Arnaut Guilhem de Marsan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arnaut Guilhem[1] de Marsan (... – ...) è stato un nobiluomo e trovatore landese del XII secolo (fl. 1160–1180), discendente da un ramo cadetto dei visconti di Marsan, e uno dei più importanti feudatari landesi, essendo lui stesso signore di Roquefort e Montgaillard e co-signore di Marsan.

Arnaut faceva parte della scorta che accompagnava nel 1170 Eleonora (figlia di Enrico II d'Inghilterra e di Eleonora d'Aquitania) da Bordeaux al confine spagnolo per il suo matrimonio con Alfonso VIII di Castiglia, fatto attestato in un documento di Eleonora d'Aquitania.

Arnaut Guilhem era anche un poeta lirico occitano che compose uno dei primi ensenhamens o poemi didattici: l'Ensenhamen del cavaier (l'insegnamento del cavaliere). Il medievalista Mark Johnston annota il fatto che la sua opera sia simile a quella di un altro poeta trovatore del XII secolo, Garin lo Brun.

Secondo quanto si legge in una vida occitana, il trovatore Peire de Valeira proveniva dalle terre di Arnaut Guilhem, il quale era l'antenato di tre rami della casata di Marsan per mezzo dei suoi tre figli:

- quello dei co-signori di Marsans e signori di Roquefort e Montgaillard;
- quello dei signori di Cauna (nei pressi di Saint-Sever);
- e quello dei signori di Tardets.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ o Guillem

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Egan, Margarita, ed. e trad. The Vidas of the Troubadours. New York: Garland, 1984. ISBN 0824094379.
  • (EN) Johnston, Mark. "Gender as Conduct in the Courtesy Guides for Aristocratic Boys and Girls of Amanieu de Sescas." Essays in Medieval Studies, 20 (2003), pp. 75–84.
  • (FR) Pubblicazione del testo originale del suo Ensenhamen con una traduzione francese di Gérard Gouiran, in Jacques de Cauna, L'Ensenhamen ou code du parfait chevalier du troubadour gascon Arnaut-Guilhem de Marsan, éd. Pyrémonde, Monein, 2007, pp 64-95.
  • (IT) Pubblicazione del testo originale del suo Ensenhamen con una traduzione italiana in : Giuseppe E. Sansone, Testi didattico-cortesi di Provenza, Biblioteca di filologia romanza n°29, Bari, 1977, pp 111-145.
  • (IT) Dettagli biografici su Arnaut-Guilhem de Marsan si trovano in: S. Guida, « Cartulari e trovatori », Cultura neolatina, Roma-Modena, 1999, pp 77-86.
  • (IT) La datazione del suo Ensenhamen : R. Lejeune, "La data dell'Ensenhamen di Arnaut-Guilhem de Marsan", Studi Medievali, vol.22, Torino, 1939, pp 160-171.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]