Arnold Sommerfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arnold Sommerfeld a Gottinga nel 1897

Arnold Johannes Wilhelm Sommerfeld (Königsberg, 5 dicembre 1868Monaco di Baviera, 26 aprile 1951) è stato un fisico tedesco.

Si occupò di fisica teorica, ed in particolare di fisica atomica e quantistica; è noto per i propri contributi apportati al modello atomico di Bohr, per la formula di Wilson-Sommerfeld e per l'introduzione della costante di struttura fine in meccanica quantistica e del numero quantico orbitale . Fra i suoi studenti si hanno fra gli altri Werner Heisenberg, Wolfgang Pauli, Peter Debye, Hans Bethe. Inoltre viene generalmente attribuita a Sommerfeld la prima, teorica, descrizione dei tachioni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Johannes Wilhelm Sommerfeld nacque a Königsberg, nella Prussia orientale, dal medico Franz Sommerfeld (1820–1906) e Cäicile Matthia (1839– 1902) il 5 dicembre del 1868. Affrontò gli studi primari nella città natale, curando assieme al padre la passione per le scienze naturali (collezionò infatti conchiglie, minerali, fiori e coleotteri).

Nel 1875 si iscrisse all'Altstädtisches Gymnasium dove conobbe Hermann Minkowski e Wilhelm Wien, entrambi qualche anno più avanti, e si appassionò tanto alle materie scientifiche quanto a quelle umanistiche, confessando addirittura di essere: “quasi più interessato alla letteratura e alla storia che alle scienze esatte”.[1]

Conseguito il diploma, nel 1886, si iscrisse, dopo qualche indecisione, alla facoltà matematica dell’Università di Königsberg, conservando però la passione per la cultura in ogni suo aspetto e frequentando autonomamente anche i corsi di scienze naturali, filosofia ed economia politica.

Durante gli anni universitari Sommerfeld si avvicinò gradualmente all'ambiente del Dipartimento di Fisica Teorica fondato da Franz Neumann, sebbene il suo interesse preponderante rimanesse la matematica pura. Risale a quegli stessi anni il suo ingresso alla Burschenschaft (associazione studentesca) dell'università di Königsberg, ove le competizioni di bevute e i duelli alla spada ostacolarono gli studi dei primi anni. Uno dei suddetti duelli lo segnò per tutta la vita, lasciandolo offeso con una cicatrice al volto. In quegli anni, comunque, si appassionò ai corsi di Ferdinand von Lindemann e, nel 1891, conseguì il dottorato sotto la supervisione di Paul Volkmann con una tesi riguardante la risoluzione di equazioni alle derivate parziali per la fisica, attraverso l'utilizzo di funzioni arbitrarie, intitolata Die willkürlichen Functionen in der mathematischen Physik (Le funzioni arbitrarie nella fisica matematica).

Nel 1892, sempre a Königsberg, Sommerfeld ottenne l'abilitazione all'insegnamento di fisica e matematica per le scuole superiori. In seguito, egli partì per affrontare l'anno di servizio militare obbligatorio, restandone affascinato: per ciascuno dei successivi otto anni, prestò un servizio di addestramento volontario di due mesi. Questa sua attitudine, assieme al portamento fiero, la cicatrice al volto e ad i curati baffi all'insù, gli valsero il soprannome (sovente utilizzato da Pauli a sua insaputa) di “vecchio ufficiale degli ussari”.[2]

Nell'ottobre 1893, si trasferì a Gottinga per lavorare come assistente di Theodor Liebisch, un amico di famiglia, presso l'Istituto Mineralogico. Lì la sua attenzione si concentrò sulla personalità e il lavoro del grande matematico Felix Klein, di cui diventò assistente già dall'anno successivo. Molti anni dopo Sommerfeld lo ricorderà così: “Ho sempre riconosciuto Klein come il mio vero mentore, non solo per quanto concerne la matematica, ma anche la fisica-matematica e i suoi legami con la meccanica.”[3]

