Arthur Capell, I conte di Essex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthur Capell
1stEarlOfEssex1672.jpg

Lord Luogotenente d'Irlanda
Durata mandato 1672 –
1677
Capo di Stato Carlo II
Predecessore John Berkeley, I barone Berkeley
Successore James Butler, II duca di Ormonde

Primo Lord del Tesoro
Durata mandato marzo 1679 –
novembre 1679
Capo di Stato Carlo II
Predecessore Thomas Osborne, I duca di Leeds
Successore Laurence Hyde, I conte di Rochester

Dati generali
Suffisso onorifico Conte di Essex

Arthur Capell, I conte di Essex (28 gennaio 1631Londra, 13 luglio 1683), è stato un nobile inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio di Arthur Capell, I barone Capell (che fu giustiziato nel 1649), e di sua moglie, Elizabeth Morrison, figlia ed erede di Sir Charles Morrison di Cassiobury.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Alla Restaurazione fu creato visconte Malden e conte di Essex (20 aprile 1661), dopo la morte di Robert Devereux, III conte di Essex. In quella occasione suo padre venne nominato Lord Luogotenente dell'Hertfordshire e pochi anni più tardi Lord Luogotenente del Wiltshire.

Nel 1669 fu inviato come ambasciatore alla corte di Cristiano V di Danimarca. Nel 1672 è stato nominato consigliere e Lord Luogotenente d'Irlanda. La purezza e il patriottismo della sua amministrazione erano in forte contrasto alla corruzione sistemica diffusa a corte, e venne considerato come un ostacolo all'impiego senza scrupoli dei ricavi irlandesi per la soddisfazione della corte e alle spese del re.

Si oppose con forza ai doni sontuosi di beni confiscati ai preferiti corte e amanti, impedì la concessione di Phoenix Park alla duchessa di Cleveland. Nel 1679 venne nominato Primo Lord del Tesoro.

Fu nominato da Carlo, insieme a Halifax, per sentire le accuse contro il duca di Lauderdale.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 19 maggio 1653, Lady Elizabeth Percy (1636-5 febbraio 1717), figlia di Algernon Percy, X conte di Northumberland e di Lady Anne Cecil. Ebbero due figli:

Morte[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno 1683 fu accusato di aver preso parte al complotto Rye House, e imprigionato nella Torre di Londra. Il 13 luglio fu scoperto nella sua cella con la gola tagliata.