Arrigo Frusta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arrigo Frusta pseudonimo di Augusto Sebastiano Ferraris (Torino, 26 novembre 1875Torino, 12 luglio 1965) è stato un giornalista, sceneggiatore e regista cinematografico italiano del cinema muto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Proveniente da un'agiata famiglia della borghesia torinese compì gli studi liceali e ginnasiali al "Convitto Cicognini" di Prato, al termine dei quali frequentò l'università della sua città, dove si laureò in legge e divenne avvocato[1], professione che però esercitò per poco tempo, per intraprendere quella di giornalista. Compagno di studi e amico di Francesco Pastonchi fu anche poeta in dialetto piemontese.

Nel 1908 lasciò la redazione del quotidiano la Gazzetta del Popolo e venne assunto dalla casa cinematografica Ambrosio Film come responsabile dei soggetti. Frusta scrisse centinaia di soggetti di ogni genere, originali e adattamenti da opere letterarie e teatrali, divenendo uno dei più attivi e prolifici sceneggiatori del cinema italiano. Fu anche regista di alcune pellicole tra le quali La bisbetica domata (1913) e Otello (1914), e comparve come attore nel cast del film Il granatiere Roland del 1910.

La sua collaborazione all'Ambrosio Film durò fino al 1915, ma la sua ultima sceneggiatura la firmò nel 1919 con il film L'autobus scomparso prodotto dalla Rodolfi Film.

Abbandonata l'attività cinematografica, si dedicò nuovamente al componimento di poesie in piemontese e fece alcune pubblicazioni. Soggiornò a lungo in Valle d'Aosta e morì novantenne nella sua città natale, dopo un ricovero all'ospedale dovuto alla rottura di un femore.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

  • Giusta vendetta, regia di Luigi Maggi (1908)
  • Prascovia, regia di Luigi Maggi (1909)
  • L'ultimo ricordo, regia di Luigi Maggi (1909)
  • Lo sciancato, regia di Mario Morais (1909)
  • Marco Visconti, regia di Mario Caserini (1909)
  • Spergiura!, regia di Arturo Ambrosio e Luigi Maggi (1909)
  • Nerone, regia di Luigi Maggi (1909)
  • Il granatiere Roland, regia di Luigi Maggi (1910)
  • La più forte, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Perché Fricot fu messo in collegio, regia di Marcel Fabre (1910)
  • La vendetta del mare, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Un fidanzato indegno, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Fricot va in collegio, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Petit Louis d'Or, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Isabella d'Aragona, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Estrellita, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Il parapioggia di Fricot, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Robinet appassionato del dirigibile, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Giovanni dalle bande nere, regia di Mario Caserini (1910)
  • La stanza segreta, regia di Giuseppe Gray e Luigi Maggi (1910)
  • Robinet ha perso il treno, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Il segreto del gobbo, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Il prurito di Robinet, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Robinet costretto a fare il ladro, regia di Marcel Fabre (1910)
  • La fucina, regia di Luigi Maggi (1910)
  • La Gioconda, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Il biglietto di favore, regia di Marcel Fabre (1910)
  • Alibi atroce, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Il segreto della fidanzata, regia di Luigi Maggi (1910)
  • Lo schiavo di Cartagine, regia di Arturo Ambrosio e Luigi Maggi (1910)
  • Fricot impiegato municipale, regia di Marcel Fabre (1910)
  • La regina di Ninive, regia di Luigi Maggi (1911)
  • Nozze d'oro, regia di Arturo Ambrosio e Luigi Maggi (1911)
  • Il sogno di un tramonto d'autunno, regia di Luigi Maggi (1911)
  • La ribalta, regia di Mario Caserini (1912)
  • Santarellina, regia di Mario Caserini (1912)
  • La nave, regia di Edoardo Bencivenga (1912)
  • Il pellegrino, regia di Mario Caserini (1912)
  • Sigfrido, regia di Mario Caserini (1912)
  • Il ragno, regia di Edoardo Bencivenga (1913)
  • La figlia di Zazà, regia di Luigi Maggi (1913)
  • L'oca alla Colbert, regia di Eleuterio Rodolfi (1913)
  • L'amazzone mascherata, regia di Baldassarre Negroni (1914)
  • L'acqua miracolosa, regia di Eleuterio Rodolfi (1914)
  • Rodolfi sposa la cuoca, regia di Eleuterio Rodolfi (1914)
  • La du Barry, regia di Edoardo Bencivenga (1914)
  • I soldatini del Re di Roma, regia di Eleuterio Rodolfi (1915)
  • L'autobus scomparso, regia di Eleuterio Rodolfi (1919)

Regista[modifica | modifica sorgente]

  • La storia di Lulù (1909), regia e sceneggiatura
  • Il pianoforte silenzioso (1909), co-regia con Luigi Maggi
  • Buon anno! (1909)
  • Sulle dentate scintillanti vette (1910)
  • Escursioni sulla catena del Monte Bianco (1910), regia e sceneggiatura
  • Da Courmayeur al Colle del Gigante (1910)
  • La madre e la morte (1911)
  • La bisbetica domata (1913)
  • Otello (1914), regia e sceneggiatura
  • Romanticismo (1915), co-regia con Carlo Campogalliani

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Durant 'l concert (1898)
  • Faravosche - Torino, Tipografia G. Sacerdote (1901)
  • Ji sônett dl'espôsissiôn d'arte decorativa moderna - Torino, Lattes (1902)
  • Tempi beati. Storie allegre, crudeli e così così - Torino, Ediz. Palatine (1949)
  • Ij sent and dël cìrcol dj'artista: capitoi dë storia an padre- lingua piemonteisa - Torino, I. Brandé (1951)
  • Fassin-e 'd sabia - Torino, Centro studi piemontesi, Ca dë studi piemontèis (pubblicato postumo nel 1969)
  • Prédiche aj givo - Torino, Centro studi piemontesi, Ca dë studi piemontèis (pubblicato postumo nel 1969)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Clivio - Profilo di storia della letteratura in Piemontese - Torino, Centro Studi Piemontesi - Ca dë Studi Piemontèis, 2002, ISBN 8882620727.
  • S. D'Amico - Enciclopedia dello spettacolo vol. 5 - Roma, Le Maschere, 1962.
  • R. Gandolfo - La letteratura in piemontese: Dal Risorgimento ai nostri giorni. Profilo storico, autori, testi, documentazioni - Torino, Centro studi piemontesi, 1972.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ pag. 87 del libro Voci del silenzio: la sceneggiatura nel cinema muto italiano di S. Alovisio del 2005, ed. Il castoro

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]