Aspidontus taeniatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aspidontus taeniatus
Chromis xanthochira2.jpg
''A. taeniatus su Chromis xanthochira
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Blenniidae
Genere Aspidontus
Specie A. taeniatus
Nomenclatura binomiale
Aspidontus taeniatus
Quoy & Gaimard, 1834
Sinonimi

Petrocirtes taeniatus
(Quoy & Gaimard, 1834)

Aspidontus taeniatus è un pesce della famiglia dei Blennidi.

Habitat e distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Oceano Pacifico, Isola del Cocco, Christmas Island, Isole Marchesi, Tuamotu, Giappone, Nuovo Galles del Sud, Micronesia, da 3 a 25 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Corpo allungato, di colore bianco-argenteo, con una lunga bansa nera longitudinale a partire dal muso e fino alla pinna caudale, talvolta tentende al marrone in corrispondenza della parte posteriore del corpo. Pinne di colore bianco-azzurro, traslucide. Pinna dorsale e anale bianco-azzurra, talvolta con una banda nera orizzontale. Fino a circa 12 centimetri.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Questa specie mima la "danza" del Labroides dimidiatus, un pesce pulitore, per riuscire a nutrirsi di squame e lembi di carne senza rischiare che la preda stia sull'allerta. Nuota in piccoli gruppi.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre, oltre che delle squame e della carne di altri pesci, di anellidi e di uova.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Tetsuo Kuwamura (Laboratory of Biology, Chukyo University, Nagoya, Japan, Reexamination on the aggressive mimicry of the cleaner wrasse Labroides dimidiatus by the blenny Aspidontus taeniatus (Pisces; Perciformes) in Journal of Ethology, vol. 1, n. 1-2, Springer Japan, 1983, pp. 22-33. DOI:10.1007/BF02347828, ISSN 0289-0771.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci