Aslan Abashidze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aslan Abashidze

Aslan Abashidze (20 luglio 1938) è un politico georgiano, è stato leader della Ajaria (repubblica autonoma georgiana) dal 1991 al 5 maggio 2004.

Abashidze (in georgiano ასლან აბაშიძე) è nato è cresciuto in una famiglia georgiana musulmana (di Ajarian). Suo nonno Memed Abashidze era un famoso scrittore e un membro del Parlamento della Repubblica della Georgia democratica fra il 1918-1921, ma fu fucilato sugli ordini di Stalin nel 1937. Suo padre fu inviato nei Gulag per dieci anni ma è riuscito a sopravvivere. Malgrado un'infanzia difficile, durante gli anni cinquanta Abashidze poté laurearsi in storia e filosofia all'università di Batumi in economia all'università di Stato di Tbilisi. Ha lavorato come insegnante ed economista per un periodo prima di unirsi al servizio pubblico regionale della Georgia. Era il direttore di parecchi istituti tecnici di servizio prima di essere chiamato a Batumi, la capitale della Ajaria, dove ha servito da assessore regionale del servizi sociali. Successivamente è stato nominato primo delegato nazionale del Ministero dei servizi sociali e venne spostato verso Tblisi. Il suo ruolo nel governo rimase tuttavia secondario.

Abashide e la Georgia indipendente[modifica | modifica wikitesto]

Quando la Georgia ha riguadagnato la sua indipendenza nel 1991, Abashidze si assicurò il posto come presidente del Consiglio supremo della Repubblica autonoma georgiana di Ajaria. Inoltre fu nominato vicepresidente del Parlamento della Georgia, un alberino che ha mantenuto dentro 1990-1992 e 1992-1995. Ha sviluppato una base indipendente di potere in Ajaria dirigendo una mediazione fra il governo di Tblisi e l'opposizione. Ha stabilito il suo proprio esercito come contrappeso alle fazioni armate che hanno sostenuto ed opposto il presidente Zviad Gamsakhurdia. Quando la guerra civile scoppio fra le forze anti-Gamsakhurdia e pro nell'inverno di 1991-92 ed ancora nel autunno del 1993, ha mantenuto entrambi i confini dell'Ajaria sigillati, accertandosi che la lotta non si spargesse nella repubblica. Tuttavia, diverso dagli indipendentisti di Abcasia e Ossezia del sud, non ha mai tentato di cercare l'indipendenza per l'Ajaria continuando a dire che l'autonomia garantita" dopo la caduta di Gamsakhurdia e il bene più importante. Ha trasformato l'Ajaria "in una zona economica libera" con poche restrizioni negli scambi ma con i diritti doganali ed i redditi che vanno nel suo governo piuttosto che a quello di Tblisi. Le sue politiche economiche sono riuscite ed hanno fatto dell'Ajaria una delle zone più ricche della Georgia. Abashidze si è attirato una certa critica per la legge heavy-handed, che è stata descritta spesso come feudale, ma che sembra essere popolare fra Ajariani. Ha stabilito il suo proprio partito politico nel 1992, conosciuto variamente come l'unione della rinascita democratica o l'unione per la rinascita della Georgia. Nel 1998, è stato eletto come presidente di Ajaria con il 93% dei voti, gli osservatori della Russia hanno dichiarato che bisogna considerare queste elezioni come elezioni generalmente libere e giuste (anche se questo verdetto può essere influenzato dalle politiche costantemente pro-Russe del Abashidze). La Russia ha preferito esercitare l'influenza da lontano, piuttosto che tentare di fare un'offerta per il potere nazionale e ha costantemente adottato una politica di protezione che offriva a chiunque sembrava proporgli l'affare migliore per mantenere il suo potere sull'Ajaria. Egli aveva raggiunto un accordo con il presidente Eduard Shevardnadze, che sembrava preferire vivere con un Ajaria semi-indipendente piuttosto che rischiare un'altra guerra civile. I suoi rapporti con Shevardnadze si sono bruscamente raffreddati alla conclusione degli anni novanta, come lui il governo accusava Abashidze di corruzione e traffico.

Abashidze e la rivoluzione delle rose[modifica | modifica wikitesto]

Le dimissioni forzate di Shevardnadze nel novembre del 2003, causate dalla Rivoluzione delle Rose, ha generato una crisi politica fra Abashidze ed il nuovo governo di Tblisi. L'opposizione georgiana aveva criticato fortemente Shevardnadze perché non riusciva a risolvere il problema del separatismo nel paese, compresa dell'eccessiva mancanza di controllo che Tblisi ha avuto in Ajaria. Non sorprendendosi, Abashidze ha visto questo come una minaccia alla sua posizione ed alla semi-indipendenza dell'Ajaria ed ha denunciato la caduta di Shevardnadze come un colpo di Stato. Così egli dichiarò una situazione di emergenza in Ajaria ed ha cercato il supporto russo in caso di un conflitto aperto. Tuttavia, non è riuscito ad attrarre molto il supporto dalla Russia, e si è rivolto agli Stati Uniti per un compromesso. Il 25 gennaio, 2004 Abashidze contatta con il nuovo presidente Mikhail Saakashvili a Batumi ed ha dichiarato la sua intenzione è di dialogare con Saakashvili. Questo rapporto presto si incrina dopo che Saakashvili ha fatto la promessa di ristabilire l'autorità centrale su tutte le regioni separatiste della Georgia. Nel seconda metà di marzo del 2004, un convoglio che trasportava Saakashvili per gli eventi politici previsti in Ajaria per il 28 marzo alle elezioni legislative georgiane, è stato mandato indietro dalle guardie di confine dell'Ajaria. Saakashvili accusato da Abashidze di tentare di condurre un convoglio militare nella repubblica allo scopo di farlo cadere ha dichiarato la situazione di emergenza in Ajaria e la mobilitazione delle forze armate. La risposta di Saakashvili non tardò ad arrivare, sotto forma di ultimatum: dava ad Abashidze 24 ore per accettare l'autorità centrale e sciogliere le forze paramilitari dell'Ajaria. Il governo di Tblisi inoltre aveva chiuso gli itinerari di transito in e dall'Ajaria. Vista la situazione di alta tensione, i governi stranieri e le organizzazioni internazionali fecero un appello ad entrambi le parti di fermare gli eserciti e di risolvere pacificamente le loro controversie. Abashidze si dimise come guida della Ajaria il 5 maggio 2004. Il giorno seguente, dopo l'assicurazione che non sarebbe stato estradato, Abashidze parti per Mosca, senza che un colpo venisse sparato nella regione.

La famiglia di Abashidze[modifica | modifica wikitesto]

Aslan Abashidze è vedovo, si sposò con Maguli Gogitidze, una musicista, con la quale ha avuto due bambini: un figlio, George Abashidze, che è stato sindaco di Batumi, e una figlia, Diana Abashidze.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie