Arthur Grumiaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthur Grumiaux

Arthur Grumiaux (Villers-Perwin, 21 marzo 1921Bruxelles, 16 ottobre 1986) è stato un violinista belga.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il barone Arthur Grumiaux nacque a Villers-Perwin, nei pressi di Charleroi. Il carattere sobrio e intenso delle sue interpretazioni, e la sonorità pura del suo violino hanno potuto esprimersi con tutte le più importanti orchestre del mondo.

Iniziò lo studio del violino e del pianoforte sotto la guida del nonno, all'età di tre anni. A sei anni entra al conservatorio di Charleroi per poi perfezionarsi al conservatorio di Bruxelles nella classe di Alfred Dubois, un allievo di Eugène Ysaÿe, ma furono per lui molto proficui anche i contatti con Georges Enesco.

Nel 1939, Dopo aver vinto il premio Henri Vieuxtemps, diede il suo primo importante concerto a Bruxelles al Palais des Beaux-Arts sotto la direzione di Charles Münch, eseguendo il concerto di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Nel dopoguerra, dopo il forzato intervallo dovuto all'invasione nazista del Belgio, ha inizio la sua carriera vera e propria, fatta di tournée, collaborazioni ed incisioni di altissimo livello. Il sodalizio artistico con la pianista rumena Clara Haskil sarà quanto mai fruttuoso: registrarono assieme l'integrale delle sonate per violino e piano di Beethoven, e sei sonate di Mozart.

Sebbene non sia stato -inspiegabilmente- annoverato in maniera unanime tra gli dei dell'ideale Olimpo dei violinisti del '900, come Heifetz, Menuhin, Stern, Perlman o Oistrakh, la sua reputazione è sempre stata altissima, soprattutto tra gli stessi violinisti, che hanno preso come punto di riferimento il suo stile impeccabile.

Nel 1986 si spense a Bruxelles.

Registrazioni[modifica | modifica sorgente]

Le registrazioni di Grumiaux includono oltre 30 incisioni, quasi tutte per la Philips, ma ha anche registrato per EMI, Belart and Music & Arts. Si tratta di composizioni di Bach, Beethoven, Brahms, Mozart e Schubert, ma anche di Ravel, Debussy e Franck.

Ci restano di Grumiaux anche alcune testimonianze video:

  • Concerto per violino e orchestra in mi mineur Op.64 di Felix Mendelssohn-Bartholdy (con l'orchestra nazionale della RTF)
  • Concerto per violino e orchestra in re maggiore, Op.61 di Beethoven (con l'orchestra nazionale dell'ORTF il 4 febbraio 1965 alla Salle Pleyel a Parigi)
  • Sarabanda e Ciaccona della Partita per violino solo No.2 in re minore BVW 1004 di Bach
  • Capriccio per violino solo nº14 in mi maggiore, Op.1 di Paganini
  • Baal Shem: Nigun (Improvisation) di Ernest Bloch con André Chometon al pianoforte (Parigi, 21 marzo 1967)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Nel 1972, il re Baldovino gli ha conferito il titolo nobiliare di barone, così come era successo in passato a Paganini. Nel 1996, il conservatorio di Charleroi è stato ribattezzato in suo onore Conservatoire Arthur Grumiaux.

Violini[modifica | modifica sorgente]

Suonò sia su un Guarneri che su degli Stradivari, ma ebbe anche alcuni Guadagnini. Il Guarneri, che utilizzava generalmente in concerto, era il Guarneri del Gesu "Rose" del 1744. Gli Stradivari erano il "Ex-General Dupont" del 1727 e il Tiziano del 1715, appartenuto a Efrem Zimbalist.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Boris Schwarz, Arthur Grumiaux, in Great Masters of the Violin: From Corelli and Vivaldi to Stern, Zukerman and Perlman, London, Robert Hale, 1983, pp. 377–378
  • Laurence Winthrop-Michael Winthrop, Arthur Grumiaux, Gloire de l’école belge du violon, Préface de Nathan Milstein, Lausanne, Éditions Payot, 1996
  • Henry Roth, Arthur Grumiaux, in Violin Virtuosos, From Paganini to the 21st Century, Los Angeles, California Classics Books, 1997, pp. 202–207
  • Jean-Michel Molkhou, Arthur Grumiaux, in Les grands violonistes du XXe siècle. Tome 1- De Kreisler à Kremer, 1875-1947, Paris, Buchet Chastel, 2011, pp. 217–221
  • Satu Jalas, Il mio maestro Arthur Grumiaux, in «A tutto arco», (rivista ufficiale di ESTA Italia-European String Teachers Association), anno 4, numero 7, 2011, pp. 30–35.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12420421 LCCN: n/81/150296

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica