Arto Lindsay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arto Lindsay
Fotografia di Arto Lindsay
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere No wave
Noise rock
Punk jazz
Musica sperimentale
Tropicalismo
Periodo di attività 1978 – in attività
Strumento chitarra, voce
Gruppi DNA, Lounge Lizards

Arto Lindsay (Richmond, 28 maggio 1953) è un chitarrista, cantante e produttore discografico statunitense.

Pur essendo nato negli Stati Uniti, Lindsay ha vissuti gran parte della sua infanzia e della sua giovinezza in Brasile al seguito dei genitori, missionari presbiteriani.

Musicalmente è stato influenzato tanto dal tropicalismo di Caetano Veloso e Gilberto Gil, quanto dal free jazz e dalla musica sperimentale statunitense.[1]

Tornato negli Stati Uniti a metà degli anni settanta, è stato uno dei principali esponenti della no wave con i DNA, il suo primo gruppo di cui facevano parte anche Robin Lee Crutchfield alle tastiere e Ikue Mori alla batteria.[2] La band, caratterizzata da sonorità cacofoniche ed estremamente sperimentali, è comparsa nel 1978 nella compilation No New York prodotta da Brian Eno.[3] Successivamente, insieme a John Lurie, Evan Lurie, Steve Piccolo e Tony Fier, ha dato vita ai Lounge Lizards, gruppo seminale per lo sviluppo del cosiddetto punk jazz.[4]

Conosciuto per la sua voce sommessa e per il suo stile chitarristico rumoroso e atonale (elementi apparentemente contraddittori che però riesce a far convivere magnificamente), Lindsay ha realizzato dischi e collaborazioni con alcuni dei più importanti musicisti dell'avanguardia newyorkese, tra i quali Brian Eno, Laurie Anderson, David Byrne e John Zorn.

Negli anni novanta ha recuperato la sua passione per la bossa nova collaborando con molti musicisti brasiliani, producendo tra gli altri i dischi di maggior successo di Marisa Monte.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Livia Satriano, No Wave. Contorsionismi e sperimentazioni dal CBGB al Tenax, Fano, Crac edizioni, 2012, ISBN 978-88-97389-04-0.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arto Lindsay | Biography | AllMusic
  2. ^ http://www.scaruffi.com/vol4/alindsay.html
  3. ^ Aa. Vv. - No New York :: Le pietre miliari di Onda Rock
  4. ^ The History of Rock Music. Lounge Lizards: biography, discography, reviews, links

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44485653 LCCN: n/91/115337