Sotto la tutela di Klein, Sommerfeld completò la sua Habilitationsschrift (abilitazione all'insegnamento universitario), pubblicando una trattazione matematica della diffrazione, che gli consentì, l'anno successivo, di diventare Privatdozent (analogo del nostro Professore Associato). Durante tale periodo, tenne numerose lezioni su una vastissima gamma di argomenti sia di matematica pura sia applicata ai sistemi di risoluzione per la fisica, tra questi: statistica, funzioni complesse di variabile complessa ed equazioni alle derivate parziali nella fisica. Di quest'ultimo argomento - già in parte affrontato nella tesi di dottorato – Sommerfeld divenne uno dei maggiori esperti e le dispense relative al suo corso furono pubblicate come VI tomo del suo Vorlesungen uber theoretische Physik (1942). La collaborazione con Klein, oltre a rivelarsi fruttuosa dal punto di vista accademico, fornì a Sommerfeld, senza dubbio affiancata da una naturale predisposizione, la forma mentis del precettore. Questo periodo segna dunque il suo passaggio da promettente studente a competente insegnante. Nell'ottobre 1897 venne assegnata a Sommerfeld la cattedra di matematica alla Bergakademie di Clausthal-Zellerfeld - fino ad allora appartenuta a Wilhelm Wien - che gli permise un tenore di vita sufficientemente agiato per sposare Johanna Höpfner (figlia dell'economo di Gottinga) da cui ebbe quattro figli.

Durante il soggiorno a Clausthal, egli mantenne sempre i contatti con Klein, il quale gli affidò la stesura della parte concernente la fisica-matematica della Encyklopädie der mathematischen Wissenschaften (enciclopedia matematica). Sommerfeld si distinse anche in questo lavoro per il proprio rigore, imponendo a tutti i curatori dell'enciclopedia un formalismo unico per l'algebra vettoriale e per l'elettromagnetismo.

Nel 1900, Sommerfeld divenne docente di meccanica applicata alla Königliche Technische Hochschule di Aachen, una delle molte istituzione universitarie di formazione tecnica che stavano sbocciando in Germania dalla fine del XIX secolo. Si vuole sottolineare l'importanza storica di questa fase: mentre da un lato Sommerfeld contribuiva ad avvicinare, come mai prima d'allora, la matematica alle attività più conformi al sentire comune, dall'altro, egli si scoprì realmente appassionato ai problemi anche più pratici della fisica e non solo alla loro risoluzione analitica. Scrisse, nelle sue memorie: “Sebbene inizialmente i miei colleghi e gli studenti di Aachen vedessero la matematica pura con diffidenza, ebbi fin da subito la soddisfazione di venire accettato come un valido elemento, non solo nell'insegnamento, ma anche nelle applicazioni pratiche”.[4]

Nel 1906 si trasferì alla Università Ludwig Maximilian di Monaco, dove il connubio delle sue pregresse competenze matematiche e fisico-applicative lo portarono a dedicarsi alla fisica teorica, disciplina che subito accettò di insegnare. A Monaco, per i successivi 32 anni, Sommerfeld condusse le sue ricerche e contemporaneamente, come professore ordinario di fisica teorica, fu mentore e guida di alcuni tra i più produttivi fisici dell'inizio del secolo scorso (sette di essi insigniti del Premio Nobel). Dopo alcuni anni di ricerca e didattica su molteplici branche della fisica, il 1913 fu un anno di svolta, in quanto Sommerfeld, venuto a conoscenza del modello atomico di Bohr, gli scrisse una lettera in cui asseriva che tale teoria era “indiscutibilmente una conquista importante”.[5] Come nel 1905 aveva fatto per la teoria della relatività speciale di Einstein, Sommerfeld accolse con entusiasmo le nuove idee del fisico danese, mettendosi subito al lavoro e incoraggiando i propri studenti a dedicarvisi. Fu così che l'interesse per le spiegazioni teoriche delle osservazioni spettroscopiche divenne preponderante per Sommerfeld e, nonostante lo scoppio della Grande Guerra, egli rimase in contatto con Bohr, del quale completò il modello di atomo, introducendo il secondo numero quantico (detto azimutale). Bohr, entusiasta, scrisse a Sommerfeld a riguardo: “non credo di aver mai letto qualcosa che mi abbia dato più gioia del suo magnifico lavoro”. Lettera di Bohr a Sommerfeld, 19 marzo 1916, Ibid.

La scrupolosa analisi degli spettri venne raccolta nella mastodontica monografia - nota in seguito come la “Bibbia di Sommerfeld” - Atombau und Spektrallinien nella cui introduzione si può notare l'atteggiamento di indagine della scuola di Monaco e, in generale, della “vecchia scuola quantistica”: […] nessuno competente in fisica potrebbe dubitare che la questione dell'atomo potrà essere risolta quando i fisici avranno imparato a capire il linguaggio degli spettri. […] Quello che stiamo sentendo oggigiorno del linguaggio degli spettri è una vera “musica delle sfere” interne all'atomo, una sinfonia dalle relazioni mirabili, un ordine e un'armonia che diventano sempre più perfetti […].[6]

Nel 1919 Sommerfeld divenne presidente della Deutsche Physikalische Gesellschaft (Società di Fisica Tedesca), che aveva già visto Planck e Einstein alla propria guida.

