Arthuret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthuret
parrocchia civile
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Nord Ovest
Contea County Flag of Cumbria.svg Cumbria
Distretto City of Carlisle
Territorio
Coordinate 55°01′N 2°55′W / 55.016667°N 2.916667°W55.016667; -2.916667 (Arthuret)Coordinate: 55°01′N 2°55′W / 55.016667°N 2.916667°W55.016667; -2.916667 (Arthuret)
Abitanti 2 434 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale CA6
Prefisso 01228
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Arthuret

Arthuret è una parrocchia civile del Cumbria, in Inghilterra. Comprende i villaggi di Longtown e Easton. È circondata dai fiumi Esk a ovest e Lyne a sud.

È un luogo di una certa importanza dato che compariva tra gli otto luoghi (con Carlisle, Kirklinton, Jedburgh, Wark, Coldstream, Norham e Berwick-upon-Tweed) indicati nella prima mappa stampata della Scozia nel 1570, prodotta da Abraham Ortelius.

La battaglia di Arfderydd[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di Arthuret guarda verso il luogo della battaglia di Arfderydd di cui parlano gli Annales Cambriae per l'anno 573 e poi la Vita di Merlino di Goffredo di Monmouth. La battaglia fu combattuta agli inizi del regno del re cristiano di Strathclyde, Rhydderch Hael, (patrono di San Kentigern e forse cognato di Myrddin), tra il pagano re Gwenddoleu, sovrano dell'omonimo regno e i cugini Peredur e Gwrgi, principi regnanti dell'Ebrauc (odierna York), o forse originari del Gwynedd (odierno Galles).

In questa battaglia il druido Myrddin uccise il nipote (figlio della sorella Gwenddydd, moglie di re Rhydderch Hael) che combatteva tra le schiere cristiane. Dopo questo episodio Myrddin divenne pazzo e si rifugiò nelle foreste della Caledonia[1].

Nel Libro nero di Carmarthen viene riportato un poema che ha la forma di un dialogo tra Myrddin e il bardo gallese Taliesin: Myrddin porta una torque d'oro e diventa pazzo per la morte del suo re, Gwenddoleu, di cui era il consigliere e il capo druido[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Glennie, Arthurian Localities
  2. ^ Skene, Arthur and the Britons in Wales and Scotland

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ean Begg e Deike Rich, On the Trail of Merlin, 1991.
  • John S. Stuart Glennie, Arthurian Localities, Edimburgo, 1869, pag. 68.
  • James Logan Mack, The Border Line, ed. Oliver and Boyd, 1926, pag. 51.
  • W.F. Skene, Arthur and the Britons in Wales and Scotland, 1988.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]