Arsenopirite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arsenopirite
Arsenopyrite.jpg
Classificazione Strunz II/D.22-10
Formula chimica FeAsS
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino monoclino
Classe di simmetria prismatica
Parametri di cella a= 5,74, b=5,68, c=5,79, Z=4, β=112,17°, V=174,82

puntuale = 2/m<

Gruppo spaziale P 21/c
Proprietà fisiche
Densità 10-12, 6,19 (calcolata) g/cm³
Durezza (Mohs) 2,5-3
Sfaldatura facile
Frattura irregolare
Colore bianco argento
Lucentezza metallica
Opacità opaca
Striscio nero
Diffusione molto comune
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'arsenopirite è un minerale appartenente al gruppo omonimo.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

In cristalli pseudorombici.[1]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

L'arsenopirite si trova in giacimenti metalliferi insieme a vari solfuri, ma anche nelle pegmatiti ed in altre rocce[2] Inoltre è associata a filoni di quarzo aurifero e minerali di stagno oppure come origine idrotermale, in quanto è uno dei primi minerali che si formano in questo tipo di ambienti[1]

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Frequenti i cristalli prismatici, allungati e striati, tuttavia non mancano i cristalli geminati con forme a croce o a stella. Il solfuro è comune in masse granulari o compatte.[1]

Caratteristiche fisico-chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Il minerale, percosso da un martello, come la pirite dà scintille emanando l'odore caratteristico che segnala la presenza di arsenico. Polverizzato e scaldato con una fiamma dentro una provetta produce, all'inizio, un sottile strato di polvere giallo-rossastra di solfuro di arsenico la quale sublima nelle pareti della provetta, proseguendo il riscaldamento il composto diventa nero-grigiastro.[1] Il minerale è solubile in acido nitrico.[2]

Luoghi di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

È il minerale principale per l'estrazione dell'arsenico e dei suoi derivati ma utilizzato come l'estrazione di sottoprodotti tra cui argento e cobalto.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Autori Vari, Scheda Arsenopirite in Il magico mondo dei minerali & gemme, Novara, De Agostini, 1993-1996.
  2. ^ a b c d e Carlo Maria Gramaccioli, Arsenopirite in Come collezionare i minerali dalla A alla Z volume I°, Milano, Alberto Peruzzo Editore, 1988, p. 137.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia