Artur da Silva Bernardes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Artur da Silva Bernardes

Artur da Silva Bernardes (Viçosa, 8 agosto 1875Rio de Janeiro, 23 marzo 1955) è stato un avvocato e politico brasiliano. Fu presidente del Brasile dal 15 novembre 1922 al 15 novembre 1926.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Avvocato, Bernardes aderì al Partito repubblicano mineiro e fu eletto deputato al Congresso del Minas Gerais, poi a quello nazionale, quindi fu governatore del Minas Gerais dal 1918 al 1922.

Eletto presidente della Repubblica nel 1922, guidò il governo più agitato della I Repubblica e dovette mantenere lo stato d'assedio proclamato dal suo predecessore Epitácio Pessoa.

Affrontò due sollevazioni del Movimento Tenentista (movimento militare progressista), ostile al regime oligarchico: la rivolta del forte di Copacabana, guidata dai tenenti Eduardo Gomes e Siquera Campos (1922), e la rivolta paulista (1924-1927), che definì un programma politico dettagliato e propose una serie di riforme (voto segreto, istruzione primaria obbligatoria, centralizzazione del potere e limitazione dei poteri dell'esecutivo).

Nel 1926 ritirò il Brasile dalla Società delle Nazioni per non aver ottenuto un seggio permanente nel Consiglio della SdN.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Brasile Successore Presidential Standard of Brazil.svg
Epitácio Pessoa 1922 - 1926 Washington Luís Pereira de Sousa

Controllo di autorità VIAF: 64030469 LCCN: n/81/144123