Arsinoitherium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arsinoitherium
Stato di conservazione: Fossile
Arsinoitherium zitteli.jpg

Arsinoitherium122DB.jpg

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine  ? Afrotheria
Ordine Embrithopoda
Famiglia Arsinoitheriidae
Genere Arsinoitherium
Specie
  • A. zitteli
  • A. giganteum

L'arsinoiterio (gen. Arsinoitherium) è un genere di mammifero estinto dalle affinità incerte, vissuto in Africa nel corso dell'Eocene e Oligocene (36-30 milioni di anni fa).

Caratteristiche primitive[modifica | modifica wikitesto]

Il suo aspetto richiama da vicino quello degli odierni rinoceronti: fisico massiccio, zampe colonnari, e soprattutto una testa munita di corna. In realtà l'arsinoiterio non era strettamente imparentato con i rinoceronti, e anzi le sue parentele sono tuttora poco chiare. Questo strano animale fa parte degli Embritopodi, un piccolo gruppo di erbivori primitivi recentemente posto vicino all'origine dei Sirenii e degli elefanti. Alcune caratteristiche scheletriche alquanto primitive pongono questo piccolo gruppo di ungulati al di fuori di tutti gli altri gruppi di mammiferi. Anche la dentatura è particolarmente primitiva, priva di diastema e poco specializzata.

Due corna gigantesche[modifica | modifica wikitesto]

L'arsinoiterio possedeva due enormi corna parallele, poste proprio sopra le narici, costituite d'osso, al contrario di quelle dei rinoceronti. Due corna minuscole, propaggini delle gigantesche appendici nasali, erano posizionate sopra gli occhi. Queste strutture, con tutta probabilità, dovevano scoraggiare i predatori. Le dimensioni dell'animale, comunque, erano già un deterrente di per sé: gli oltre tre metri di lunghezza e il metro e ottanta di altezza lo ponevano come uno dei più grandi animali della sua epoca. L'arsinoiterio viveva ai margini delle paludi e probabilmente brucava piante acquatiche e altra vegetazione tenera.

Arsinoitherium a confronto con un uomo

Ritrovamenti[modifica | modifica wikitesto]

La specie tipo di Arsinoitherium è A. zitteli, descritta da Beadnell nel 1902 e ritrovata in terreni dell'Oligocene inferiore dell'Egitto (32 milioni di anni fa), nel giacimento di El Fayum, che ha restituito alla luce anche elefanti primitivi (Moeritherium, Phiomia e Paleomastodon), sirenii (Eotheroides) e primati (Aegyptopithecus, Parapithecus, Apidium). Un'altra specie, di dimensioni minori, è stata descritta come A. andrewsi, ma probabilmente la differenza di dimensioni è solo una variante intraspecifica. Nel 2004, invece, è strato descritto in Etiopia Arsinoitherium giganteum, una specie molto grande, alta più di due metri, rinvenuta in strati dell'Oligocene superiore, circa 27 milioni di anni fa.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi