Arnoaldo di Metz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Arnoaldo
Nascita circa 560
Morte 611
Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa cristiana ortodossa
Canonizzazione Pre-canonizzazione

Sant' Arnoaldo, noto anche come Arnoldo o Arnualo (560 circa – 611), è stato vescovo di Metz fra il 601 (o 599[1]) e il 609 o il 611 e margravio della Schelda.

Era figlio del senatore Ansberto, nipote del senatore Tonanzio Ferreolo, e di sua moglie Blithilde. Successe a suo zio Agilulfo come vescovo di Metz.

Arnoaldo ha dato nome ad un quartiere di Saarbrücken: St. Arnualer Markt. Il quartiere si chiamava in precedenza Merkingen e sarebbe stato ceduto al vescovo dal re di Austrasia Teodeberto II[2]. Arnoaldo vi fondò un'abbazia[1].

Famiglia e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Sposò prima del 584 Oda (?), nata verso il 564 e ha avuto per figli Itta, sposa di Pipino di Landen, e Doda nata verso il 584, sposa di Arnolfo di Metz poi suora a Treviri dopo il 612.

Alcuni genealogisti hanno fatto di Arnoaldo il padre di Arnolfo di Metz. Questa filiazione è però fortemente contestata [3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Claude Philippe de Viville, Dictionnaire du département de la Moselle, 1817, p. 289
  2. ^ (DE) Hans-Walter Herrmann, Die Stiftskirche St. Arnual in Saarbrücken, 1998, p.590, ISBN 3-7927-1724-7
  3. ^ Pierre Auguste Florent Gérard, Histoire des Francs d'Austrasie, 1865, p. 333

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Christian Settipani, Les Ancêtres de Charlemagne, Éditions Christian, 1989.
  • Christian Settipani, Continuité Gentilice et Continuite Familiale Dans Les Familles Senatoriales Romaines A L'epoque Imperiale, Mythe et Realité, Addenda I - III (juillet 2000- octobre 2002), n.p.: Prosopographica et Genealogica, 2002.
  • AA.VV., Monumenta Germaniae Historica, Leipzig, 1923-1925).