Arnuwanda II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arnuwanda II (... – ...) è stato un re dell'Impero ittita (nuovo regno) che governò tra il 1322 e il 1321 a.C..

Nato dal matrimonio di Suppiluliuma I e la regina regnante Henti, succedette sul trono Ittita al padre, morto per l'epidemia portata nella terra di Hatti dai prigionieri deportati dopo la campagna in Canaan. Alcuni documenti ittiti posteriori a lui rivelano che Arnuwanda stesso avesse preso la medesima malattia del padre.

Già distintosi in svariate occasioni come condottiero, specie sul fronte siriano-mitannico, Arnuwanda era il figlio maggiore e principe della corona (tukhanti in Ittita) prescelto dal padre per la successione, e così ascese al trono alla sua morte.

Con i fratelli Telepinu installato sul principato di Aleppo e Piyassili come vicerè di Carchemish, il nuovo sovrano si era coperto le spalle sull'instabile fronte siriano-mitannico; completava il quadro di una famiglia reale unita come poche volte in passato il fratello minore Mursili, appuntato come Gal Mesedi, capo delle guardie reali.

Proprio il più giovane dei fratelli si distinse nel domare alcune rivolte delle tribù barbariche del Nord, mentre al veterano generale Hanutti era stato affidato il controllo del variegato fronte occidentale delle terre Arzawa.

Ma proprio mentre aveva disposto tutte le pedine sullo scacchiere per un regno importante e duraturo, Arnuwanda morì, probabilmente per la malattia contratta (1321), e sorprendentemente non gli succedette il figlio Tulpi-Lugal (premubilmente pre-morto o troppo piccolo per regnare) e neppure uno dei due fratelli intermedi, bensì proprio il più piccolo, che ascese al trono appena ventenne col nome di Mursili II, e che si rivelerà, a dispetto delle attese di tutto l'impero, tutt'altro che debole, risultando uno dei sovrani più grandi della storia Ittita [1].

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re ittiti Successore
Suppiluliuma I 1322-1321 a.C. Mursili II
  1. ^ Trevor Bryce, The kingdom of the Hittites.