Nel settembre del 1922, accettò di trascorrere l'anno accademico come visiting professor alla University of Madison (Wisconsin, USA). Nel 1927 Sommerfeld applicò la statistica di Fermi-Dirac al modello di Drude, risolvendo molti problemi per quanto riguardava il comportamento degli elettroni nei metalli e dando origine a quello che viene comunemente chiamato modello di Drude-Sommerfeld. Tra il 1928 e il '29, soddisfatto di quanto aveva ottenuto in America pochi anni prima, l'ordinario di Monaco portò in giro per il mondo la propria concezione della fisica teorica e in particolare della ancora molto dibattuta meccanica quantistica, visitando di nuovo gli Stati Uniti, la Cina, il Giappone e soffermandosi in India.

Dopo l'avvento del Nazionalsocialismo, Sommerfeld si schierò pubblicamente (finché fu possibile) contro il regime, difese strenuamente Einstein e si oppose all'antisemitismo, trovandosi allo scontro con una destra moderata ma connivente (M. Planck, W. Wien) e con i più ferventi esponenti del partito nazista (J. Stark). Tale condotta valse a lui, come a tutti gli intellettuali tedeschi che ebbero un moto repulsivo nei confronti delle discriminazioni razziali, il denigrante appellativo di “ebreo bianco”, avendo scelto di sostenere la scienza “giudaica” nonostante la sua origine ariana.

Sebbene dall'aprile del 1935 avesse conseguito il titolo di professore emerito, Sommerfeld continuò ad insegnare fino al dicembre '39 a causa del dibattito accademico e politico che si scatenò durante la ricerca di un suo sostituto. Il Reichserziehungsministerium (Ministero dell'Istruzione del Reich), alla fine, nominò Wilhelm Müller, il quale non era un fisico teorico né godeva del prestigio del suo predecessore; Carl Ramsauer, allora presidente della Deutsche Physikalische Gesellschaft, preoccupato per il futuro della scienza, espresse così il suo disappunto: “[tale scelta porterà] alla distruzione della tradizione della ricerca di fisica teorica di Monaco”.[7] Nell'aprile del 1951, Sommerfeld venne travolto da una macchina mentre portava a passeggio i nipoti. A causa delle lesioni riportate, morì il 26 dello stesso mese.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sommerfeld fu insignito di molte importanti onorificenze, tra cui la Medaglia Lorentz , la Medaglia Planck e la Medaglia Oersted. Ebbe inoltre riconoscimenti presso la Royal Society di Londra, la National Academy of Sciences di Washington, l'Accademia dei Lincei, l'Accademia dell'U.R.S.S. e l'Accademia Indiana delle Scienze, nonché presso le Accademie di Berlino, Monaco, Vienna, Gottinga, Budapest, Uppsala e Madrid. Tuttavia, egli non riuscì mai a conseguire il Premio Nobel, nonostante l'imbattuto primato di ben 81 candidature.

