Armstrong Whitworth Sissit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armstrong Whitworth Sissit
Armstrong Whitworth F.K.1
Descrizione
Tipo scout
Equipaggio 1
Progettista Frederick Koolhoven
Costruttore Regno Unito Armstrong Whitworth
Data primo volo 1914
Data entrata in servizio mai
Esemplari 1
Propulsione
Motore un rotativo Gnôme
Potenza 50 hp (37 kW)
Prestazioni
Velocità max 121 km/h (75 mph)
Velocità di stallo 48 km/h (30 mph)

i dati sono estratti da British Aeroplanes 1914-18[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Armstrong Whitworth Sissit, noto anche come Armstrong Whitworth F.K.1, fu un aereo scout, precursore dei più specializzati aerei da caccia, monoposto biplano realizzato dal dipartimento aeronautico dell'azienda britannica Armstrong Whitworth negli anni dieci del XX secolo e rimasto allo stadio di prototipo.

Primo velivolo progettato e costruito dall'azienda, venne proposto alle autorità militari britanniche per equipaggiare i reparti aeronautici dopo lo scoppio della prima guerra mondiale ma a causa delle sue modeste prestazioni non venne ritenuto idoneo e, di conseguenza, non venne avviato alla produzione in serie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1913 il War Office, dipartimento del Governo britannico responsabile dell'amministrazione del British Army, invitò la Sir W G Armstrong Whitworth & Co Ltd ad avviare la produzione di velivoli e motori aeronautici per equipaggiare i propri reparti dell'esercito. Decisa a cogliere questa opportunità l'azienda creò un apposito dipartimento per lo sviluppo del settore ed assunse il progettista olandese Frederick Koolhoven, già ingegnere capo della British Deperdussin, assegnandogli la direzione dell'ufficio di progettazione.[2]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo progetto che Koolhoven sviluppò per l'Armstong Whitworth fu un compatto velivolo monoposto destinato al ruolo di scout, caratterizzato dalla configurazione alare biplana con ali collegate tra loro da una singola coppia di montanti per lato, monomotore ad elica traente e coda realizzata con equilibratori e piani orizzontali mobili. Il modello, al quale venne assegnato il nome "Sissit", venne successivamente indicato anche con la sigla F.K.1.[3][4].[5]

Benché il progetto prevedesse una motorizzazione basata su un rotativo Gnôme da 80 hp (60 kW), Koolhaven non riuscì a recuperare tale motore e per equipaggiare il prototipo fu costretto a ricorrere ad un'unità dalla minor potenza, sempre uno Gnôme ma da 50 hp (37 kW). Con questa motorizzazione lo stesso Koolhaven lo portò in volo per la prima volta nel settembre 1914.[6] Le prove di volo dimostrarono che il velivolo risultava sottopotenziato, inoltre si cercò di migliorarne le caratteristiche intervenendo sull'impennaggio, adottando piani orizzontali fissi, ed introducendo alettoni nell'ala.[7] Data la disponibilità dei pari ruolo Sopwith Tabloid e Bristol Scout, modelli che si dimostrarono superiori, lo sviluppo del Sissit venne interrotto.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruce 1957, p.12.
  2. ^ Tapper 1988, pp. 5-6.
  3. ^ Tapper 1988, p.8.
  4. ^ Non esiste un elenco definitivo della vera sequenza delle sigle F.K.+numero applicata da Koolhaven ai suoi progetti, tuttavia l'identificazione del Sissit come F.K.1 è probabilmente corretta.
  5. ^ Bruce 1957, p.10.
  6. ^ a b Mason 1992, p.35.
  7. ^ Bruce 1957, p.11.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruce, J.M. British Aeroplanes 1914-18 (in inglese). London: Putnam, 1957.
  • Mason, Francis K. The British Fighter since 1912 (in inglese). Annapolis, Maryland, USA:Naval Institute Press, 1992. ISBN 1-55750-082-7.
  • Tapper, Oliver. Armstrong Whitworth Aircraft since 1914 (in inglese). London:Putnam, 1988. ISBN 0-85177-826-7.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Regno Unito