Arnim Zola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arnim Zola
Arnim Zola (in alto), disegnato da John Romita, Jr.
Arnim Zola (in alto), disegnato da John Romita, Jr.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Arnim Zola
Autore Jack Kirby
Editore Marvel Comics
1ª app. aprile 1977
1ª app. in Captain America and the Falcon n. 208
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 26 giugno 1978
app. it. in Thor & Capitan America n. 188
Specie androide
Sesso Maschio
Etnia italo-svizzero
Luogo di nascita Monte Weissmies, Svizzera
Abilità

Arnim Zola, è un personaggio dei fumetti, creato da Jack Kirby (testi e disegni), pubblicata dalla Marvel Comics. È apparso per la prima volta in Captain America and the Falcon[1] n. 208 (aprile 1977).

Appare come un macabro personaggio con un corpo robot che ha sul petto un grosso schermo dove appare l'immagine del suo viso. Arnim Zola è un malvagio esperto in genetica, capace di creare in laboratorio creature mostruose manipolando il DNA degli esseri viventi. Rispetto ad altri supercriminali affronta raramente i propri rivali a viso aperto, ma rimane solitamente dietro le quinte a tramare nell'ombra.

Nell'immaginario dell'universo Marvel, grazie ad Arnim Zola, Adolf Hitler è riuscito a sopravvivere fino ai giorni nostri nei panni del Seminatore d'odio.

Di recente è tornato alla ribalta grazie a Ed Brubaker che lo ha utilizzato nelle sue storie.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Arnim Zola è uno dei principali esperti mondiali nel campo della genetica e durante la seconda guerra mondiale fu una delle più spietate e brillanti menti al servizio del Terzo Reich. Zola è sopravvissuto dalla fine della guerra ai giorni nostri trapiantando il proprio cervello in un corpo robot, che ha sul petto un grosso schermo nel quale compare il suo viso, dandogli così un aspetto grottesco e inumano.

Zola ha continuato a collaborare per anni col Teschio Rosso, il quale finanzia i suoi mostruosi esperimenti di genetica. Riuscì a clonare il corpo di Hitler e a creare il Seminatore d'odio.

Arnim Zola collaborò anche col Barone Zemo II, dando vita a Vermin, un ragazzo di colore trasformato in un orribile uomo-topo, che si scontrò con Capitan America e l'Uomo Ragno.

Quando il Teschio vide terminare gli effetti del gas che lo mantennero giovane dal termine della guerra a oggi, ordinò a Zola di prelevare un campione di sangue dal Capitano (in quel momento suo prigioniero) per poterne ricavare un corpo clonato. L'esperimento ebbe successo e quando il Teschio morì Zola trasferì il suo cervello in quello ricavato dalle cellule di Steve Rogers, dando al Teschio un nuovo corpo totalmente identico a quello del suo mortale nemico.

Venuto a sapere ciò lo S.H.I.E.L.D. attaccò e distrusse i laboratori di Zola, in modo da non potergli far più ripetere l'esperimento, e in quell'occasione Arnim Zola sembrò morire.

In realtà riuscì a salvarsi e tutt'oggi collabora col Teschio Rosso e il Dottor Faustus, coi quali sta organizzando un misterioso piano per la conquista del mondo.

Arnim Zola è uno dei nove supercriminali contattati dalla Bestia degli X-Men per trovare una cura all'estinzione mutante.

Mentre era in fuga assieme al Teschio, quando la loro base venne attaccata da una squadra S.H.I.E.L.D. guidata da Falcon e la Vedova Nera, Zola è stato colpito e, apparentemente, ucciso dal Capitan America degli anni cinquanta. La mente di Zola però sembra non essere morta, in quanto una sua registrazione dice al Teschio (ora rinchiuso in un corpo robotico identico al suo) che presto tornerà.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Ultimate[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ultimates.

Anche nell'universo Ultimate esiste una versione di Arnim Zola, ancora più grottesca e pericolosa.

Perverso genio nazista sconfitto da Cap durante la seconda guerra mondiale, il suo cervello venne clonato e ibernato dagli scienziati del O.S.S. (Office of Strategic Services) allo scopo di creare dei nuovi super soldati.

Divenuto un'intelligenza artificiale, Zola tornò a tormentare il Capitano all'indomani della battaglia tra gli Ultimates e i Liberatori, allo scopo di trasferire la sua coscienza all'interno del corpo da super soldato di Cap. Cap riuscì a sconfiggere il redivivo nemico solo grazie all'aiuto dell'agente S.H.I.E.L.D. Sam Wilson alias Falcon.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Captain America - Il primo Vendicatore e Captain America: The Winter Soldier.
  • L'attore britannico Toby Jones ha interpretato il ruolo dello scienziato criminale Arnim Zola in Captain America - Il primo Vendicatore, del 2011. In tale versione, l'uomo è un membro dell'HYDRA e il braccio destro del Teschio Rosso.
  • Jones ha ripreso il ruolo nel sequel della pellicola Captain America: The Winter Soldier, dove si scopre che, dopo la cattura, venne assunto dallo S.H.I.E.L.D. contribuendo così a insidiarvi l'HYDRA. Dopo che gli venne diagnosticata una malattia incurabile, inoltre, decise di traslare la sua mente in un computer, divenendo un'intelligenza artificiale, collegata a tutti i computer del mondo[2].

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Inizialmente con il titolo Captain America (Vol. 1), dal n. 134 (febbraio 1971) la testata diventa Captain America and The Falcon, per tornare di nuovo Captain America (Vol. 1) dal n. 224 (agosto 1978).
  2. ^ Movieplayer.it - Toby Jones nemico di Capitan America
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics