Arte ai Giochi della V Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le competizioni d'arte facevano parte dei Giochi della V Olimpiade, questa è stata la prima olimpiade in cui apparsa questa disciplina.

Le competizioni erano divise in cinque categorie (architettura, letteratura, musica, pittura e scultura) per lavori ispirati a tematiche sportive.

Ad un meeting del Comitato Olimpico Internazionale avvenuto nel 1949 si decise di abolire le competizioni di natura artistica,[1] dal 1952 viene disputato un festival artistico che non rientra nelle discipline ufficiali.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Oro Gold medal.svg Argento Silver medal.svg Bronzo Bronze medal.svg
Architettura Eugène-Edouard Monod e Alphonse Laverrière
(Svizzera Svizzera)
Progetto di uno stadio moderno
non assegnato non assegnato
Letteratura Pierre de Coubertin[2]
(Francia Francia)
Ode allo sport
non assegnato non assegnato
Musica Riccardo Barthelemy
(Flag of Italy (1861-1946).svg Italia)
Marcia trionfale olimpica
non assegnato non assegnato
Pittura Giovanni Pellegrini
(Flag of Italy (1861-1946).svg Italia)
Sport invernali
non assegnato non assegnato
Scultura Walter Winans
(Stati Uniti Stati Uniti)
Un trotter americano
Georges Dubois
(Francia Francia)
Modello d'ingresso allo stadio moderno
non assegnato

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Le medaglie sono state assegnate agli artisti, ma i concorsi d'arte non sono più considerati come manifestazioni ufficiali olimpiche dal Comitato Olimpico Internazionale.

Queste medaglie non compaiono nei database CIO,[3] per questo il medagliere non è incluso nella sezione dedicata alle olimpiadi del 1948.[4]

 Posizione  Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1 Flag of Italy (1861-1946).svg Italia 2 0 0 2
2 Francia Francia 1 1 0 2
3 Stati Uniti Stati Uniti 1 0 0 1
4 Svizzera Svizzera 1 0 0 1
Totale 3 1 0 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A. Bolanaki, Report on Art Exhibitions in Bulletin du Comité International Olympique, nº 27, giugno 1951, p. 34. URL consultato il 5 aprile 2010.
  2. ^ visto che Coubertin apparteneva alla giuria usò uno pseudonimo (Georges Hohrod e Martin Eschbach
  3. ^ (EN) Olympic Medal Winners, International Olympic Committee. URL consultato il 5 aprile 2010.
  4. ^ (EN) London 1912 Medal Table, International Olympic Committee. URL consultato il 5 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Arte ai Giochi olimpici
Stoccolma 1912 | Anversa 1920 | Parigi 1924 | Amsterdam 1928 | Los Angeles 1932 | Berlino 1936 | Londra 1948