Arteria radiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arteria radiale
Gray528.png
Anatomia del Gray subject #151 592
Sistema Apparato circolatorio
Origine arteria brachiale
Rami terminali arco palmare profondo
Vena vena radiale

L'arteria radiale in anatomia umana, è la principale arteria dell'avambraccio.

Decorso[modifica | modifica sorgente]

L'arteria radiale origina dalla biforcazione dell'arteria brachiale (o omerale) nella fossa cubitale. L'arteria radiale genera, dunque, all'altezza del gomito e decorre distalmente percorrendo l'avambraccio nella sua parte anteriore, seguendo l'andamento del radio. In questa sede l'arteria funge da punto di riferimento per la divisione tra i compartimenti anteriore e posteriore dell'avambraccio stesso. con il compartimento posteriore che vede il suo inizio lateralmente all'arteria. L'arteria, nella sua parte terminale, si avvolge intorno al polso,portandosi lateralmente e passando attraverso la tabacchiera anatomica e tra le teste del primo muscolo interosseo dorsale. L'arteria decorrendo anteriormente tra le teste del muscolo adduttore del pollice, si trasforma e continua con l'arco palmare profondo, il quale si anastomizza con il ramo profondo della arteria ulnare. Lungo il suo corso, l'arteria si accompagna con la analoga vena, la vena radiale.

Rami[modifica | modifica sorgente]

I rami dell'arteria radiale possono essere suddivisi in tre gruppi, corrispondenti alle tre regioni in cui è situato il vaso.

Nell' avambraccio[modifica | modifica sorgente]

Arteria radiale ricorrente: prende origine subito dopo che l'arteria radiale si distacca l'arteria brachiale. Decorre superiormente perandare ad anastomizzarsi con l'arteria collaterale radiale intorno all'articolazione del gomito.
Ramo palmare carpale dell'arteria radiale: un piccolo vaso che nasce presso il margine inferiore del muscolo pronatore quadrato.
Ramo palmare superficiale dell'arteria radiale: deriva dall'arteria radiale, proprio nel punto in cui il vaso inizia ad avvolgersi intorno alla zona laterale del polso.

Al polso[modifica | modifica sorgente]

Ramo dorsale carpale dell'arteria radiale: un piccolo vaso che si pone al di sotto dei tendini estensori del pollice.
Prima arteria dorsale metacarpale: nasce poco prima che l'arteria radiale passi tra i due capi del muscolo primo interosseo dorsale e si divide quasi subito in due branche che irrorano i lati adiacenti del pollice e dell'indice; la parte laterale del pollice riceve un ramo direttamente dalla arteria radiale.

Nella mano[modifica | modifica sorgente]

Arteria princeps pollicis: nasce dall'arteria radiale appena questa si porta medialmente nella parte profonda della mano.
Arteria radialis indicis: decorre in prossimità dell'arteria princeps pollicis. Le due arterie possono derivare da un tronco comune, la prima arteria palmare metacarpale.
Arco profondo palmare: parte terminale dell'arteria radiale.

Significato clinico[modifica | modifica sorgente]

L'arteria del polso è palpabile nella tabacchiera anatomica e sulla faccia anteriore del braccio, al di sopra le ossa carpali. La palpazione dell'arteria in questa regione viene comunemente utilizzata per valutare la frequenza cardiaca e il ritmo cardiaco. La presenza di un polso radiale viene utilizzata per stimare la pressione arteriosa sistolica. Il percepire un polso radiale indica una pressione ematica superiore a 70 mm Hg, come stimato dal 50º percentile.[1]
L'arteria radiale è talvolta impiegata per eseguire un bypass aortocoronarico e sta crescendo in popolarità tra i cardiochirurghi.[2][3][4]
Recentemente, è stato dimostrato che il decorso peri e post-operatorio è superiore rispetto agli innesti da vena safena.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CD. Deakin, JL. Low, Accuracy of the advanced trauma life support guidelines for predicting systolic blood pressure using carotid, femoral, and radial pulses: observational study. in BMJ, vol. 321, n. 7262, Set 2000, pp. 673-4. PMID 10987771.
  2. ^ LR. Sajja, G. Mannam; NR. Pantula; S. Sompalli, Role of radial artery graft in coronary artery bypass grafting. in Ann Thorac Surg, vol. 79, n. 6, Giu 2005, pp. 2180-8. DOI:10.1016/j.athoracsur.2004.07.049, PMID 15919345.
  3. ^ A. Redzek, Z. Jonjev, [Radial artery in myocardial revascularization]. in Med Pregl, vol. 62, n. 5-6, Mag-Giu 2009, pp. 241-7. PMID 19650561.
  4. ^ J. Kobayashi, Radial artery as a graft for coronary artery bypass grafting. in Circ J, vol. 73, n. 7, Lug 2009, pp. 1178-83. PMID 19506319.
  5. ^ G. Cohen, MG. Tamariz; JY. Sever; N. Liaghati; V. Guru; GT. Christakis; G. Bhatnagar; C. Cutrara; L. Abouzahr; BS. Goldman; SE. Fremes, The radial artery versus the saphenous vein graft in contemporary CABG: a case-matched study. in Ann Thorac Surg, vol. 71, n. 1, Gen 2001, pp. 180-5; discussion 185-6. PMID 11216742.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]