Armstrong Whitworth F.K.10

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armstrong Whitworth F.K.10
Armstrong Whitworth F.K.10 side view.jpg
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 2
Progettista Frederick Koolhoven
Costruttore Regno Unito Armstrong Whitworth
Data primo volo 1916
Esemplari 9 (1 F.K.9 + 8 F.K.10)
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,78 m
Apertura alare 8,48 m
Altezza 3,50 m
Superficie alare 26,3
Peso a vuoto 562 kg
Peso carico 918 kg
Propulsione
Motore un rotativo Clerget 9B
Potenza 130 CV (97 kW)
Prestazioni
Velocità max 135 km/h a 2.000 metri di altezza.
Armamento
Mitragliatrici Una Vickers calibro .303 British sul muso
una Lewis calibro .303 per il pilota.

i dati sono estratti da:
Warplanes of the First World War, Fighters Volume One[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Armstrong Whitworth F.K.10 fu un caccia monoposto quadriplano prodotto in piccola serie dal dipartimento aeronautico dell'azienda britannica Armstrong Whitworth negli anni dieci del XX secolo.

Ordinato dal Royal Flying Corps e dal Royal Naval Air Service, benché adottato durante la prima guerra mondiale non venne mai utilizzato in operazioni belliche. Fu anche uno dei pochi velivoli a velatura quadriplana ad essere avviato alla produzione in serie.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'F.K.10 fu progettato nel 1916 da Frederick Koolhoven[2], capo progettista della Armstrong Whitworth, come un aereo biposto a motore singolo. Koolhoven decise di utilizzare la nuova (per l'epoca) conformazione a quattro ali già utilizzata dalla Supermarine per alcuni suoi velivoli anti-Zeppelin.

Il primo prototipo, l'F.K.9[3], fu costruito e testato nell'estate del 1916. Era equipaggiato con un motore Clerget 9Z da 110 Hp (80 kW) e aveva una fusoliera leggera e le ali erano connesse tra loro da travature[4], similarmente al Sopwith Triplane. Dopo i test di volo eseguiti alla Central Flying School verso la fine del 1916 si optò per eseguire un ordine di 50 esemplari della versione migliorata del F.K.9, cioè l'F.K.10.[3]

La nuova versione del velivolo possedeva una nuova fusoliera, più robusta, e una nuova coda ma mantenne la disposizione delle ali della versione precedente. Comunque l'F.K.10 aveva prestazioni inferiori al Sopwith 1½ Strutter, già in servizio come caccia biposto pertanto furono realizzati solo 5 esemplari per il Royal Flying Corps e tre per il Royal Naval Air Service[3]. Non furono utilizzati comunque per azioni belliche ed il progetto non venne ulteriormente sviluppato[5].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • F.K.9 Prototipo equipaggiato con un motore Clerget 9Z da 110 Hp (80 kW).
  • F.K.10 Versione prodotta con una fusoliera e coda riviste, equipaggato con un rotativo Clerget 9B da 130 CV (97 kW)

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Regno Unito

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruce 1965, p.14.
  2. ^ Mason 1992, p.76.
  3. ^ a b c Green and Swanborough 1994, p.25.
  4. ^ Bruce 1965, p.11-12.
  5. ^ Bruce 1965, p.13.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruce, J.M. (1965). Warplanes of the First World War, Fighters Volume One, Great Britain (in inglese). London: Macdonald.
  • Green, W.; Swanborough, G. (1994). The Complete Book of Fighters (in inglese). New York: Smithmark. ISBN 0-8317-3939-8.
  • Mason, Francis K (1992). The British Fighter since 1912 (in inglese). Annapolis, Ma: Naval Institute Press. ISBN 1-55750-082-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]