La Didattica[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua lunga carriera di ordinario a Monaco, Sommerfeld coltivò con grande passione la propria figura di insegnante: le sue ricerche non furono mai individuali, in quanto tendeva a coinvolgere i suoi allievi più brillanti. Egli li caricò sempre di grande responsabilità, assegnando loro compiti stimolanti e spingendoli sempre a superare i loro limiti. Sommerfeld si configurò come un abile tessitore di una rete di contatti tra i propri studenti e i più chiari esponenti della comunità scientifica. Infatti, poco dopo aver individuato in Heisenberg un brillante studente interessato alla teoria atomica, gli chiese: “'Le farebbe piacere conoscere Bohr?' […] Esitai per un attimo, perché il biglietto fino a Gottinga andava molto al di là di quanto potessi allora permettermi. Sommerfeld probabilmente capì il mio imbarazzo, e subito aggiunse che le spese sarebbero state a suo carico”.[8] Si può notare come Sommerfeld fosse interessato al progresso della scienza anche attraverso una creazione di una rete internazionale di scienziati e si può considerare il diretto responsabile degli incontri di Heisenberg con Born, Bohr e Einstein, così come molti altri tra i propri studenti e i luminari del tempo. Tra gli autori delle circa trenta tesi di dottorato che supervisionò negli anni di Monaco, si annoverano, oltre ai già ricordati Pauli ed Heisenberg, Peter Debye (dottorato nel 1908) e Hans Bethe (dottorato nel 1928), tutti vincitori del premio Nobel per la fisica. Altri studenti notabili furono: Alfred Landé, Walter Heitler, Rudolf Peierls, Karl Bechert, Hermann Brück, Paul Peter Ewald, Eugene Feenberg, Herbert Fröhlich, Erwin Fues, Ernst Guillemin, Helmut Hönl, Ludwig Hopf, Adolf Kratzer, Otto Laporte, Wilhelm Lenz, Karl Meissner, Rudolf Seeliger, Heinrich Welker, Gregor Wentzel e Léon Brillouin. Altri studenti che effettuarono incarichi di post-dottorato con Sommerfeld divennero in seguito famosi e in particolare Linus PaulingIsidor I. RabiMax von Laue furono insigniti del premio Nobel. Born pensava che Sommerfeld fosse uno scopritore e un catalizzatore di talenti: “la fisica teorica è una materia che attrae i giovanissimi dotati di una mente filosofica, che si interrogano circa le questioni più profonde senza basi sufficienti. Era proprio questo tipo di principianti che egli sapeva come plasmare, conducendoli passo dopo passo alla consapevolezza delle loro effettive carenze conoscitive e fornendoli delle capacità necessaria per intraprendere fertili ricerche. [...] Egli aveva la rara abilità di trovare tempo da dedicare agli allievi, nonostante gli incarichi e l'attività di ricerca”. Le capacità didattiche di Sommerfeld avevano ricevuto uno sviluppo sistematico e, con l'accrescersi dell'esperienza, dettarono un'organizzazione standard: i suoi corsi venivano tenuti per quattro ore alla settimana, 13 settimane nel primo semestre e 11 settimane nel secondo. Ma a rapire gli studenti erano soprattutto la vasta tipologia di approfondimenti che Sommerfeld forniva e richiedeva. Non era raro che invitasse i propri allievi a partecipare a gite in montagna in cui le escursioni e le sciate erano intervallate da lunghe discussioni di fisica, matematica e filosofia. Inoltre, per tutta la sua carriera di insegnante a Monaco, egli tenne tutte le settimane un seminario pomeridiano di due ore in cui incalzava le giovani menti con gli argomenti più accesi e dibattuti della fisica contemporanea. Tali seminari non avevano il solo scopo di mettere al corrente gli studenti sulle nuove tematiche affrontate dalla fisica, ma di farvici prendere dimestichezza, di misurare le proprie competenze e, in alcuni casi, contribuirvi. Per questo Sommerfeld chiedeva che, dopo aver loro esposto un nuovo argomento, fossero gli stessi studenti a trovare autonomamente un particolare approfondimento da presentare in una esposizione orale la successiva settimana. Tale metodo didattico risultava quindi, per così dire, auto-alimentato in quanto ogni elaborato personale presentato al seminario diventava un nuovo spunto di discussione e la possibile base di un lavoro ulteriore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold Sommerfeld, "Mathematische Theorie der Diffraction" Math. Ann. 47 317–374 (1896)
    • Arnold Sommerfeld, (traduzione inglese di Raymond J. Nagem, Mario Zampolli e Guido Sandri), Mathematical Theory of Diffraction (Birkhäuser Boston, 2003) ISBN 0-8176-3604-8
  • Arnold Sommerfeld, Atombau und Spektrallinien (Friedrich Vieweg und Sohn, Braunschweig, 1919)
    • Arnold Sommerfeld, (tradotto in inglese dalla terza edizione tedesca da Henry L. Brose), Atomic Structure and Spectral Lines (Methuen, 1923)
