Arteria splenica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arteria splenica
Gray533.png
Circolazione arteriosa del tronco celiaco: lo stomaco è stato ribaltato, e si vede l'arteria splenica decorrere orizzontalmente verso destra
Gray1188.png
Faccia viscerale della milza
Anatomia del Gray subject #154 605
Sistema Apparato circolatorio
Irrora milza
Origine tronco celiaco
Rami collaterali arteria pancreatica magna
arteria gastroepiploica sinistra
arterie gastriche brevi
Vena vena splenica
MeSH Splenic_artery
D013157

L'arteria splenica o lienale è un'arteria impari che ha origine dal tronco celiaco, insieme all'arteria epatica e all'arteria gastrica sinistra.

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzata da un decorso estremamente tortuoso, che condivide con la vena splenica e le fibre del plesso lienale, l'arteria splenica percorre retroperitonealmente, posteriormente alla retrocavità degli epiploon e allo stomaco, il margine superiore del pancreas.

Dopo aver incrociato la ghiandola surrenale e il rene di sinistra, penetra nel legamento pancreaticolienale e raggiunge l'ilo della milza, sfioccando nei rami terminali omonimi che penetrano tramite trabecole connettivali entro il parenchima dell'organo per terminare, nella polpa rossa, con le arterie penicillari.

Collaterali e territorio irrorato[modifica | modifica wikitesto]

Lungo il suo percorso sopra il pancreas, l'arteria splenica dà origine a molti rami pancreatici, tra cui le arterie pancreatica dorsale e pancreatica magna, che decorre poi verso destra lungo il dotto pancreatico.

Vascolarizza anche il corpo e il fondo dello stomaco tramite le sottili arterie gastriche brevi, da quattro a sette, che decorrono nel legamento gastro-lienale.

Nella sua porzione terminale, prima di giungere alla milza, dà origine all'arteria per la coda del pancreas e all'arteria gastroepiploica sinistra, che corre lungo la grande curva gastrica anastomizzandosi con l'arteria gastroepiploica destra, ramo dell'arteria gastroduodenale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]