Arte ai Giochi della V Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le competizioni d'arte facevano parte dei Giochi della V Olimpiade, questa è stata la prima olimpiade in cui apparsa questa disciplina.

Le competizioni erano divise in cinque categorie (architettura, letteratura, musica, pittura e scultura) per lavori ispirati a tematiche sportive.

Ad un meeting del Comitato Olimpico Internazionale avvenuto nel 1949 si decise di abolire le competizioni di natura artistica,[1] dal 1952 viene disputato un festival artistico che non rientra nelle discipline ufficiali.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Oro Gold medal.svg Argento Silver medal.svg Bronzo Bronze medal.svg
Architettura Eugène-Edouard Monod e Alphonse Laverrière
(Svizzera Svizzera)
Progetto di uno stadio moderno
non assegnato non assegnato
Letteratura Pierre de Coubertin[2]
(Francia Francia)
Ode allo sport
non assegnato non assegnato
Musica Riccardo Barthelemy
(Italia Italia)
Marcia trionfale olimpica
non assegnato non assegnato
Pittura Giovanni Pellegrini
(Italia Italia)
Sport invernali
non assegnato non assegnato
Scultura Walter Winans
(Stati Uniti Stati Uniti)
Un trotter americano
Georges Dubois
(Francia Francia)
Modello d'ingresso allo stadio moderno
non assegnato

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Le medaglie sono state assegnate agli artisti, ma i concorsi d'arte non sono più considerati come manifestazioni ufficiali olimpiche dal Comitato Olimpico Internazionale.

Queste medaglie non compaiono nei database CIO,[3] per questo il medagliere non è incluso nella sezione dedicata alle olimpiadi del 1948.[4]

 Posizione  Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1 Italia Italia 2 0 0 2
2 Francia Francia 1 1 0 2
3 Stati Uniti Stati Uniti 1 0 0 1
4 Svizzera Svizzera 1 0 0 1
Totale 3 1 0 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A. Bolanaki, Report on Art Exhibitions in Bulletin du Comité International Olympique, nº 27, giugno 1951, p. 34. URL consultato il 5 aprile 2010.
  2. ^ visto che Coubertin apparteneva alla giuria usò uno pseudonimo (Georges Hohrod e Martin Eschbach
  3. ^ (EN) Olympic Medal Winners, International Olympic Committee. URL consultato il 5 aprile 2010.
  4. ^ (EN) London 1912 Medal Table, International Olympic Committee. URL consultato il 5 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Arte ai Giochi olimpici
Stoccolma 1912 | Anversa 1920 | Parigi 1924 | Amsterdam 1928 | Los Angeles 1932 | Berlino 1936 | Londra 1948