  • Arnold Sommerfeld, Three Lectures on Atomic Physics (London: Methuen, 1926)
  • Arnold Sommerfeld, Atombau und Spektrallinien, Wellenmechanischer Ergänzungband (Vieweg, Braunschweig, 1929)
    • Arnold Sommerfeld, ( traduzione inglese di Henry L. Brose), Wave-Mechanics: Supplementary Volume to Atomic Structure and Spectral Lines (Dutton, 1929)
  • Arnold Sommerfeld, Lectures on Wave Mechanics Delivered before the Calcutta University (Calcutta University, 1929)
  • Arnold Sommerfeld and Hans Bethe, Elektronentheorie der Metalle in H. Geiger and K. Scheel, editors Handbuch der Physik Volume 24, Part 2, 333–622 (Springer, 1933). (questo capitolo di circa 300 pagine fu in seguito pubblicato come opera separata dal titolo: Elektronentheorie der Metalle) (Springer, 1967).
  • Arnold Sommerfeld, Mechanik – Vorlesungen über theoretische Physik Band 1 (Akademische Verlagsgesellschaft Becker & Erler, 1943)
    • Arnold Sommerfeld, (tradotto in inglese dalla quarta edizione tedesca da Martin O. Stern) Mechanics – Lectures on Theoretical Physics Volume I (Academic Press, 1964)
  • Arnold Sommerfeld, Mechanik der deformierbaren Medien – Vorlesungen über theoretische Physik Band 2 (Akademische Verlagsgesellschaft Becker & Erler, 1945)
    • Arnold Sommerfeld, (tradotto in inglese dalla seconda edizione tedesca da G. Kuerti) Mechanics of Deformable Bodies – Lectures on Theoretical Physics Volume II (Academic Press, 1964)
  • Arnold Sommerfeld Elektrodynamik – Vorlesungen über theoretische Physik Band 3 (Klemm Verlag, Erscheinungsort, 1948)
    • Arnold Sommerfeld, (traduzione in inglese di Edward G. Ramberg), Electrodynamics – Lectures on Theoretical Physics Volume III (Academic Press, 1964)
  • Arnold Sommerfeld, Optik – Vorlesungen über theoretische Physik Band 4 (Dieterich'sche Verlagsbuchhandlung, 1950)
    • Arnold Sommerfeld, (tradotto in inglese dalla prima edizione tedesca da Otto Laporte and Peter A. Moldauer), Optics – Lectures on Theoretical Physics Volume IV (Academic Press, 1964)
  • Arnold Sommerfeld, Thermodynamik und Statistik – Vorlesungen über theoretische Physik Band 5 Herausgegeben von Fritz Bopp und Josef Meixner. (Diederich sche Verlagsbuchhandlung, 1952)
    • Arnold Sommerfeld, edited by F. Bopp and J. Meixner, (traduzione inglese di J. Kestin), Thermodynamics and Statistical Mechanics – Lectures on Theoretical Physics Volume V (Academic Press, 1964)
  • Arnold Sommerfeld, Partielle Differentialgleichungen der Physik – Vorlesungen über theoretische Physik Band 6 (Dieterich'sche Verlagsbuchhandlung, 1947)
    • Arnold Sommerfeld, (traduzione inglese di Ernest G. Straus), Partial Differential Equations in Physics – Lectures on Theoretical Physics Volume VI (Academic Press, 1964)
  • Felix Klein and Arnold Sommerfeld, Über die Theorie des Kreisels [4 volumes] (Teubner, 1897)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autobiographische Skizze.” in Gesammelte Schriften,  Vieweg Verlag, 1968. IV, pp. 673–682
  2. ^ Werner Heisenberg, Physics and Beyond. Encounters and Conversations, 1971, Harper & Row (New York), trad. di Marco e Dida Paggi.
  3. ^ Autobiographische Skizze.” in Gesammelte Schriften,  Vieweg Verlag, 1968.
  4. ^ Autobiographische Skizze.” in Gesammelte Schriften,  Vieweg Verlag, 1968.
  5. ^ Lettera di Sommerfeld a Bohr, 4 ottobre 1913, N. Bohr Colletted Works, vol. II, p.603 Ed. Elsevier, a cura di Finn Aaserud
  6. ^ Prefazione alla prima edizione di Atombau und Spektrallinien; 1919, Monaco. (Atomic structure of the spectral line, trad. di Henry L. Brose, 1923)
  7. ^ Lettera di Carl Ramsauer al Ministro del Reich, Bernhard Rust del 20 January 1942. In Hentschel, Klaus and Ann M. Hentschel Physics and National Socialism: An Anthology of Primary Sources, Birkhäuser, 1996.
  8. ^ Werner Heisenberg, Physics and Beyond. Encounters and Conversations, 1971, Harper & Row (New York), trad. di Marco e Dida Paggi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Lindley, Uncetainty: Einstein, Heisenberg, Bohr, and the Struggle for the Soul of Science, New York, 2007.
  • David C. Cassidy, Uncertainty: the Life and the Science of Werner Heisemberg, W. H. Freeman & Co., New York, 1992.
  • Seth, Suman. “Principles and Problems: Constructions of Theoretical Physics in Germany, 1890–1918.” Ph.D. diss., Princeton University, Princeton, 2003.
  • Arnold Sommerfeld, Atombau und Spektrallinien; 1919, Monaco.
  • N. Bohr Colletted Works, Ed. Elsevier, a cura di Finn Aaserud.
  • Database online del progetto di ricerca del Naturwissenschaften presso la Ludwig-Maximilian-Universität di Monaco di Baviera, a cura di Jürgen Teichmann, Harald Fritzsch e Arnulf Schlüter: http://www.lrz.de/~Sommerfeld/PersDat/00001.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 36967197 LCCN: n/85/801588