il Gladiatore - Anacletos non si interessa molto di ideologia. I Templari gli offrono semplicemente la scusa per spargere sangue. Arma preferita: Spada lunga, le personalizzazioni di questo personaggio sono già sbloccate.

Limited Edition[modifica | modifica wikitesto]

In Europa sono state annunciate quattro limited edition del gioco:

La Collector Edition, che conterrà:

  • La scatola Collector: spezza il sigillo dell'assassino per scoprirne il contenuto.
  • Un artbook di 50 pagine con illustrazioni e bozzetti legati al gioco.
  • La colonna sonora originale.
  • Un cortometraggio animato intitolato Assassin's Creed: Embers.
  • Contenuti di gioco extra: le prigioni di Vlad l'Impalatore, in cui è nascosta la leggendaria Spada di Vlad Tepes.
  • Due personaggi extra per le modalità multiplayer: il Crociato e il Giullare ottomano.

La Templar Edition (esclusiva della catena OpenGames in Italia), che conterrà:

  • La Collector Edition completa.
  • Una statua di Ezio alta circa 22 cm.

L'Animus Edition (esclusiva dei negozi europei della catena GameStop) che conterrà:

  • L'Enciclopedia completa, con voci esaustive dedicate ai personaggi principali, agli eventi e ad altri importanti aspetti del mondo di Assassin's Creed.
  • Il meglio della colonna sonora di Assassin's Creed.
  • Un cortometraggio animato intitolato Assassin's Creed: Embers.
  • Contenuti di gioco extra: le prigioni di Vlad l'Impalatore, in cui è nascosta la leggendaria Spada di Vlad Tepes.
  • Potenziamento della capacità dei proiettili per la pistola celata, bombe e dardi per la balestra.
  • Due personaggi extra per le modalità multiplayer: il Crociato e il Giullare ottomano.
  • L'Armatura di Bruto tratta da Assassin's Creed: Brotherhood.
  • Assassin's Creed, il primo capitolo (solo nella versione PS3).

L'Ottoman Edition, che conterrà:

  • Contenuti di gioco extra: le prigioni di Vlad l'Impalatore, in cui è nascosta la leggendaria Spada di Vlad Tepes.
  • Tre nuovi personaggi extra per le modalità multiplayer.
  • Il DLC "The Lost Archive" che aggiunge 10 obiettivi/trofei.

Si tratta perciò di una sorta di edizione completa.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Renato Novara, doppiatore di Ezio Auditore in Assassin's Creed II e Assassin's Creed: Brotherhood, è stato sostituito da Diego Baldoin, in quanto la voce di Novara è stata ritenuta troppo giovanile rispetto al personaggio (Ezio in Assassin's Creed: Revelations è invecchiato rispetto alle precedenti edizioni). Baldoin inoltre ha confermato di aver doppiato anche il cortometraggio animato Assassin's Creed: Embers.

Curiosità e Sbloccabili[modifica | modifica wikitesto]

  • Il trailer rilasciato prima del gioco è accompagnato dalla canzone intitolata Iron, composta dal regista Yoann Lemoine, meglio conosciuto come Woodkid.
  • Se si completa al 100% la sequenza 8 si sbloccherà nell'inventario la tenuta di Altair vecchio.
  • Se si superano tutte le sequenze di Desmond si sbloccherà nell'inventario la tenuta di Desmond.
  • Raccogliendo tutte le pagine del diario di Ishak Pasha si sbloccherà una missione ambientata all'interno di Santa Sofia. Al termine della missione si sbloccherà l'armatura di Ishak Pasha.
  • Nell'Isola Dell'Animus i colori della maglietta e della felpa di Desmond sono invertiti rispetto alla realtà.
  • A Costantinopoli ci sono due musiche di sottofondo che una volta finito il gioco non si sentono più.
  • Riappare per una terza volta Duccio, ex fidanzato di Claudia, diventando il secondo personaggio, dopo il protagonista, ad apparire in tutti gli episodi della trilogia dedicata ad Ezio Auditore.
  • Ezio in questo capitolo non avrà la cappa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scouting Istanbul

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]